27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/05/2014, 00.00

    VATICANO - TERRA SANTA

    Papa: al Cenacolo, da qui la Chiesa è partita, ed è una Chiesa "in uscita"



    Un luogo che ricorda il servizio, la fraternità, la condivisione, l'armonia, la pace, la promessa, ma anche la meschinità, la curiosità, il tradimento. "L'esperienza più bella del cristiano, e in modo particolare del sacerdote: diventare amico del Signore Gesù". A sacerdoti e religiosi "non lasciamoci vincere dalla paura e dallo sconforto, ma con coraggio e fiducia andiamo avanti nel nostro cammino e nella nostra missione".

    Gerusalemme (AsiaNews) - Celebrazione eucaristica al Cenacolo, ultima tappa del pellegrinaggio in Terra Santa di papa Francesco che stasera torna a Roma. Dal Cenacolo, dice, "da qui" la Chiesa è partita, "in uscita" da un luogo che ricorda il servizio, la fraternità, la condivisione, l'armonia, la pace, la promessa, ma anche la meschinità, la curiosità, il tradimento.

    La piccola sala ove dove Francesco conclude la sua visita e dove si svolse l'Ultima cena sorge al secondo piano di un edificio che si vuole sorto sulla tomba di re David. Si può visitare, ma non si può usare per celebrazioni, ricorda padre Pizzaballa, custode di Terra Santa, tranne casi straordinari, come questo. I francescani ne rivendicano l'antica proprietà, ma dalla guerra del 1967 è tenuto dallo Stato. Da tempo, in particolare in occasione della visita di Giovanni Paolo II, si parla di ridare alla Chiesa cattolica se non la proprietà, almeno qualche forma di gestione. Ma alla vigilia dell'arrivo di papa Francesco, il ministro degli esteri Avigor Lieberman, capo del partito di destra Yisrael Beitenu, commentando una manifestazione di protesta di ebrei ultraortodossi contro la presenza di Francesco al Cenacolo e contro l'ipotesi di concederlo in qualche modo alla Santa Sede ha dichiarato che "non c'è alcuna intenzione di consegnare o di concedere diritti sul Cenacolo al Vaticano. Né durante la visita del Papa in Israele né dopo".

    Non ci sono manifestanti a protestare quando arriva papa Francesco che dedica alla Chiesa i suoi ultimi due appuntamenti in Terra Santa. E se la messa è dedicata alla "la nascita della nuova famiglia, la Chiesa", prima di recarsi al Cenacolo ha incontrato sacerdoti, religiosi e seminaristi che sono in questa terra, nella chiesa del Getsemani che sorge accanto all'Orto degli Ulivi. Ricordando quanto lì avvenne aveva detto che "farà bene a tutti noi, vescovi, sacerdoti, persone consacrate, seminaristi, in questo luogo, domandarci: chi sono io davanti al mio Signore che soffre? Sono di quelli che, invitati da Gesù a vegliare con Lui, si addormentano, e invece di pregare cercano di evadere chiudendo gli occhi di fronte alla realtà? Mi riconosco in quelli che sono fuggiti per paura, abbandonando il Maestro nell'ora più tragica della sua vita terrena? C'è forse in me la doppiezza, la falsità di colui che lo ha venduto per trenta monete, che era stato chiamato amico, eppure ha tradito Gesù? Mi riconosco in quelli che sono stati deboli e lo hanno rinnegato, come Pietro? Egli poco prima aveva promesso a Gesù di seguirlo fino alla morte; poi, messo alle strette e assalito dalla paura, giura di non conoscerlo. Assomiglio a quelli che ormai organizzavano la loro vita senza di Lui, come i due discepoli di Emmaus, stolti e lenti di cuore a credere nelle parole dei profeti?".

