25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/06/2014, 00.00

    VATICANO - GIAPPONE

    Papa: il premier Abe gli porta in dono uno specchio "magico"



    Nell'incontro sottolineate le buone relazioni esistenti e la collaborazione tra la Chiesa e lo Stato, in ambito educativo, sociale e sanitario. Lo specchio uguale a quelli in uso tra i cristiani clandestini del XVII secolo: sembra normale, ma esposto alla luce del sole, mostra una croce e una immagine di Gesù.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - "Le buone relazioni esistenti tra il Giappone e la Santa Sede, nonché l'intesa e la collaborazione tra la Chiesa e lo Stato, in ambito educativo, sociale e sanitario" sono state evocate nell'udienza data oggi da papa Francesco al primo ministro del Giappone Shinzō Abe, il quale si è successivamente incontrato con il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, accompagnato da mons. Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati.

    Nel corso dei "cordiali colloqui", informa una nota vaticana, "ci si è soffermati su alcuni temi dell'attualità regionale e internazionale, con particolare riferimento alle iniziative volte a promuovere la pace e la stabilità nel continente asiatico, l'impegno del Giappone nella cooperazione per lo sviluppo, soprattutto in Africa, l'attenzione all'ambiente e il disarmo nucleare".

    Assolutamente singolare uno dei doni offerti al Papa dal premier nipponico: uno specchio speciale, fabbricato da un artigiano contemporaneo, uguale a quelli in uso tra i cristiani clandestini del XVII secolo, quando il cristianesimo era perseguitato. Sembra uno specchio qualsiasi, ma esposto alla luce del sole, mostra una croce e una immagine di Gesù. Subito il Papa ha voluto vedere le immagini, avvicinandosi con Abe alla finestra della Sala della Biblioteca per poter esporre lo specchio alla luce solare. Abe ha anche spiegato di aver deciso di fare questo dono ricordando che  Francesco aveva detto che "in Giappone non c'era più nessun prete e dopo circa due secoli e mezzo, quando i missionari ritornarono in Giappone, migliaia di cristiani erano sopravvissuti nella fede con la grazia del loro battesimo".

    Abe, che salutando al suo arrivo il Papa, ha definito "un grande onore essere qui"  e ha ringraziato il Papa per il suo messaggio per le vittime dello tsunami che ha colpito il Giappone nel 2011, ha regalato anche due ritratti del giapponese Hasekura e di Papa Paolo V che si incontrarono in Vaticano 400 anni fa. Francesco ha ricambiato con il medaglione raffigurante il progetto originale di San Pietro.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/06/2014 GIAPPONE - VATICANO
    Vescovi giapponesi: La futura visita del Papa, vera opportunità per la pace
    L'arcivescovo di Tokyo e presidente della Conferenza episcopale giapponese commenta l'incontro fra il premier nipponico Shinzo Abe e Francesco. Nel corso del colloquio, Abe ha invitato di nuovo il pontefice in Giappone: "Noi pregheremo e faremo ogni sforzo possibile per rendere possibile una visita del Papa".

    13/05/2011 GIAPPONE
    Missionario PIME: A Sendai la distruzione ha bisogno di aiuti materiali e spirituali
    Un sacerdote parla della desolazione "incredibile" e della necessità di un forte aiuto “umano”, oltre che materiale nell'area del terremoto e dello tsunami. Arriva oggi nel Paese il card. Sarah, per portare l’abbraccio del Papa. Tokyo aiuterà la Tepco a risarcire i danni, per evitarne il fallimento.

    14/12/2012 GIAPPONE
    Tokyo, le elezioni politiche si giocano sul no al nucleare
    Le elezioni sono il 16 dicembre. Tutti i candidati hanno dovuto affrontare il tema della paura del nucleare, dopo il disastro di Fukushima. Proprio lì è iniziata la campagna elettorale. Tutti i candidati sono a favore dell'eliminazione, ma con qualche ambiguità da parte di Shinzo Abe, il quasi sicuro vincitore.

    24/03/2015 GIAPPONE
    Tokyo, migliaia davanti al Parlamento contro le politiche “naziste” di Shinzo Abe
    Circa 14mila persone si sono riunite nei pressi della Dieta per protestare contro le decisioni del governo sulla sicurezza internazionale e sulla ripresa dell’energia atomica. Tra slogan e manifesti con la faccia del premier simile a quella di Hitler, i partecipanti “implorano il governo di non covare la guerra”.

    18/12/2014 GIAPPONE
    Tokyo, il Partito comunista festeggia i 21 seggi ottenuti alle elezioni
    È la prima volta dopo 14 anni che la formazione raggiunge la doppia cifra al voto legislativo. Analisti ed esperti concordi: ha pagato la vera opposizione alle politiche del governo Abe e il rifiuto a vendersi in nome del potere. Il leader Kazuo Shii: "Con il popolo, possiamo fare molto di più".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®