20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/05/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: il mese di maggio contro il “lavoro schiavo” e per la solidarietà



    All’udienza generale nel giorno di san Giuseppe lavoratore, e Festa dei lavoratori, Francesco invita il mondo a prendere “un’azione decisa” contro la tratta degli esseri umani e contro il lavoro che non dà dignità, ma reprime l’uomo. L’invito a “mantenere la speranza, soprattutto per i giovani, perché alla fine del tunnel c’è sempre una luce”. L'invito a tutte le famiglie a pregare il Rosario durante il mese di maggio.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Il mondo intero intraprenda "un'azione decisa" contro la tratta degli esseri umani e contro il "lavoro schiavo", il lavoro che de-umanizza e toglie dignità ai lavoratori. È l'accorato appello lanciato da papa Francesco durante l'udienza di oggi, festa di san Giuseppe lavoratore e dei lavoratori in tutto il mondo.

    Il pontefice dedica la sua catechesi alla figura di Giuseppe, ma riflette anche sul lavoro nel mondo di oggi e alla sua crisi, alla disoccupazione troppe volte provocata da una "concezione economicista della società, che cerca il profitto egoista al di fuori dei parametri della giustizia sociale". Alle decine di migliaia di persone presenti in piazza San Pietro, il Papa ricorda però che "c'è una luce alla fine di ogni tunnel" e sottolinea l'importanza della preghiera e della contemplazione, dell'amicizia con Gesù.

    Dopo il consueto segno della croce e il saluto liturgico, l'udienza generale inizia con un brano del Vangelo secondo Matteo, che narra l'insegnamento di Gesù nella sinagoga di Nazareth e lo stupore dei presenti, che si chiedono se quell'uomo sapiente non sia "il figlio del falegname". Per il Papa "con la presenza di Giuseppe, il padre regale che lo custodisce e gli insegna il lavoro, Gesù nasce e cresce in una famiglia: impara dal padre, condividendo con lui l'impegno, la fatica e la soddisfazione, anche nelle difficoltà di tutti i giorni".

    Questo, prosegue Francesco, "ci richiama la dignità e l'importanza del lavoro. La Genesi narra che Dio creò l'uomo e la donna affidando loro il compito di riempire la terra. Che non significa sfruttare la terra, ma significa custodire tutti i beni della creazione, e in questo modo partecipare all'opera della creazione".

    Il lavoro, sottolinea con forza il Papa, "è un elemento fondamentale per la dignità di una persona. Il lavoro, per usare un'immagine, ci unge di dignità, ci riempie di dignità, ci rende simili a Dio che ha lavorato, lavora e agisce sempre. Dà la capacità di mantenere se stessi, la propria famiglia, di contribuire alla crescita della propria nazione".

    Subito dopo, l'appello: "Penso alle difficoltà che in vari Paesi incontra oggi il mondo del lavoro e dell'impresa. Penso a quanti - e non solo giovani - sono disoccupati. Molte volte a causa di una concezione economicista della società, che cerca il profitto egoista al di fuori dei parametri della giustizia sociale".

    Desidero rivolgere a tutti, prosegue ancora, "l'invito alla solidarietà, e ai responsabili della cosa pubblica l'incoraggiamento a fare ogni sforzo per dare nuovo slancio all'occupazione. Questo significa preoccuparsi per la dignità della persona, ma soprattutto vorrei dire di non perdere la speranza. Anche san Giuseppe ha avuto momenti difficili, ma non ha mai perso la fiducia e ha saputo superarli nella certezza che Dio non ci abbandona".

    Le parole del Papa sono rivolte "in modo particolare" ai giovani: "Impegnatevi nel vostro dovere quotidiano: nel lavoro, nello studio, nei rapporti di amicizia, nell'aiuto verso gli altri. Il vostro avvenire dipende anche da come sapete vivere questi preziosi anni della vita. Non abbiate paura dell'impegno, del sacrificio e non guardate con paura al futuro: mantenete viva la speranza, c'è sempre una luce all'orizzonte".

    Ma nonostante questa luce, Francesco dice: "Aggiungo una parola su un'altra particolare situazione di lavoro che mi preoccupa. Mi riferisco a quello che potremmo definire come il "lavoro schiavo", il lavoro che schiavizza. Quante persone in tutto il mondo sono vittime di questo tipo di schiavitù, in cui la persona è schiava del lavoro mentre deve essere il lavoro a offrire un servizio alle persone, perché abbiano dignità. Chiedo ai fratelli e sorelle nella fede e a tutti gli uomini e donne di buona volontà, una decisa scelta contro la tratta delle persone, all'interno della quale figura il lavoro schiavo".

    Per rispondere a questa emergenza, Gesù e la testimonianza della Sua famiglia sono l'aiuto che serve all'uomo: "Nel silenzio dell'agire quotidiano, san Giuseppe e la Vergine Maria hanno un solo centro comune di attenzione: Gesù. Essi accompagnano e custodiscono con impegno e tenerezza la crescita del figlio di Dio, fatto uomo per noi, riflettendo su tutto ciò che accadeva. Nei Vangeli, san Luca sottolinea due volte l'atteggiamento di Maria, che è anche quello di san Giuseppe: custodiva tutte queste cose meditandole nel suo cuore".