    "Oppure, grazie a Dio, mi ritrovo tra coloro che sono stati fedeli sino alla fine, come la Vergine Maria e l'apostolo Giovanni? Quando sul Golgota tutto diventa buio e ogni speranza sembra finita, solo l'amore è più forte della morte. L'amore della Madre e del discepolo prediletto li spinge a rimanere ai piedi della croce, per condividere fino in fondo il dolore di Gesù. Mi riconosco in quelli che hanno imitato il loro Maestro e Signore fino al martirio, testimoniando quanto Egli fosse tutto per loro, la forza incomparabile della loro missione e l'orizzonte ultimo della loro vita?"

    "L'amicizia di Gesù nei nostri confronti, la sua fedeltà e la sua misericordia sono il dono inestimabile che ci incoraggia a proseguire con fiducia la nostra sequela di Lui, nonostante le nostre cadute, i nostri errori e i nostri tradimenti. Ma questa bontà del Signore non ci esime dalla vigilanza di fronte al tentatore, al peccato, al male e al tradimento che possono attraversare anche la vita sacerdotale e religiosa. Avvertiamo la sproporzione tra la grandezza della chiamata di Gesù e la nostra piccolezza, tra la sublimità della missione e la nostra fragilità umana. Ma il Signore, nella sua grande bontà e nella sua infinita misericordia, ci prende sempre per mano, perché non affoghiamo nel mare dello sgomento. Egli è sempre al nostro fianco, non ci lascia mai soli. Dunque, non lasciamoci vincere dalla paura e dallo sconforto, ma con coraggio e fiducia andiamo avanti nel nostro cammino e nella nostra missione".

    Una missione nata nel luogo dell'Ultima Cena. "Qui - dice - è nata la Chiesa, ed è nata in uscita. Da qui è partita, con il Pane spezzato tra le mani, le piaghe di Gesù negli occhi, e lo Spirito d'amore nel cuore. Gesù risorto, inviato dal Padre, nel Cenacolo comunicò agli Apostoli il suo stesso Spirito e con questa forza li inviò a rinnovare la faccia della terra. Uscire, partire, non vuol dire dimenticare. La Chiesa in uscita custodisce la memoria di ciò che qui è accaduto; lo Spirito Paraclito le ricorda ogni parola, ogni gesto, e ne rivela il senso".

    "Il Cenacolo ci ricorda il servizio, la lavanda dei piedi che Gesù ha compiuto, come esempio per i suoi discepoli. Lavarsi i piedi gli uni gli altri significa accogliersi, accettarsi, amarsi, servirsi a vicenda. Vuol dire servire il povero, il malato, l'escluso, quello che mi sta antipatico. Il Cenacolo ci ricorda, con l'Eucaristia, il sacrificio. In ogni celebrazione eucaristica Gesù si offre per noi al Padre, perché anche noi possiamo unirci a Lui, offrendo a Dio la nostra vita, il nostro lavoro, le nostre gioie e i nostri dolori..., offrire tutto in sacrificio spirituale. Il Cenacolo ci ricorda l'amicizia. «Non vi chiamo più servi - disse Gesù ai Dodici - ... ma vi ho chiamato amici» (Gv 15,15). Il Signore ci rende suoi amici, ci confida la volontà del Padre e ci dona Sé stesso. È questa l'esperienza più bella del cristiano, e in modo particolare del sacerdote: diventare amico del Signore Gesù. Il Cenacolo ci ricorda il congedo del Maestro e la promessa di ritrovarsi con i suoi amici: «Quando sarò andato, ... verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi» (Gv 14,3). Gesù non ci lascia, non ci abbandona mai, ci precede nella casa del Padre e là ci vuole portare con Sé".

    "Ma il Cenacolo ricorda anche la meschinità, la curiosità - "chi è colui che tradisce?" - il tradimento. E può essere ciascuno di noi, non solo e sempre gli altri, a rivivere questi atteggiamenti, quando guardiamo con sufficienza il fratello, lo giudichiamo; quando con i nostri peccati tradiamo Gesù".

