15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2011, 00.00

    VATICANO-EGITTO-IRAQ

    Papa: Gli attentati in Egitto e in Iraq sono un’offesa a Dio e all’umanità



    Benedetto esprime il suo dolore per l’uccisione dei fedeli copti ad Alessandria d’Egitto e per le bombe contro le case dei cristiani a Baghdad. Una “strategia di violenze che ha di mira i cristiani”. Il papa chiede che la risposta dei cristiani sia non violenta. Un messaggio per la Chiesa spagnola radunata a Madrid per “La famiglia cristiana, speranza per l’Europa”.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – Un’offesa “a Dio e all’umanità intera”: così Benedetto XVI ha definito il “grave attentato contro la comunità cristiana copta compiuto ad Alessandria d’Egitto” e le bombe contro le case dei cristiani in Iraq.
     
    Oggi, alla fine della preghiera dell’Angelus, il papa ha detto di aver “appreso con dolore la notizia” sull’uccisione di 21 fedeli copti e il ferimento di altri 70. L’attentato è avvenuto verso la mezzanotte del 31 dicembre un’autobomba [ma per il ministero degli interni è stato un kamikaze] è scoppiata davanti alla chiesa di Tutti i Santi nella città egiziana, facendo strage dei fedeli che stavano uscendo dalla chiesa dopo il rito.
     
    “Questo vile gesto di morte – ha continuato il pontefice - come quello di mettere bombe ora anche vicino alle case dei cristiani in Iraq per costringerli ad andarsene, offende Dio e l’umanità intera, che proprio ieri ha pregato per la pace e ha iniziato con speranza un nuovo anno”.
     
    Il papa parla di una vera e propria “strategia di violenze che ha di mira i cristiani”. Proprio in Iraq, dopo il massacro nella cattedrale siro-cattolica di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Baghdad, gruppi legati ad al Qaeda hanno rivendicato l’attentato e hanno dichiarato che i cristiani in Medio Oriente sono un “obbiettivo legittimo” perché “essi inquinano” il mondo arabo. Da allora, gruppi di armati hanno ucciso cristiani entrando nelle loro case o, come è avvenuto il 30 dicembre scorso, mettendo bombe davanti alle loro case.
     
    Tale strategia, afferma Benedetto XVI “ha conseguenze su tutta la popolazione”. E in effetti, le violenze verso i cristiani si ripercuotono in totale insicurezza delle società e imbarbarimento della convivenza.
     
    “Prego per le vittime e i familiari – ha detto il pontefice -  e incoraggio le comunità ecclesiali a perseverare nella fede e nella testimonianza di non violenza che ci viene dal Vangelo”. Egli ha anche ricordato la lista di 23 operatori pastorali uccisi nel 2010 in varie parti del mondo (in maggioranza in America Latina), compilata dall’agenzia Fides. “Ad essi – ha aggiunto - va ugualmente il nostro affettuoso ricordo davanti al Signore. Rimaniamo uniti in Cristo, nostra speranza e nostra pace!”.
     
    In precedenza Benedetto XVI ha ricordato ancora una volta il mistero del Natale, come è narrato nel Vangelo di oggi, il prologo di san Giovanni e ha ringraziato “quanti mi hanno inviato messaggi di spirituale vicinanza”.
     
    Parlando poi in lingua spagnola, Benedetto XVI ha espresso un messaggio per la Chiesa spagnola, radunata a Madrid nella Plaza de Colon per celebrare il valore del matrimonio, in un raduno dal tema “La famiglia cristiana speranza per l’Europa”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2011 EGITTO - ISLAM
    Angoscia e sdegno: a rischio la celebrazione del Natale dei copti in Egitto e nel mondo
    Finora il patriarca copto ha dichiarato che celebrerà la messa natalizia, ma potrebbe desistere. Rafforzata la sicurezza attorno alle chiese del Paese. La violenza dei giovani copti, segno di non fiducia nel sistema egiziano. Le discriminazioni contro i cristiani: per riparare un Wc in una chiesa, occorre il decreto di un governatore della provincia; i musulmani possono costruire moschee liberamente, ricevendo anche gratis i materiali di costruzione. L’attacco alla chiesa di Alessandria inaugura “uno stile nuovo e più crudele”. A Sydney cancellata la celebrazione natalizia. Misure di sicurezza in Francia, Canada, Germania.

    07/01/2011 ISLAM - EGITTO
    Natale copto tranquillo. Ma vanno affrontati fondamentalismo e discriminazione dei cristiani
    Decine di migliaia di poliziotti controllano le chiese copte. I cristiani non si sono lasciati bloccare dalla paura. Nuove minacce dai siti radicali islamici. Da molte parti si punta il dito verso il governo: deve fermare l’ondata di fondamentalismo che sta distruggendo la convivenza e l’economia della società egiziana. I suggerimenti della Chiesa cattolica: uguale trattamento per cristiani e musulmani; riforma della scuola; lotta contro la discriminazione e contro media e predicatori che diffondono l’odio.

    12/08/2017 12:13:00 LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.



    20/01/2011 EGITTO-VATICANO
    L’università islamica di Al Azhar sospende il dialogo con il Vaticano
    La decisione è stata presa questa mattina nel corso di una riunione straordinaria dei ricercatori per “la recente inaccettabile intromissione (del Pontefice, ndr), che ha chiesto la protezione dei cristiani copti". Il portavoce della Santa Sede: “La posizione del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso rimane un atteggiamento di apertura e disponibilità al dialogo”.

    14/12/2016 13:24:00 EGITTO
    Cairo, lo Stato islamico rivendica l’attacco ai copti e promette nuove stragi

    Un kamikaze, identificato con lo pseudonimo di Abu Abdallah al-Masri, si è “mescolato fra la folla” e “ha azionato la cintura esplosiva”. Nel mirino dei miliziani “ogni infedele e apostata in Egitto e da tutte le altre parti”. La testimonianza del sacerdote che celebrava messa al momento dell'attacco. 

     





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®