18/10/2016, 12.21
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: il pastore che segue Gesù, anche se abbandonato da tutti avrà sempre il Signore accanto

Apostoli, profeti e martiri hanno sperimentato alla fine della loro vita la solitudine nella difficoltà: sono stati spogliati, abbandonati, ma il Signore è restato vicino. “Preghiamo per i pastori che sono alla fine della loro vita e che stanno aspettando che il Signore li porti con Lui”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Il pastore che segue Gesù e non il potere, anche se è abbandonato da tutti avrà sempre il Signore accanto, fino alla fine della vita. Potrà essere desolato, ma mai amareggiato. L’ha detto oggi papa Francesco durante la messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dalla Seconda lettera a Timoteo, per sottolineare come apostoli, profeti e martiri abbiano sperimentato alla fine della loro vita la solitudine nella difficoltà: sono stati spogliati, abbandonati, ma il Signore è restato vicino. “Solo, mendicante, vittima di accanimento, abbandonato. Ma è il grande Paolo, quello che ha sentito la voce del Signore, la chiamata del Signore! Quello che è andato da una parte all’altra, che ha sofferto tante cose e tante prove per la predicazione del Vangelo, che ha fatto capire agli Apostoli che il Signore voleva che anche i Gentili entrassero nella Chiesa, il grande Paolo che nella preghiera è salito fino al Settimo Cielo e ha sentito cose che nessuno aveva sentito prima: il grande Paolo, lì, in quella stanzetta di una casa, qui a Roma, aspettando come finirà questa lotta nell’interno della Chiesa fra le parti, fra la rigidità dei giudaizzanti e quei discepoli fedeli a lui. E così finisce la vita del grande Paolo, nella desolazione: non nel risentimento e nell’amarezza, ma con la desolazione interiore”.

Così è accaduto a Pietro e al grande Giovanni Battista, che “in cella, solo, angosciato”, manda i suoi discepoli a chiedere a Gesù se sia lui il Messia e finisce con la testa tagliata per “il capriccio di una ballerina e la vendetta di una adultera”. Così è accaduto a Massimiliano Kolbe, “che aveva fatto un movimento apostolico in tutto il mondo e tante cose grandi” ed è morto nella cella di un lager. “L’apostolo quando è fedele – ha sottolineato il Papa - non si aspetta un’altra fine di quella di Gesù”. Ma il Signore resta vicino, “non lo lascia e lì trova la sua forza”. Così muore Paolo. “Questa è la Legge del Vangelo: se il seme del grano non muore, non dà frutto”. Poi viene la resurrezione. Un teologo dei primi secoli diceva che il sangue dei martiri è il seme dei cristiani. “Morire così come martiri, come testimoni di Gesù è il seme che muore e dà il frutto e riempie la terra di nuovi cristiani. Quando il pastore vive così non è amareggiato: forse ha desolazione, ma ha quella certezza che il Signore è accanto a lui. Ma quando il pastore, nella sua vita, si  occupa di altre cose che non siano i fedeli – è per esempio attaccato al potere, è attaccato ai soldi, è attaccato alle cordate, è attaccato a tante cose – alla fine non sarà solo, forse ci saranno i nipoti, che aspetteranno che muoia per vedere cosa possono portare con loro”.

“Quando – la conclusione di Francesco - io vado a fare visita alla casa di riposo dei sacerdoti anziani trovo tanti di questi bravi, bravi, che hanno dato la vita per i fedeli. E sono lì, ammalati, paralitici, sulla sedia a rotelle, ma subito si vede quel sorriso. ‘Sta bene, Signore; sta bene, Signore’, perché sentono il Signore vicinissimo a loro. E anche quegli occhi brillanti che hanno e domandano: ‘Come va la Chiesa? Come va la diocesi? Come vanno le vocazioni?’. Fino alla fine, perché sono padri, perché hanno dato la vita per gli altri. Torniamo a Paolo. Solo, mendicante, vittima di accanimento, abbandonato da tutti, meno che dal Signore Gesù: ‘Solo il Signore mi è stato vicino!’. E il Buon Pastore, il pastore deve avere questa sicurezza: se lui va sulla strada di Gesù, il Signore gli sarà vicino fino alla fine. Preghiamo per i pastori che sono alla fine della loro vita e che stanno aspettando che il Signore li porti con Lui. E preghiamo perché il Signore dia loro la forza, la consolazione e la sicurezza che, benché si sentano malati e anche soli, il Signore è con loro, vicino a loro. Che il Signore dia loro la forza”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: La Chiesa non ha bisogno di burocrati, ma di missionari appassionati
14/08/2016 12:18
Papa nei Paesi Baltici: Vicini al tabernacolo, al Signore e alla gente
23/09/2018 16:00
Papa: a Cracovia per la Gmg lo aspetteranno quasi due milioni di giovani
20/07/2016 14:55
Papa: ad Auschwitz, “Signore perdona tanta crudeltà!”
29/07/2016 12:39
Papa: una “priorità alta”, per la Chiesa, il dialogo con le altre religioni
03/03/2011