19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/05/2017, 12.13

    VATICANO

    Papa: Dopo Fatima, affido a Maria, Regina della Pace le popolazioni in Medio oriente



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda le violenze che subiscono cristiani, musulmani e yazidi e chiede di “percorrere la strada del dialogo e della riconciliazione”. A Fatima “immerso nella preghiera del santo Popolo fedele”.  La santità di Francesco e Giacinta “non è conseguenza delle apparizioni, ma della fedeltà e dell’ardore con cui essi hanno corrisposto al privilegio ricevuto di poter vedere la Vergine Maria”.  ““Anche ai nostri giorni c’è tanto bisogno di preghiera e di penitenza”. “Il saluto alla manifestazione “Passeggini vuoti” per una “un’attenzione concreta alla vita e alla maternità”. Nella Festa della mamma, “ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme affidandole a Maria, la mamma di Gesù”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Affido a Maria, Regina della pace, la sorte delle popolazioni afflitte da guerre e conflitti, in particolare in Medio Oriente”: lo ha detto papa Francesco dopo la preghiera mariana del Regina Caeli, il primo dopo il suo ritorno ieri sera dal pellegrinaggio compiuto al santuario di Fatima il 12 e il 13 maggio.

    Alle decine di migliaia di fedeli radunati in piazza san Pietro il papa ha ricordato le violenze e le sofferenze che continuano a registrarsi in Siria, Iraq, Yemen: “Tante persone innocenti sono duramente provate, sia cristiane, sia musulmane, sia appartenenti a minoranze come gli yazidi, i quali subiscono tragiche violenze e discriminazioni. Alla mia solidarietà si accompagna il ricordo nella preghiera, mentre ringrazio quanti si impegnano a sovvenire ai bisogni umanitari. Incoraggio le diverse comunità a percorrere la strada del dialogo e dell’amicizia sociale per costruire un futuro di rispetto, di sicurezza e di pace”.

    In precedenza il pontefice ha spiegato il senso del suo viaggio a Fatima, nel centenario delle apparizioni della Madonna ai tre pastorelli Lucia, Francesco e Giacinta, e dove ha anche canonizzato gli ultimi due, primi bambini ad essere santi senza essere martiri.

    “A Fatima – ha detto - mi sono immerso nella preghiera del santo Popolo fedele, preghiera che là scorre da cento anni come un fiume, per implorare la protezione materna di Maria sul mondo intero. Rendo grazie al Signore che mi ha concesso di recarmi ai piedi della Vergine Madre come pellegrino di speranza e di pace. E ringrazio di cuore i Vescovi, le Autorità dello Stato e tutti coloro che hanno offerto la loro collaborazione”.

    “Fin dall’inizio – ha continuato -  quando nella Cappella delle Apparizioni sono rimasto a lungo in silenzio, accompagnato dal silenzio orante di tutti i pellegrini, si è creato un clima raccolto e contemplativo, in cui si sono svolti i vari momenti di preghiera. E al centro di tutto è stato ed è il Signore Risorto, presente in mezzo al suo Popolo nella Parola e nell’Eucaristia. Presente in mezzo ai tanti malati, che sono protagonisti della vita liturgica e pastorale di Fatima, come di ogni santuario mariano”.

    Egli ha poi sottolineato il senso della canonizzazione dei due pastorelli: “A Fatima la Vergine ha scelto il cuore innocente e la semplicità dei piccoli Francesco, Giacinta e Lucia, quali depositari del suo messaggio. Questi fanciulli lo hanno accolto degnamente, così da essere riconosciuti come testimoni affidabili delle apparizioni, e diventando modelli di vita cristiana. E ho voluto dire alla Chiesa che deve avere cura dei bambini. Con la canonizzazione di Francesco e Giacinta, ho voluto proporre a tutta la Chiesa il loro esempio di adesione a Cristo e di testimonianza evangelica. La loro santità non è conseguenza delle apparizioni, ma della fedeltà e dell’ardore con cui essi hanno corrisposto al privilegio ricevuto di poter vedere la Vergine Maria. Dopo l’incontro con la “bella Signora”, essi recitavano frequentemente il Rosario, facevano penitenza e offrivano sacrifici per ottenere la fine della guerra e per le anime più bisognose della divina misericordia”.

    “Anche ai nostri giorni – ha concluso - c’è tanto bisogno di preghiera e di penitenza per implorare la grazia della conversione, come pure la fine degli assurdi conflitti e delle violenze che sfigurano il volto dell’umanità. Lasciamoci guidare dalla luce che viene da Fatima. Il Cuore Immacolato di Maria sia sempre il nostro rifugio, la nostra consolazione e la via che ci conduce a Cristo”.