    "Il Cenacolo ci ricorda la condivisione, la fraternità, l'armonia, la pace tra di noi. Quanto amore, quanto bene è scaturito dal Cenacolo! Quanta carità è uscita da qui, come un fiume dalla fonte, che all'inizio è un ruscello e poi si allarga e diventa grande... Tutti i santi hanno attinto da qui; il grande fiume della santità della Chiesa sempre prende origine da qui, sempre di nuovo, dal Cuore di Cristo, dall'Eucaristia, dal suo Santo Spirito".

    "Il Cenacolo infine ci ricorda la nascita della nuova famiglia, la Chiesa, costituita da Gesù risorto. Una famiglia che ha una Madre, la Vergine Maria. Le famiglie cristiane appartengono a questa grande famiglia, e in essa trovano luce e forza per camminare e rinnovarsi, attraverso le fatiche e le prove della vita. A questa grande famiglia sono invitati e chiamati tutti i figli di Dio di ogni popolo e lingua, tutti fratelli e figli dell'unico Padre che è nei cieli".

    "Questo è l'orizzonte del Cenacolo: l'orizzonte del Risorto e della Chiesa. Da qui parte la Chiesa in uscita, animata dal soffio vitale dello Spirito. Raccolta in preghiera con la Madre di Gesù, essa sempre rivive l'attesa di una rinnovata effusione dello Spirito Santo: Scenda il tuo Spirito, Signore, e rinnovi la faccia della terra !".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/06/2014 ISRAELE - VATICANO
    Gerusalemme, ebrei ultra-ortodossi occupano il Cenacolo e cacciano i pellegrini cristiani
    Fra loro era presente anche un parlamentare membro del Likud, il partito di Benjamin Netanyahu. Da tempo si discute sul possibile uso del Luogo santo per i cristiani. Gli ebrei ultraortodossi temono la cessione della proprietà dell'edificio. Solo Giovanni Paolo II e papa Francesco hanno potuto celebrare una messa nel luogo dell'Ultima Cena e della Pentecoste.

    12/05/2009 VATICANO – ISRAELE
    P. Jaeger: I cattolici attendono la restituzione del Cenacolo
    Il francescano israeliano sottolinea che la Custodia di Terra Santa e la Chiesa continuano ad esigere il ritorno di questo Luogo Santo. Nel 2000 molti media avevano suscitato aspettative che Israele avrebbe restituito il Cenacolo al papa Giovanni Paolo II, ma finora tutto ciò non si è avverato. Una questione che attende una soluzione.

    12/12/2009 ISRAELE
    “Morte ai cristiani”: scritte ebraiche vicino al Cenacolo a Gerusalemme
    La scritta è stata subito cancellata per non acuire la tensione fra cristiani ed ebrei. I responsabili sono forse dei giovani ebrei ortodossi. Nella zona del Cenacolo avvengono molte altre offese a preti, suore e ai Luoghi santi. Dubbi sulla capacità (o volontà) dello Stato a tutelare i Luoghi della cristianità.

    30/05/2014 VATICANO -TERRA SANTA
    Speranze e scetticismo per l'incontro del papa con Peres e Abbas in Vaticano
    L'incontro di preghiera (e non di mediazione politica) avverrà l'8 giugno. Oltre al papa, saranno presenti un rabbino e un imam. Per i palestinesi, la proposta rimette in luce le esigenze del loro popolo. Gli israeliani sono scettici perché i dialoghi diplomatici sponsorizzati dagli Usa sono falliti. Vi è chi ricorda l'efficacia della preghiera nella veglia per la Siria, lo scorso 7 settembre.

    25/05/2014 VATICANO - TERRA SANTA
    Bartolomeo I: Cristo ha cancellato la paura fra le nostre due Chiese. La nostra unità è un segno per il resto del mondo
    La morte è la causa di ogni paura e passione. Cristo ha vinto la morte e ci dona il coraggio di amare. L'unità è l'unica via per compiere la volontà del Signore Gesù: "che tutti siano uno".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®