17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/07/2015, 00.00

    VIETNAM

    Oltre un milione di vietnamiti vittime di espropri forzati e di pestaggi

    Ngoc Lan

    Contadini, comunità religiose buddiste e cristiane, derubati dalle politiche governative sulle terre. A fronte di risarcimenti irrisori requisite intere aree che spesso restano inutilizzate. Arresti e percosse per i cittadini che manifestano. Dietro la politica degli espropri gli interessi di compagnie e aziende cinesi.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews) - Le controversie legate al possesso dei terreni che vedono opposti funzionari governativi e comunità religiose (buddiste e cristiane) o semplici cittadini, continuano a frenare - come già denunciato in passato - lo sviluppo economico e sociale del Vietnam. Ancora oggi centinaia di migliaia di poveri agricoltori si vedono espropriati dei campi, cacciati dalle terre a fronte di risarcimenti irrisori. Dai darti più recenti, in tutto il Paese vi sarebbero quasi “un milione di petizionieri”, spesso poveri e senza alcuna forma di tutela legale, alla vana ricerca di giustizia. 

    Secondo una ricerca della Camera di commercio di Cần Thơ, città del sud, sul delta del Mekong vi sono 74 aziende manifatturiere, 214 gruppi industriali sparsi du un’area di 42mila ettari. Tuttavia, il 92% di questi sono inutilizzati e molti dei complessi usano fra il 5 e il 40% dei terreni. Il rimanente, aggiungono gli esperti “è abbandonato ed è fonte di inquinamento per le comunità circostanti”. 

    Nel giugno scorso migliaia di agricoltori e cittadini poveri di diverse province si sono riuniti di fronte agli uffici del Parlamento, chiedendo aiuto; in risposta, le autorità comuniste hanno chiesto l’intervento di poliziotti e “picchiatori” che hanno malmenato e arrestato diversi manifestanti. A Cẩm Điền, nella provincia settentrionale di Hai Duong, da settimane sono in atto proteste di cittadini che si lamentano dei risarcimenti irrisori a fronte dell’esproprio dei terreni. 

    Fra quanti hanno subito espropri vi sono i padri redentoristi della parrocchia di Thái Hà, ad Hanoi, che potevano vantare terreni per 60mila metri quadri oggi ridotti a poco più di 2.500. Una drastica riduzione, frutto dei sequestri ottenuti con la forza da parte del governo comunista che si è impossessato di tre aree dall’importanza strategica. Una vicenda analoga sta interessando l’area su cui sorge la pagoda di Liên Trì, ad Ho Chi Minh City, nel sud del Paese. 

    Attivisti e gruppi pro diritti umani auspicano da tempo una revisione della legge che regola il possesso dei terreni, da affiancare al miglioramento delle politiche economiche e sociali. Tuttavia, in molti fra le sfere del governo e delle amministrazioni locali si oppongono a un cambiamento, che finirebbe per ostacolare gli affari illegali, la corruzione dilagante e i voti di scambio che finora hanno abbondato nel settore. Secondo alcuni dietro i continui espropri vi sono molte aziende e imprenditori cinesi, che fanno affari nel vicino Vietnam corrompendo i funzionari locali e alti funzionari dell’apparato statale a discapito della maggioranza della popolazione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/12/2013 VIETNAM
    Banca mondiale e Chiesa vietnamita contro gli espropri forzati: un freno allo sviluppo
    Le tensioni sociali che derivano dalle dispute sulle terre allontanano gli investitori stranieri e ridimensionano la crescita. Previsto l’indice di sviluppo più basso dal 1999 a oggi. In tre anni oltre 700mila dispute, a rischio decine di progetti infrastrutturali. Conferenza episcopale: servono modifiche costituzionali a tutela della proprietà. Funzionaria Onu a sostegno dei cattolici di Con Dau.

    12/04/2013 VIETNAM
    Vietnam, condannato un funzionario per l’esproprio alla “famiglia coraggio”
    La corte di Tien Lang ha inflitto 30 mesi di prigione a Nguyen Van Khanh, vice-presidente del distretto, per distruzione di proprietà. È uno dei rari casi di incriminazione verso le autorità locali colpevoli di abusi. Tuttavia, secondo la moglie di Van Vuon egli è solo un capro espiatorio e i veri responsabili sono rimasti impuniti.

    10/08/2017 12:39:00 VIETNAM
    Hanoi, ruberie di terre: Condannati 14 funzionari. I contadini sequestrano 38 poliziotti

    Tra il 2002 e il 2013, i condannati hanno assegnato lotti a 29 famiglie nel comune di Dong Tam in cambio di denaro. Fra essi, 10 sono ex quadri del Comitato popolare, quattro del Dipartimento ambiente del distretto di My Duc. Ma gli agricoltori di Dong Tam protestano per i 47 ettari di terreno agricolo che il governo sta sottraendo loro per la Viettel Group. Promesse di immunità non mantenute.



    21/04/2017 14:27:00 VIETNAM
    Hanoi, contadini in lotta contro l’esproprio di terreni: barricate e poliziotti sequestrati

    Al centro della contesa alcune terre a My Duc, sobborgo alla periferia della capitale. Da giorni i residenti tengono in ostaggio 20 fra agenti e funzionari. Il governo invia il sindaco di Hanoi a mediare. I manifestanti rifiutano l’incontro. Pronti a dare fuoco agli ostaggi in caso di intervento armato.

     



    17/11/2015 VIETNAM
    Saigon, edifici cattolici nel mirino dei comunisti. Suore in campo contro l’esproprio
    Tre strutture appartenenti alla Congregazione delle Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm sono contese dall’amministrazione locale. Secondo l’accordo fra governo e cattolici, gli edifici devono ospitare scuole; il distretto vuole modificare la destinazione d’uso. I vertici della Chiesa locale e i fedeli accanto alle religiose nella loro battaglia.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®