18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/02/2018, 13.48

    VATICANO – TURCHIA

    Papa riceve Erdogan: Gerusalemme, ma anche profughi, diritti umani e condizione dei cattolici



    Il presidente turco a colloquio con Francesco: la situazione in Medio Oriente  e la necessità di “promuovere la pace e la stabilità nella Regione attraverso il dialogo e il negoziato, nel rispetto dei diritti umani e della legalità internazionale”. Al di là del clima cordiale e dei buoni rapporti esistenti sul piano diplomatico, non si può affermare che in Turchia si possa parlare di piena libertà religiosa.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Medio Oriente, e in particolare Gerusalemme, ma anche profughi, diritti umani e situazione dei cattolici in Turchia nei colloqui che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha avuto stamattina in Vaticano, dove è stato ricevuto prima da papa Francesco e poi dal cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin accompagnato da mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati.

    Un comunicato diffuso dal Vaticano afferma che “nel corso dei cordiali colloqui sono state evocate le relazioni bilaterali tra la Santa Sede e la Turchia e si è parlato della situazione del Paese, della condizione della Comunità cattolica, dell’impegno di accoglienza dei numerosi profughi e delle sfide ad esso collegate. Ci si è poi soffermati sulla situazione in Medio Oriente, con particolare riferimento allo statuto di Gerusalemme, evidenziando la necessità di promuovere la pace e la stabilità nella Regione attraverso il dialogo e il negoziato, nel rispetto dei diritti umani e della legalità internazionale”.

    L’incontro col Papa è durata circa 50 minuti, presenti solo gli interpreti. “Vi ringrazio per il vostro interesse”, ha detto Erdogan a Francesco, secondo quanto riferito dai giornalisti presenti. Il Papa a sua volta ha ringraziato per la visita.

    Erdogan era accompagnato da una delegazione.

    Nella delegazione turca che accompagnava il presidente Erdogan in Vaticano - arrivato con un corteo di una trentina tra auto e minivan - c’erano una ventina di persone, che sono entrate dopo il colloquio privato. Tra loro anche la moglie e la figlia del presidente e cinque ministri. Erano sei le donne in tutto (delle quali quattro indossavano il velo).

    Al momento dello scambio dei doni,  Francesco ha donato ad Erdogan un medaglione rappresentante un angelo e ha spiegato: “Questo è un angelo della pace che strangola il demone della guerra. È simbolo di un mondo basato sulla pace e la giustizia”. Il Papa ha offerto a Erdogan anche un’acquaforte con il disegno della basilica di San Pietro così come era nel 1600, una copia dell’enciclica Laudato sì e il messaggio per la Giornata della pace di quest’anno.

    Erdogan ha donato al Papa un grande quadro di ceramica con il panorama di Istanbul e un cofanetto di libri del teologo musulmano Mevlana Rumi.

    La visita di Erdogan a papa Francesco è la prima visita di un capo di stato di Ankara in Vaticano da 59 anni. L’ultimo era stato Celal Bayar, ricevuto da Giovanni XXII, che era stato nunzio in Turchia fra il 1934 e il 1943.

    Al di là del clima cordiale e dei buoni rapporti esistenti sul piano diplomatico, non si può affermare che in Turchia si possa parlare di piena libertà religiosa, malgrado la Costituzione voluta da Ataturk affermasse la sostanziale laicità dello Stato. Al di là degli episodi di intolleranza anche violenta - culminati con l’assassinio di don Andrea Santoro nel 2006 e di  mons. Luigi Padovese nel 2010 – non sono rari altri episodi, anche se fortunatamente non cruenti.

    Nel Paese, le Chiese non hanno personalità giuridica, il che impedisce, tra l’altro, che esse posseggano edifici religiosi. Ostacolo a volte superato con la creazione di false fondazioni che però ricadono nel diritto civile ordinario. Così, anche poche settimane fa, ci sono state confische di proprietà religiose, anche storiche e antichissime.

    Alle chiese cristiane, peraltro, è vietato avere il crocifisso visibile dalla strada. Per questo, di solito, la facciata è all’interno di un cortile. E’ così perfino per la sede del  Patriarcato ecumenico di Costantinopoli, massima espressione dell’ortodossia. E il patriarca, al quale non viene riconosciuto alcuno ruolo sovranazionale, deve essere cittadino turco.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/06/2011 TURCHIA
    L’uccisione di mons. Padovese e la nascita della nuova Turchia
    A un anno dall’ uccisione del vescovo, Murat Altun, l’assassino, è stato giudicato sano di mente e avrà regolare processo. La mano degli ultra-nazionalisti dietro l’omicidio, per screditare il Primo ministro Erdogan e la futura convivenza fra cristiani e musulmani. Le elezioni politiche del 12 giugno preparano forse un nuovo capitolo per il Paese e la convivenza.

    03/07/2010 TURCHIA
    P. Antuan, primo gesuita turco, prima messa in ricordo di mons. Padovese e p. Andrea Santoro
    Il sacerdote, già laureato in economia, si è convertito dall’islam nel ’97. Ma non oppone cristianesimo e islam. Impegnato sui temi della bioetica, in dialogo con il pensiero cattolico e musulmano. Si attende l’apertura del processo contro Murat Altun, l’assassino di mons. Padovese, Vicario dell’Anatolia.

    06/02/2006 turchia
    Mons. Padovese, "non casuale" l'uccisione di don Andrea mentre l'islam è in rivolta

    Il vicario apostolico per l'Anatolia ritiene che sia da escludere la matrice della criminalità legata alla prostituzione.



    02/12/2010 TURCHIA - VATICANO
    Mons. Franceschini: La Chiesa turca “non può intervenire” contro le falsità su mons. Padovese
    L’arcivescovo di Smirne conferma la notizia sul tentativo di far passare come “malato di mente” l’assassino del vicario dell’Anatolia. Alle manipolazioni dell’opinione pubblica e del tribunale, la Chiesa latina è costretta al silenzio. Eppure il ministro turco della giustizia aveva promesso “la verità”.

    03/06/2011 TURCHIA - VATICANO
    La Chiesa turca ricorda mons. Padovese a un anno dal suo assassinio
    Vi sarà una messa a Iskenderun, presieduta da mons. Ruggero Franceschini, con la presenza del nunzio. I cattolici sono silenziosi e discreti. Murat Altun, l’assassino di mons. Padovese rischiava di essere liberato per insanità di mente. Ma una Commissione medica di Istanbul ha stabilito che egli è sano di mente. Non vi è ancora la data del processo. Lo scorso Giovedì Santo vi è stato un attentato contro un cappuccino indiano.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®