25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/01/2016, 00.00

    INDIA

    Orissa, via libera alla canonizzazione dei martiri cristiani di Kandhamal



    Il processo sarà guidato da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Egli ha il compito di formare un gruppo di esperti e raccogliere informazioni sui martiri. Nell’agosto del 2008 i radicali indù hanno ucciso circa 100 cristiani. Le violenze hanno costretto 56mila persone a fuggire dalle loro case; 10mila di esse ancora non hanno fatto ritorno. Oltre 6.500 case distrutte e 395 chiese profanate.

    Cuttack-Bhubaneswar (AsiaNews/CNA) – La Chiesa cattolica dell’India ha deciso di dare avvio alla causa di canonizzazione dei circa 100 martiri cristiani uccisi dai radicali indù durante i pogrom del 2008 in Orissa. Lo ha deciso nei giorni scorsi il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci) e della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia (Fabc). Il porporato ha nominato mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar, alla guida del processo dei “martiri di Kandhamal”.

    Mons. Barwa ha commentato: “L’apertura della causa è motivo di orgoglio per i parenti delle vittime e per tutta la Chiesa. I nostri uomini, donne e bambini, resi martiri a causa della loro fede, non sono stati dimenticati”. “Anche se essi sono stati uccisi in modo orribile, la loro morte ha portato una nuova vita e una nuova fede. Questo rende orgogliosi i parenti delle vittime”.

    Nell’agosto del 2008 i radicali indù hanno ucciso circa 100 cristiani, incolpati dell’omicidio del guru Swami Lakshmanananda, leader del gruppo nazionalista indù Vishna Hindu Parishad. Anche se i guerriglieri maoisti hanno più volte rivendicato l’assassinio del guru, i fondamentalisti indù hanno scatenato nel distretto di Kandhamal il più feroce massacro contro la minoranza cristiana mai avvenuto in India.

    I fedeli cristiani sono stati assassinati per essersi rifiutati di convertirsi all’indù. Inoltre più di 56mila persone hanno abbandonato le proprie case e si sono rifugiate nella foresta, dove hanno sofferto per la fame e l’indigenza. I radicali hanno distrutto circa 6.500 case e 395 chiese; ad oggi, quasi 10mila persone non hanno fatto ancora ritorno alle proprie abitazioni.

    I sopravvissuti ai pogrom del 2008 hanno raccontato storie di violenze atroci, compresi episodi di tortura e conversioni forzate. Il card. Gracias ha deciso di dare impulso al processo di canonizzazione dopo l’incontro con uno di essi, avvenuto lo scorso novembre. Il presidente della Cbci ha già informato dell’iniziativa il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione per le cause dei santi, il quale ha annunciato che “parlerà di persona a papa Francesco delle violenze di Kandhamal e dei suoi martiri”.

    L’arcivescovo Barwa avrà il compito di formare un gruppo di esperti e raccogliere informazioni sulle vittime. Ha deciso inoltre di erigere un monumento in loro memoria. In conclusione, egli ha dichiarato: “L’avvio ufficiale del processo è ‘una cosa grande’ per i cristiani in India, soprattutto per le sfide che la minoranza affronta ogni giorno. Servirà a rafforzare e rivitalizzare la comunità cristiana, colpita dagli attacchi del 2008”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/02/2015 INDIA
    Orissa, eretto il primo monumento per i martiri dei pogrom anticristiani
    L'iniziativa è del villaggio Tiangia, che ha voluto ricordare le vittime della comunità, "pilastri di testimonianza". L'arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar ha benedetto la lapide commemorativa alla presenza del clero locale e centinaia di fedeli. Le violenze di Kandhamal del 2008 sono state le peggiori mai compiute contro la minoranza religiosa in India.

    28/07/2015 INDIA
    Kandhamal, coppia cristiana uccisa a sangue freddo “perché maoista”. Torna l'incubo dei pogrom
    I corpi non sono ancora stati ritrovati. Sul luogo della scomparsa rinvenuti macchie di sangue e vestiti. Il sospetto: a ucciderli due guardie della più grande forza paramilitare del Paese. Le vittime sono compaesani dei sette cristiani innocenti condannati all’ergastolo per l’omicidio di Laxamananda Saraswati, che diede inizio ai pogrom anticristiani del 2008.

    25/10/2012 INDIA
    Chiesa del Kandhamal: dopo i pogrom, segnali di pace tra indù e cristiani
    Nel villaggio di Bodimunda, negozianti e tassisti indù boicottavano i cristiani, per timore di multe. Ora non vi è nessuna forma di isolamento. A Dodobali, cinque famiglie cattoliche hanno potuto ricostruire le loro case e fanno parte del consiglio del villaggio.

    27/08/2012 INDIA
    Pogrom anticristiani del Kandhamal: quattro anni dopo
    Famiglie relegate in ghetti; discriminazione sociale, economica e politica; 10mila persone ancora senza una casa; giustizia a metà o del tutto assente. Un gruppo di attivisti, giornalisti e scrittori ha visitato alcuni villaggi colpiti dalle violenze dei nazionalisti indù nel 2008 e ha pubblicato un rapporto.

    22/07/2011 INDIA
    Pogrom di Kandhamal, solo lavori forzati e una multa: una parodia della giustizia
    Lo afferma Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians, in merito alla condanna a nove persone. Estremo un sacerdote di Cuttack Bhubaneshwar, che chiede “il carcere a vita, o la pena capitale”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®