22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/09/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: i leader religiosi chiamati a promuovere il dialogo per promuovere la pace



    "Il comandamento della pace è inscritto nel profondo delle tradizioni religiose". "Bisogna cancellare ogni forma di violenza motivata religiosamente".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - La pace "è responsabilità di tutti", e se nel mondo, nelle società, c'è poca pace è perché manca il dialogo,  "tenace, paziente, forte, intelligente, per il quale niente è perduto". Promuoverlo è un impegno al quale sono chiamati i leader religiosi, perché "un leader religioso è sempre uomo di pace, perché il comandamento della pace è inscritto nel profondo delle tradizioni religiose".

    Promuovere il dialogo per promuovere la pace: è il monito che papa Francesco ha lanciato oggi, nel discorso che ha rivolto ai partecipanti all'incontro promosso dalla Comunità di Sant'Egidio sul tema: "Il coraggio della speranza: religioni e culture in dialogo".

    "Proprio in questi mesi - ha detto il Papa - sentiamo che il mondo ha bisogno dello 'spirito' che ha animato" lo storico incontro di Assisi del 1986. "Perché? Perché ha tanto bisogno di pace. No! Non possiamo mai rassegnarci di fronte al dolore di interi popoli, ostaggio della guerra, della miseria, dello sfruttamento. Non possiamo assistere indifferenti e impotenti al dramma di bambini, famiglie, anziani, colpiti dalla violenza. Non possiamo lasciare che il terrorismo imprigioni il cuore di pochi violenti per seminare dolore e morte a tanti. In modo speciale diciamo con forza, tutti, continuamente, che non può esservi alcuna giustificazione religiosa alla violenza, in qualsiasi modo essa si manifesti. Come sottolineava Papa Benedetto XVI due anni fa, nel 25° dell'incontro di Assisi, bisogna cancellare ogni forma di violenza motivata religiosamente, e insieme vigilare affinché il mondo non cada preda di quella violenza che è contenuta in ogni progetto di civiltà che si basa sul "no" a Dio".

    "Nel mondo, nelle società, c'è poca pace anche perché manca il dialogo, si stenta ad uscire dallo stretto orizzonte dei propri interessi per aprirsi ad un vero e sincero confronto. Per la pace ci vuole un dialogo tenace, paziente, forte, intelligente, per il quale niente è perduto. Il dialogo può vincere la guerra. Il dialogo fa vivere insieme persone di differenti generazioni, che spesso si ignorano; fa vivere insieme cittadini di diverse provenienze etniche, di diverse convinzioni. Il dialogo è la via della pace. Perché il dialogo favorisce l'intesa, l'armonia, la concordia, la pace. Per questo è vitale che cresca, che si allarghi tra la gente di ogni condizione e convinzione come una rete di pace che protegge il mondo e i più deboli".

    In quanto uomini di pace, "i leader religiosi siamo chiamati ad essere veri "dialoganti", ad agire nella costruzione della pace non come intermediari, ma come autentici mediatori. Gli intermediari cercano di fare sconti a tutte le parti, al fine di ottenere un guadagno per sé. Il mediatore, invece, è colui che non trattiene nulla per sé, ma si spende generosamente, fino a consumarsi, sapendo che l'unico guadagno è quello della pace. Ciascuno di noi è chiamato ad essere un artigiano della pace, unendo e non dividendo, estinguendo l'odio e non conservandolo, aprendo le vie del dialogo e non innalzando nuovi muri! Dialogare, incontrarci per instaurare nel mondo la cultura del dialogo, la cultura dell'incontro".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/09/2006 vaticano
    Papa: la religione non può che portare pace
    In un messaggio per i 20 anni dell'incontro di Assisi, Benedetto XVI ripete che nessuno può usare la fede per giustificare la violenza. L'incontro interreligioso non ebbe e non deve avere neppure ora venature di sincretismo. Ricorda che a caratterizzare l'azione di San Francesco è stata la conversione.

    13/01/2015 SRI LANKA - VATICANO
    Papa in Sri Lanka: vivere i precetti di pace presenti nelle religioni e denunciare eventuali atti di violenza
    Incontro a Colombo con i rappresentanti delle religioni del Paese. "Il dialogo farà risaltare quanto siano diverse le nostre credenze, tradizioni e pratiche. E tuttavia, se siamo onesti nel presentare le nostre convinzioni, saremo in grado di vedere più chiaramente quanto abbiamo in comune. Nuove strade si apriranno per la mutua stima, cooperazione e anche amicizia".

    27/08/2016 09:05:00 VATICANO
    Papa: Messaggio per la Pace 2017: “La non violenza: stile di una politica per la pace”

    Pubblicato il titolo del Messaggio che sarà diffuso entro al fine di quest’anno. La non violenza non solo come rifiuto morale, ma come “via realistica per superare i conflitti armati”. Dialoghi e negoziati basati sulla comune dignità degli interlocutori e sulla forza del diritto. Contro la “terza guerra mondiale a pezzi”, frenare anche il traffico illegale di armi.



    28/04/2017 17:46:00 EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’avvenire dipende dall’incontro di religioni e culture

    Francesco al Cairo interviene alla Conferenza di pace promossa da Al-Azhar. Mai la violenza nel nome di Dio. “Senza cedere a sincretismi concilianti, il nostro compito è quello di pregare gli uni per gli altri domandando a Dio il dono della pace, incontrarci, dialogare e promuovere la concordia in spirito di collaborazione e amicizia”.



    30/09/2016 14:43:00 VATICANO – GEORGIA
    Papa in Georgia: dialogo e confronto in un mondo che vede estremismi violenti

    Francesco è a Tbilisi, prima tappa di questa visita in Caucaso. “Qualsiasi distinzione di carattere etnico, linguistico, politico o religioso, lungi dall’essere usata come pretesto per trasformare le divergenze in conflitti e i conflitti in interminabili tragedie, può e deve essere per tutti sorgente di arricchimento reciproco a vantaggio del bene comune”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®