19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2017, 08.54

    YEMEN - ONU

    Onu: parti in lotta e potenze straniere loro alleate responsabili dell’epidemia di colera



    Il sotto-segretario agli Affari umanitari delle Nazioni unite parla di “scandalo” causato “interamente dall’uomo”. I belligeranti e quanti li sostengono oltreconfine “dirigono, riforniscono, combattono e perpetrano” le violenze. I casi di contagio sono saliti a 320mila, almeno 1740 le vittime. Servfono 250 milioni di dollari per fronteggiare l’emergenza, finora raccolti 47.

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - Le parti in lotta in Yemen - e le potenze straniere che le sostengono - sono corresponsabili della gravissima epidemia di colera divampata di recente nel Paese arabo, la peggiore al mondo secondo i sanitari. È quanto ha affermato il responsabile delle Nazioni Unite in Yemen, secondo cui il conflitto e la cronica mancanza di cibo e generi di prima necessità, fra cui medicine, sono gli imputati numero uno della malattia che ha colpito sinora oltre 320mila persone.

    Intervenendo al Consiglio di sicurezza Onu Stephen O’Brien, sotto-segretario per gli Affari umanitari e coordinatore per le Emergenze, ha affermato che “questo scandalo colera è causato interamente dall’uomo”; egli ha quindi puntato il dito contro “le parti in lotta e quanti, oltre il confine dello Yemen, dirigono, riforniscono, combattono e perpetrano il timore e la lotta”. La crisi umanitaria, ha quindi proseguito l’esperto, “è il risultato diretto del conflitto e delle gravi violazioni al diritto internazionale”. Ad oggi nel Paese arabo si segnalano oltre 320mila contagi per colera, che si è diffuso ormai in quasi tutte le province. Le vittime sono almeno 1740, ma i numeri sono in rapida evoluzione.

    Gli fa eco Ismail Ould Cheikh Ahmed, inviato speciale Onu per lo Yemen, che definisce “orrenda” la crisi umanitaria in corso; egli stima che il Paese non deve fronteggiare “un’unica emergenza, ma diverse emergenze assai complesse”.

    Le Nazioni Unite invocano a gran voce la raccolta di almeno 250 milioni di dollari per fronteggiare l’emergenza; finora ne sono stati raccolti 47.

    Gli esperti Onu confermano dunque una volta di più l’allarme lanciato di recente ad AsiaNews da mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale (Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen). Il prelato aveva parlato di una situazione  “disastrosa” in uno dei Paesi più poveri della regione e sull’orlo del baratro, piagato da epidemie, guerra e carestie croniche.

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Abedrabbo Mansour Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran e agli Hezbollah libanesi. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime [fra i civili] che hanno provocato. Tra questi vi sono anche bambini. Fonti Onu parlano di oltre 8mila morti e 45mila feriti.

    Su un totale di 28 milioni di abitanti, il conflitto ha inoltre lasciato fino a 18,8 milioni di persone bisognose di assistenza e di aiuti umanitari per poter sopravvivere. Di questi, almeno sette milioni sono considerati sull’orlo della carestia; tra loro 2,3 milioni sono bambini “malnutriti” e di età inferiore ai cinque anni. (DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/12/2017 09:46:00 YEMEN
    Croce rossa: continua l’emergenza colera in Yemen, oltre un milione di casi

    Dall’aprile scorso sono già decedute 2226 persone. L’epidemia è favorita dal deterioramento delle condizioni igienico-sanitarie e dal blocco imposto dai sauditi. Msf: batterio molto resistenze. Timori per un picco nei casi con l’inizio della stagione delle piogge a marzo. Oltre l’80% della popolazione necessita di cibo, carburante, acqua e medicine.

     



    26/06/2017 08:48:00 YEMEN - ONU
    Onu: in Yemen è in atto la peggiore epidemia di colera al mondo

    Una nota congiunta degli esperti di Unicef e Oms. I casi sospetti hanno superato quota 200mila, le vittime oltre 1300; di queste, un quarto erano bambini. Vi sono 5mila nuovi casi al giorno. Quasi 19 milioni di persone su 28 milioni bisognose di assistenza. Sette milioni sono sull’orlo della carestia. Il sistema sanitario è al collasso, a rischio le scorte di acqua potabile. 

     



    16/06/2017 08:51:00 YEMEN - ONU
    Onu: Contro la crisi umanitaria in Yemen cessate il fuoco immediato e porti aperti agli aiuti

    Il Consiglio di Sicurezza approva all’unanimità un appello rivolto a tutte le parti coinvolte nel conflitto. Fondamentale garantire l’accesso al porto di Hodeida, che rappresenta una “fondamentale ancora di salvezza”. Dall’inizio dell’emergenza colera morte 923 persone, i casi sospetti hanno superato quota 124mila.

     



    09/06/2017 08:55:00 YEMEN
    Yemen, prosegue l’emergenza colera: quasi 800 morti e oltre 100mila contagiati

    I casi si sono registrati in 19 diverse province. Oms: entro sei mesi fino a 250mila persone colpite. Oxfam: Una vittima ogni ora, nazione “sull’orlo del precipizio”. Fermare la guerra e ripristinare gli aiuti umanitari. A favorire la diffusione le pessime condizioni igienico-sanitarie e la carenza di strutture mediche.

     



    05/06/2017 13:58:00 YEMEN
    Yemen, vicario d’Arabia: fra guerre ed epidemie (di colera) situazione “disastrosa”

    Fonti Oms parlano di quasi 74mila casi di colera, le vittime oltre 600 (405 bambini). A rischio fino a 300mila persone. Ogni 10 minuti muore un bambino sotto i cinque anni. Strutture sanitarie al collasso. Mons. Hinder: la nostra preghiera e l’aiuto silenzioso per cristiani e musulmani. Difficile portare aiuti, bisogna mantenere viva l’attenzione.

     





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®