19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/03/2009, 00.00

    ISLAM – PALESTINA

    Paesi islamici rifiutano al Qaeda, ma anche la politica americana



    L’inchiesta è pubblicata dal Palestinian Center for Public opinion con l’occasione della visita della Clinton in Cisgiordania. Sentimenti positivi verso Osama bin Laden sono in ribasso; si rifiutano gli attacchi contro i civili, e si giudica la politica americana troppo vicina a Israele.

    Beit Sahour (AsiaNews) – Un’inchiesta condotta su Paesi a maggioranza islamica mostra che il sostegno al terrorismo di al Qaeda e agli attacchi contro i civili è basso, ma rimane alto anche l’appoggio agli scopi di al Qaeda, quali la rinascita dell’Islam e l’opposizione alla politica americana in Medio oriente.

    L’inchiesta è stata condotta con interviste dirette a oltre 6 mila persone in Egitto, Indonesia, Pakistan, Azerbaijan,  Giordania, Territori palestinesi, Turchia, Marocco.

    Essa è stata eseguita fra luglio e settembre 2008 dal WorldPublicopinio.org, in collaborazione con il Palestinian Center for Public Opinion, che ne ha pubblicato i risultati oggi, con l’occasione della visita di Hillary Clinton in Cisgiordania (oggi) e in Israele (fino a ieri).

    I risultati mostrano che una larghissima maggioranza, fra il 67 e l’89% condannano l’uso di bombe e assassini per raggiungere scopi politici e religiosi; più del 70% è contrario ad attacchi contro civili (in particolare americani).

    Allo stesso tempo, una larga maggioranza sostiene lo scopo di al Qaeda  di “spingere gli Usa a rimuovere le basi americane e le sue forze militari da tutti i Paesi islamici”. Fra questi vi sono l’87% degli egiziani; il 64% degli indonesiani; il 60% dei pakistani.

    Altri scopi di al Qaeda sono molto approvati. Fra questi, “la stretta applicazione della Sharia in tutti i Paesi islamici e l’unificazione di tutte le nazioni islamiche in un unico Stato islamico o Califfato” ha ricevuto il sostegno del 65% degli egiziani; il 48% degli indonesiani; il 76% di pakistani e marocchini. “Mantenere i valori occidentali fuori dai paesi islamici”, un altro dei fini dell’organizzazione terrorista, guadagna il sostegno dell’88% in Egitto, del 76% in Indonesia; del 60% in Pakistan e del 64% in Marocco.

    La figura di Osama bin Laden ha un seguito controverso. Se si eccettua l’Egitto (con il 44%), e i Territori palestinesi (con 56%) negli altri Paesi,  i “sentimenti positivi” verso di lui giungono al 14% in Indonesia; 25% in Pakistan; 27% in Marocco; 27% in Giordania; 9% in Turchia; 4% in Azerbaijan.

    I “sentimenti negativi” verso il capo di al Qaeda sono così distribuiti: 17% in Egitto; 20% nei Territori palestinesi; 26% in Indonesia; 15% in Pakistan; 21% in Marocco; 20% in Giordania; 68% in Turchia; 82% in Azerbaijan.

    Infine, riguardo alla posizione americana sulla questione israelo-palestinese, vi sono risultati molto curiosi: una larga maggioranza  sostiene che la politica Usa favorisce l’espansione di Israele. Fra questi vi sono l’Egitto (86%); l’Indonesia (47%); il Pakistan (52%); il Marocco (64%); Turchia (78%); Azerbaijian (43%). I Territori palestinesi giungono fino al 90% e la Giordania all’84%.

    Eppure, alla domanda se gli Usa hanno come scopo la creazione di uno Stato palestinese indipendente ed economicamente possibile, i palestinesi hanno votato “sì” per il 59%. Degli altri, solo  una percentuale del 30% circa si è espressa in modo positivo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/02/2005 USA - ASIA
    Bush: vicina la pace in Medio Oriente
    Nel suo discorso sullo Stato dell'Unione, Bush promette di lavorare per uno stato palestinese a fianco di Israele. Sottolineando il successo delle elezioni in Iraq, ammonisce Siria e Iran, e chiede a Egitto e Arabia Saudita un impegno per riforme politiche.

    15/04/2004 israele - stati uniti
    Vittoria per Israele, trionfo per Sharon, fallimento per i palestinesi

    I dialoghi fra Bush e Sharon creano una situazione nuova, con enormi conseguenze per Israele, Palestina, e per la Chiesa cattolica. Un'analisi lucida e completa da parte di un esperto israeliano (che ha chiesto l'anonimato).



    10/01/2008 PALESTINA - USA
    Bush: La pace fra Israele e Palestina entro il 2008
    Il presidente Usa appare “impaziente” nel voler concludere un trattato di pace prima della fine del suo mandato. Ma ci sono “scelte difficili” per Mahmoud Abbas e Ehud Omert.

    02/04/2007 ISRAELE - MEDIO ORIENTE
    Olmert apre al dialogo e al processo di pace coi paesi arabi
    Il piano saudita di riconoscimento d’Israele in cambio di un ritorno ai confini prima del 1967 sarebbe la base del dialogo. Pressioni per far avanzare il processo di pace da Abbas, Usa e Egitto.

    18/03/2010 ISRAELE – STATI UNITI
    Barack Obama, nessuna crisi con Israele. Ma il fronte arabo si allontana
    Il presidente Usa conferma il “legame speciale” con Tel Aviv. Netanyahu esprime “apprezzamento” per la Casa Bianca e nega le accuse di “anti-semitismo” rivolte a Obama dal cognato. Le tensioni a Gerusalemme rischiano di far vacillare l’intesa fra Washington e il mondo arabo, fondamentale per contenere la minaccia nucleare iraniana.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®