    Dopo l’appello per il Medio oriente, Francesco ha ricordato che ieri a Dublino (Irlanda) “è stato proclamato Beato il sacerdote gesuita John Sullivan. Vissuto in Irlanda tra Otto e Novecento, egli dedicò la vita all’insegnamento e alla formazione spirituale dei giovani, ed era amato e ricercato come un padre dai poveri e dai sofferenti”.

    Fra i saluti finali, egli ne ha dedicato uno speciale alle mamme di Bordighera e ai partecipanti alla manifestazione “Passeggini vuoti”, che vogliono sensibilizzare la società sui problemi della famiglia e dell’inverno demografico.  “Il futuro delle nostre società – ha detto il pontefice - richiede da parte di tutti, specialmente delle istituzioni, un’attenzione concreta alla vita e alla maternità. Questo appello è particolarmente significativo oggi mentre si celebra, in tanti Paesi, la festa della mamma; ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme affidandole a Maria, la mamma di Gesù”. E ha proposto alcuni momenti di silenzio perché ognuno pregasse per la propria mamma.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2017 08:32:00 ASIA - VATICANO
    In Asia si recita il Rosario anche per i non cristiani

    A Fatima, dove Papa Francesco si è recato in pellegrinaggio, Maria ha esortato a recitare il rosario. La devozione a Maria del card. Martini. In Corea del Sud gli edifici cattolici sono definiti “la chiesa della Madre”.  La statua di Maria nella chiesa del Brunei. Il santuario di Gunadala (India), che ha plasmato amicizia fra indù e musulmani anche nel periodo della partizione.



    10/05/2015 VATICANO
    Papa: L’amore di Gesù, scritto nel nostro cuore col fuoco dello Spirito, compie ogni giorno prodigi
    Al Regina Caeli, papa Francesco invita all’amore attivo “anche se non sempre ci capiamo, non sempre andiamo d’accordo”. E’ un amore fatto di “tanti piccoli e grandi gesti”: “vicinanza a un anziano, a un bambino, a un ammalato, a una persona sola e in difficoltà, senza casa, senza lavoro, immigrata, rifugiata”. L’applauso alle madri nella Festa della mamma.

    11/09/2013 MEDIO ORIENTE – VATICANO
    Con la preghiera e il digiuno per la pace, Francesco ha posto la Chiesa e il mondo intero in piena teologia della storia
    Con l’appello del Papa noi non siamo nel pacifismo, ma in un’altra dimensione della realtà. In questa dimensione non è Obama, né Putin, né Bashar al-Assad e nemmeno l’industria degli armamenti, né l’industria petrolchimica, ma è Dio che è il supremo attore della storia. Ponendo il suo pontificato sotto la protezione di Nostra Signora di Fatima, Francesco si è dunque posto su un piano sicuramente spirituale; ora, in continuità con la rivelazione di Fatima, ha deciso di credere veramente che "un tempo di pace sarà concesso al mondo ", una seconda promessa fatta nel 1917 da Maria Vergine, nella continuità della consacrazione al suo "Cuore Immacolato".

    19/11/2013 MEDIO ORIENTE - VATICANO
    Patriarchi delle Chiese orientali dal Papa per il futuro dei cristiani in Medio oriente
    Iniziato oggi, l'incontro dal tema "Le Chiese cattoliche orientali a 50 anni dal Concilio vaticano II", si chiuderà il 22 novembre. I patriarchi delle Chiese orientali presenteranno al Papa la drammatica situazione dei cristiani in Siria, Iraq e Libano. I prelati discuteranno anche il rapporto con le Chiese ortodosse e il problema dell'esodo dei cristiani dalla regione.

    25/12/2014 VATICANO
    Papa: il Natale porti speranza di pace a quanti soffrono in Medio Oriente e nel mondo, specialmente i bambini
    Nel messaggio Urbi et orbi il pensiero di Francesco va alle vittime delle guerre in Medio Oriente, in Nigeria, Libia, Sud Sudan, Repubblica Centroafricana e Repubblica Democratica del Congo. E a coloro che soffrono per le tensioni in Ucraina. "Gesù salvi i troppi fanciulli vittime di violenza, fatti oggetto di mercimonio e della tratta delle persone, oppure costretti a diventare soldati. Dia conforto alle famiglie dei bambini uccisi in Pakistan la settimana scorsa. Sia vicino a quanti soffrono per le malattie, in particolare alle vittime dell'epidemia di Ebola".



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®