20/04/2018, 12.51
VATICANO – ITALIA
Invia ad un amico

Papa: don Tonino Bello, ‘essere, sempre e dovunque, costruttori di pace’

Nella messa celebrata a Molfetta Francesco ricorda che il vescovo diceva: «Non bastano le opere di carità, se manca la carità delle opere. Se manca l’amore da cui partono le opere, se manca la sorgente, se manca il punto di partenza che è l’Eucaristia, ogni impegno pastorale risulta solo una girandola di cose».

Molfetta (AsiaNews) – Essere “portatori di speranza pasquale”, “costruttori di pace”  grazie al “Pane di vita” che è anche “Pane di pace”. Perché «la pace è qualche cosa di più: è convivialità». È «mangiare il pane insieme con gli altri, senza separarsi, mettersi a tavola tra persone diverse», dove «l’altro è un volto da scoprire, da contemplare, da accarezzare». Perché i conflitti e tutte le guerre «trovano la loro radice nella dissolvenza dei volti». Sono parole di don Tonino Bello, citate oggi da papa Francesco nel corso della messa che ha celebrato a Molfetta, nelle Puglie, seconda e ultima tappa della visita compiuta a 25 anni dalla morte di colui che fu vescovo di questa diocesi e presidente di Pax Christi.

Un ricordo dell’uomo che nel dicembre 1992, sebbene gravemente malato, organizzò la "Marcia dei 500" con la quale fu violato l’assedio di Sarajevo, ma senza sfidare nessuno: convinse i soldati a farli passare, consolarono le vittime di entrambe le parti, dispensarono aiuti tanto agli abitanti di Sarajevo che ai serbi.

“Don Tonino – ha detto oggi il Papa, che ha celebrato la messa nel porto di Molfetta, davanti a forse 30mila persone - sosteneva che «la pace non viene quando uno si prende solo il suo pane e va a mangiarselo per conto suo. […] La pace è qualche cosa di più: è convivialità». È «mangiare il pane insieme con gli altri, senza separarsi, mettersi a tavola tra persone diverse», dove «l’altro è un volto da scoprire, da contemplare, da accarezzare». Perché i conflitti e tutte le guerre «trovano la loro radice nella dissolvenza dei volti». E noi, che condividiamo questo Pane di unità e di pace, siamo chiamati ad amare ogni volto, a ricucire ogni strappo; ad essere, sempre e dovunque, costruttori di pace”.

Il Papa, prendendo sunto dalle letture di oggi ha sottolineato come esse presentano due elementi centrali per la vita cristiana: il Pane e la Parola. “Il Pane. Il pane è il cibo essenziale per vivere e Gesù nel Vangelo si offre a noi come Pane di vita, come a dirci: ‘di me non potete fare a meno’. E usa espressioni forti: ‘mangiate la mia carne e bevete il mio sangue’ (cfr Gv 6,53). Che cosa significa? Che per la nostra vita è essenziale entrare in una relazione vitale, personale con Lui. Carne e sangue. L’Eucaristia è questo: non un bel rito, ma la comunione più intima, più concreta, più sorprendente che si possa immaginare con Dio: una comunione d’amore tanto reale che prende la forma del mangiare. La vita cristiana riparte ogni volta da qui, da questa mensa, dove Dio ci sazia d’amore. Senza di Lui, Pane di vita, ogni sforzo nella Chiesa è vano, come ricordava don Tonino Bello: «Non bastano le opere di carità, se manca la carità delle opere. Se manca l’amore da cui partono le opere, se manca la sorgente, se manca il punto di partenza che è l’Eucaristia, ogni impegno pastorale risulta solo una girandola di cose»”.

“Gesù nel Vangelo aggiunge: «Colui che mangia me vivrà per me» (v. 57). Come a dire: chi si nutre dell’Eucaristia assimila la stessa mentalità del Signore. Egli è Pane spezzato per noi e chi lo riceve diventa a sua volta pane spezzato, che non lievita d’orgoglio, ma si dona agli altri: smette di vivere per sé, per il proprio successo, per avere qualcosa o per diventare qualcuno, ma vive per Gesù e come Gesù, cioè per gli altri. Vivere per è il contrassegno di chi mangia questo Pane, il ‘marchio di fabbrica’ del cristiano. Sarebbe bello se in questa diocesi di don Tonino si potesse esporre come avviso fuori da ogni chiesa: ‘Dopo la Messa non si vive più per sé stessi, ma per gli altri’. Don Tonino ha vissuto così: tra voi è stato un Vescovo-servo, un Pastore fattosi popolo, che davanti al Tabernacolo imparava a farsi mangiare dalla gente. Sognava una Chiesa affamata di Gesù e intollerante ad ogni mondanità, una Chiesa che «sa scorgere il corpo di Cristo nei tabernacoli scomodi della miseria, della sofferenza, della solitudine». Perché, diceva, «l’Eucarestia non sopporta la sedentarietà» e senza alzarsi da tavola resta «un sacramento incompiuto»”.

“Insieme col Pane, la Parola”. “Come può il Vangelo risolvere i problemi del mondo? A che serve fare del bene in mezzo a tanto male?”. “Don Tonino, proprio nel tempo di Pasqua, augurava di accogliere questa novità di vita, passando finalmente dalle parole ai fatti. Perciò esortava accoratamente chi non aveva il coraggio di cambiare: «gli specialisti della perplessità. I contabili pedanti dei pro e dei contro. I calcolatori guardinghi fino allo spasimo prima di muoversi». A Gesù non si risponde secondo i calcoli e le convenienze del momento, ma col ‘sì’ di tutta la vita. Egli non cerca le nostre riflessioni, ma la nostra conversione. Punta al cuore.

È la stessa Parola di Dio a suggerirlo. Nella prima Lettura, Gesù risorto si rivolge a Saulo e non gli propone sottili ragionamenti, ma gli chiede di mettere in gioco la vita. Gli dice: «Alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare» (At9,6). Anzitutto: «Alzati». La prima cosa da evitare è rimanere a terra, subire la vita, restare attanagliati dalla paura. Quante volte don Tonino ripeteva: ‘In piedi!’, perché «davanti al Risorto non è lecito stare se non in piedi». Rialzarsi sempre, guardare in alto, perché l’apostolo di Gesù non può vivacchiare di piccole soddisfazioni”.

“Siamo chiamati tutti, in qualsiasi situazione ci troviamo, a essere portatori di speranza pasquale, ‘cirenei della gioia’, come diceva don Tonino; servitori del mondo, ma da risorti, non da impiegati. Senza mai contristarci, senza mai rassegnarci. È bello essere ‘corrieri di speranza’, distributori semplici e gioiosi dell’alleluia pasquale”. “E la Parola di Dio fa così: libera, rialza, fa andare avanti, umili e coraggiosi al tempo stesso. Non fa di noi dei protagonisti affermati e campioni della propria bravura, ma dei testimoni genuini di Gesù nel mondo”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: don Tonino Bello, ‘dono e profezia per i nostri tempi’
20/04/2018 10:15
La centralità dell'Eucaristia nella relazione del card. Scola
04/10/2005
Migliaia di fedeli in processione per l'anno Eucaristico e Mariano
08/12/2004
Papa: Eucaristia, rimedio alla fede tiepida dei cristiani e all'ateismo del mondo
02/10/2005
Angelus: Eucaristia, forza della missione di Francesco Saverio e di Teresa di Lisieux
02/10/2005