12/11/2012, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Orissa, dissacrato un cimitero cristiano nel Kandhamal

di Nirmala Carvalho
Un gruppo di ignoti ha rimosso tutte le croci e abbattuto alcuni alberi e cespugli. Secondo un pastore metodista della zona, anche le tombe sono a rischio. In passato, l'area è già stata teatro di violenze anticristiane.

Mumbai (AsiaNews) - Il cimitero cristiano del villaggio di Midiakia (distretto di Kandhamal, Orissa) è stato dissacrato da un gruppo di sconosciuti. La notizia è stata diffusa solo ieri, ma il rev. Gaurango Nayak, pastore della Chiesa metodista, ha scoperto l'accaduto una settimana fa, quando si è recato nel camposanto per pregare. Gli autori del gesto hanno rimosso le croci da ogni tomba e abbattuto alcuni alberi e cespugli. Secondo il pastore, "nei prossimi due giorni, anche tutti i tumuli saranno dissestati". Per il momento, i leader delle Chiese locali hanno denunciato il fatto a polizia e funzionari, ma i responsabili non sono stati ancora arrestati. Gli agenti hanno posto l'area sotto l'art. 145 (assemblea illegale) del Codice penale, per evitare che entrambe le parti si introducano nel camposanto.

Il villaggio di Midiakia si trova a circa 15 km a sud di Balliguda, e accoglie cristiani di denominazione cattolica, metodista e battista. Diverse volte in passato è stato teatro di azioni violente o offensive contro i cristiani. Durante i pogrom del 2008, i nazionalisti indù hanno saccheggiato tutte le abitazioni. Il 26 luglio del 2011, il pastore protestante Michael Nayak è stato ucciso in un agguato di radicali indù, ma nonostante le prove la polizia ha chiuso il caso come incidente.

Ad AsiaNews Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), si dice "molto preoccupato" per la "sinistra, subdola e continua persecuzione contro i cristiani del distretto di Kandhamal". "Il Gcic - aggiunge - condanna la dissacrazione del cimitero di Midiakia, e rinnova la sua richiesta di investigare sul caso di Michael Nayak e altri casi analoghi, per garantire giustizia alla comunità cristiana".

John Dayal, attivista e membro del National Integration Council del governo centrale indiano, ha presentato il fatto a due membri della Commissione nazionale per le minoranza, ma non ha ancora ricevuto risposta. "È l'ennesima orribile storia di Kandhamal - ha dichiarato Dayal -, e come al solito il governo dell'Orissa continua a negare". 

 

Ha collaborato Santosh Digal

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Barwa scrive al governo: Cimiteri, aiuti e giustizia per i cristiani dell’Orissa
22/10/2015
Mons. Barwa: Il Kandhamal Day a ricordo delle sofferenze dei cristiani
24/08/2017 08:37
Associazioni indiane: il 25 agosto ricordiamo le vittime cristiane del Kandhamal
16/08/2017 10:43
Kandhamal, la fede rinasce sulle ceneri dei pogrom
23/01/2019 11:36
Kandhamal, coppia cristiana uccisa a sangue freddo “perché maoista”. Torna l'incubo dei pogrom
28/07/2015