    Per ascoltare il Signore, prosegue il Papa, "bisogna imparare a contemplarLo, a percepire la Sua presenza costante nella nostra vita. Bisogna fermarsi a dialogare con Lui, darGli spazio con la preghiera. Ognuno di noi, anche voi ragazzi e ragazzi così numerosi questa mattina, dovrebbe chiedersi: "Quale spazio do al Signore? Mi fermo a dialogare con Lui?". Fin da quando eravamo piccoli i nostri genitori ci hanno abituati a iniziare e terminare la giornata con una preghiera, per educarci a sentire che l'amicizia e l'amore di Dio ci accompagnano".

    "Ricordiamoci di più del Signore nelle nostre giornate - riprende - in questo mese di maggio vorrei richiamare all'importanza e alla bellezza della preghiera del santo Rosario: recitando l'Ave Maria siamo condotti a contemplare i misteri di Gesù, a riflettere cioè sui momenti centrali della Sua vita, perché come per Maria e san Giuseppe Egli sia il senso dei nostri pensieri, delle nostre attenzioni, delle nostre azioni".

    Sarebbe bello, conclude Francesco, "se soprattutto in questo mese di maggio si recitasse insieme in famiglia, con gli amici, in parrocchia, il santo Rosario o qualche preghiera a Gesù e alla Vergine Maria. La preghiera fatta insieme è un momento prezioso per rendere ancora più salda la vita familiare, l'amicizia. Impariamo a pregare di più in famiglia e come famiglia. Cari fratelli e sorelle, chiediamo a san Giuseppe e alla Vergine Maria che ci insegnino a essere più fedeli nei nostri impegni quotidiani. A vivere la nostra fede nell'azione di ogni giorno e a dare più spazio al Signore nella nostra vita, a fermarci per contemplare il Suo volto. Grazie".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/08/2015 VATICANO
    Papa: La moderna organizzazione del lavoro considera la famiglia come un ingombro, un peso
    All’udienza generale papa Francesco affronta il tema del lavoro. “Causare una perdita di posti di lavoro significa causare un grave danno sociale”. “Il lavoro è sacro, il lavoro dà dignità a una famiglia. Dobbiamo pregare perché non manchi il lavoro in una famiglia”. La logica del solo profitto corrompe l’habitat e colpisce le famiglie più povere. La “grande missione” delle famiglie nel mondo contemporaneo è come “Davide di fronte a Golia… ma sappiamo come è andata a finire quella sfida!”. Il saluto alla comunità di Taizé che domani celebra i 75 anni della sua fondazione. I pellegrini da Giappone e Medio oriente.

    24/08/2016 10:55:00 VATICANO
    Papa annulla l’Udienza: Dolore per il terremoto in Italia

    Francesco parla ai pellegrini presenti in piazza: “Grande dolore e vicinanza a tutte le persone presenti nei luoghi colpiti dalle scosse, a tutte le persone che hanno perso i loro cari e a quelle che ancora si sentono scosse dalla paura e dal terrore”. Il pontefice invita i presenti a recitare i Misteri dolorosi del Rosario. Le scosse che hanno devastato l’area di Rieti hanno colpito soprattutto Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto. Le vittime accertate sono 21, ma i dispersi sono numerosissimi.



    09/08/2017 10:51:00 VATICANO
    Papa: Gesù perdona i peccati, un ‘gesto scandaloso’. Un appello per la Nigeria e la Repubblica Centrafricana

    All’udienza generale, papa Francesco sottolinea che “Gesù vede una possibilità di risurrezione anche in chi ha accumulato tante scelte sbagliate”. I peccatori perdonati sono “rasserenati a livello psicologico”, ma soprattutto ricevono “una vita nuova, una vita segnata dall’amore” come Matteo, Zaccheo, la samaritana. “Siamo tutti poveri peccatori, bisognosi della misericordia di Dio”. Un’Ave Maria per i cristiani vittime della violenza in Nigeria e nella Repubblica centrafricana.



    12/08/2015 VATICANO
    Papa: La festa è un prezioso regalo che Dio ha fatto alla famiglia umana. Contro “il brutto virus” del consumo e dello spreco
    All’udienza generale papa Francesco apre un nuovo percorso dedicato alla festa, al lavoro e alla preghiera in famiglia. La festa è “un’invenzione di Dio” perché ci sia il tempo di contemplare il lavoro ben fatto; non è “la pigrizia di starsene in poltrona”. La festa al lavoro interrompe “la macchina produttiva” per scoprirsi “signori” del lavoro e non “schiavi”. “l’ideologia del profitto e del consumo” riduce la festa “a un ‘affare’, a un modo per fare soldi e per spenderli. L’eucarestia domenicale ““porta alla festa tutta la grazia di Gesù Cristo”, così che “ogni realtà riceve il suo senso pieno”.

    01/05/2013 NEPAL
    Primo Maggio a Kathmandu: I partiti politici distruggono il lavoro
    Conflitti politici, manifestazioni e scioperi costringono fabbriche a chiudere lasciando la gente disoccupata. Alcuni non possono provvedere né cibo, né scuola per i figli. Una critica al governo maoista.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®