30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/01/2016, 00.00

    INDIA

    Orissa, via libera alla canonizzazione dei martiri cristiani di Kandhamal



    Il processo sarà guidato da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Egli ha il compito di formare un gruppo di esperti e raccogliere informazioni sui martiri. Nell’agosto del 2008 i radicali indù hanno ucciso circa 100 cristiani. Le violenze hanno costretto 56mila persone a fuggire dalle loro case; 10mila di esse ancora non hanno fatto ritorno. Oltre 6.500 case distrutte e 395 chiese profanate.

    Cuttack-Bhubaneswar (AsiaNews/CNA) – La Chiesa cattolica dell’India ha deciso di dare avvio alla causa di canonizzazione dei circa 100 martiri cristiani uccisi dai radicali indù durante i pogrom del 2008 in Orissa. Lo ha deciso nei giorni scorsi il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci) e della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia (Fabc). Il porporato ha nominato mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar, alla guida del processo dei “martiri di Kandhamal”.

    Mons. Barwa ha commentato: “L’apertura della causa è motivo di orgoglio per i parenti delle vittime e per tutta la Chiesa. I nostri uomini, donne e bambini, resi martiri a causa della loro fede, non sono stati dimenticati”. “Anche se essi sono stati uccisi in modo orribile, la loro morte ha portato una nuova vita e una nuova fede. Questo rende orgogliosi i parenti delle vittime”.

    Nell’agosto del 2008 i radicali indù hanno ucciso circa 100 cristiani, incolpati dell’omicidio del guru Swami Lakshmanananda, leader del gruppo nazionalista indù Vishna Hindu Parishad. Anche se i guerriglieri maoisti hanno più volte rivendicato l’assassinio del guru, i fondamentalisti indù hanno scatenato nel distretto di Kandhamal il più feroce massacro contro la minoranza cristiana mai avvenuto in India.

    I fedeli cristiani sono stati assassinati per essersi rifiutati di convertirsi all’indù. Inoltre più di 56mila persone hanno abbandonato le proprie case e si sono rifugiate nella foresta, dove hanno sofferto per la fame e l’indigenza. I radicali hanno distrutto circa 6.500 case e 395 chiese; ad oggi, quasi 10mila persone non hanno fatto ancora ritorno alle proprie abitazioni.

    I sopravvissuti ai pogrom del 2008 hanno raccontato storie di violenze atroci, compresi episodi di tortura e conversioni forzate. Il card. Gracias ha deciso di dare impulso al processo di canonizzazione dopo l’incontro con uno di essi, avvenuto lo scorso novembre. Il presidente della Cbci ha già informato dell’iniziativa il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione per le cause dei santi, il quale ha annunciato che “parlerà di persona a papa Francesco delle violenze di Kandhamal e dei suoi martiri”.

    L’arcivescovo Barwa avrà il compito di formare un gruppo di esperti e raccogliere informazioni sulle vittime. Ha deciso inoltre di erigere un monumento in loro memoria. In conclusione, egli ha dichiarato: “L’avvio ufficiale del processo è ‘una cosa grande’ per i cristiani in India, soprattutto per le sfide che la minoranza affronta ogni giorno. Servirà a rafforzare e rivitalizzare la comunità cristiana, colpita dagli attacchi del 2008”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2016 13:06:00 INDIA
    Kandhamal: cristiani uccisi perchè “scambiati per maoisti”

    Il gruppo di cinque persone, tra cui due cristiani pentecostali, faceva ritorno da un mercato, dove lavorava in impeghi manuali. La loro macchina si era impantanata nel fango, perciò essi hanno deciso di proseguire a piedi. La polizia aveva teso un’imboscata per i ribelli maoisti. Fra le vittime un bimbo di due anni. L’incidente riporta alla memoria le violenze dei pogrom del 2008.



    13/07/2016 11:28:00 INDIA
    Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal

    Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.



    23/08/2016 15:30:00 INDIA
    Mons. Barwa: Deve essere riconosciuto il “martirio” delle vittime di Kandhamal

    L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar invita tutta la Chiesa indiana a celebrare la Giornata delle vittime di Kandhamal  il prossimo 30 agosto. “Non devono mai più avvenire violenze simili a quelle contro i cristiani nel 2008”. La Corte suprema ha accordato risarcimenti maggiori per i danni alle proprietà. Il governo dell’Orissa ha assicurato al vescovo un risarcimento anche per le chiese.



    23/02/2015 INDIA
    Orissa, eretto il primo monumento per i martiri dei pogrom anticristiani
    L'iniziativa è del villaggio Tiangia, che ha voluto ricordare le vittime della comunità, "pilastri di testimonianza". L'arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar ha benedetto la lapide commemorativa alla presenza del clero locale e centinaia di fedeli. Le violenze di Kandhamal del 2008 sono state le peggiori mai compiute contro la minoranza religiosa in India.

    25/08/2016 11:12:00 INDIA
    Card. Gracias: Le vittime di Kandhamal possano essere innalzate sull’altare dei martiri

    L’arcivescovo di Mumbai ha mandato un messaggio per la Giornata delle vittime del prossimo 30 agosto. Quest’anno si commemorano le più feroci violenze contro i cristiani attuate dai radicali indù. “Possa il sangue versato dai cristiani portare molti frutti alla Chiesa in Orissa”.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®