22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/09/2014, 00.00

    RUSSIA - UCRAINA

    Patriarcato Mosca a Vaticano: Il "problema" degli uniati sia al centro del dialogo ecumenico

    Nina Achmatova

    Il metropolita Hilarion attacca di nuovo il "progetto" della Chiesa cattolica per fare proseliti in Ucraina e suggerisce di abbandonare le questioni teologiche per affrontare e risolvere il "problema" dei greco-cattolici.

    Mosca (AsiaNews) - Il Patriarcato di Mosca torna ad attaccare i greco-cattolici in Ucraina e ad ammonire il Vaticano sui rischi che i "problemi" con i cosiddetti uniati si ripercuotano in modo negativo sul dialogo ecumenico e i rapporti tra Chiesa ortodossa russa e Santa Sede. A parlare è il numero due del Patriarcato, il metropolita Hilarion, presidente del Dipartimento sinodale per le relazioni ecclesiastiche esterne.

    Nel suo programma televisivo 'Chiesa e mondo', Hilarion ha ribadito le accuse agli 'uniati' (termine spregiativo, usato per indicare questi cattolici di rito ortodosso ma in comunione col Papa) di essere un "progetto speciale" della Chiesa cattolica per fare proselitismo. A suo dire, anche in altri momenti storici "come quello attuale", i greco-cattolici hanno "sfruttato il sostegno delle autorità ucraine" a scapito degli ortodossi.

    Davanti alle denunce del "problema" avanzate dal Patriarcato di Mosca - ha fatto notare il rappresentante ortodosso - il Vaticano continua a sostenere di non avere influenza sulla comunità cattolica ucraina per via del suo status autonomo, pur confermando però tutte le nomine dei suoi leader spirituali.

    "C'è qualcosa di errato in questo stesso progetto", ha denunciato Hilarion, che poi si è rivolto direttamente alle gerarchie cattoliche per avanzare un'ipotesi provocatoria: "Può essere che ora nel quadro del nostro dialogo teologico, dobbiamo discutere non di questioni teoretiche come il primato e la conciliarità nella Chiesa, ma tornare alla questione degli uniati, in modo da capire perché questa ferita continua a sanguinare e perché non si può fare nulla per rimarginarla e curarla".

    L'idea, suggerita tra le righe, potrebbe essere quella di redigere un documento in cui si crei una sorta di codice di condotta degli ortodossi e dei greco-cattolici nei territori dove si trovano a convivere.

    Sullo sfondo della crisi ucraina, i più alti vertici del Patriarcato di Mosca hanno già attaccato diverse volte le posizioni dei greco-cattolici, colpevoli ai loro occhi di aver sostenuto le proteste del Maidan di Kiev e di promuovere il sentimento anti-russo. A sua volta, l'arcivescovo maggiore di Kiev, Sviatoslav Shevchuk, questa estate ha lanciato attraverso AsiaNews un appello alla riconciliazione, affinché anche Mosca riconosca dignità al popolo ucraino e possa così aprire un dialogo sincero basato sulla verità, invitando a non credere alla "propaganda" dalla Russia. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/08/2017 13:26:00 RUSSIA-VATICANO
    Nel futuro di Russia e Vaticano, si spera in un viaggio di papa Francesco a Mosca

    Stamane si è tenuto l’incontro molto cordiale fra Serghei Lavrov e il card. Parolin. Grande convergenza su molti temi internazionali: terrorismo, Siria, cristiani perseguitati. Qualche “differenza” sulla questione ucraina. Dall’incontro all’Avana, si attende un nuovo incontro fra Francesco e il patriarca di Mosca Kirill.



    08/08/2016 10:47:00 RUSSIA - UCRAINA - VATICANO
    Patriarcato di Mosca: "Uniati” troppo aggressivi, in pericolo il dialogo con la Chiesa cattolica

    La Chiesa ortodossa russa torna a denunciare l’atteggiamento “politicizzato” dei leader greco-cattolici in Ucraina dopo le critiche mosse dall’arcivescovo maggiore di Kiev, Sviatoslav Shevchuk, alla processione pan-ucraina organizzata a luglio dalla Chiesa ortodossa ucraina.



    22/08/2017 08:31:00 RUSSIA-VATICANO
    Mosca, il dialogo tra ortodossi e uniati al cuore della pace

    La visita del card. Pietro Parolin a Mosca è l’occasione per ricostruire una sintonia fra cattolici e ortodossi, segnati dalle ferite del passato ateista e dal conflitto ucraino.  I cattolici russi di rito latino sembrano avere una funzione di mediazione.  Ieri vi è stato l’incontro fra il card. Parolin e il metropolita Hilarion. Oggi, molto attesi, gli incontri con Kirill e con il ministro degli esteri Serghei Lavrov.



    02/06/2017 09:32:00 UCRAINA-RUSSIA
    In morte del card. Lubomyr Husar, vescovo di Kiev

    È stato un grande testimone della fede cattolica e appassionato nel ricercare l’unità con tutti i cristiani. Esule nella Badia di Grottaferrata. L’amicizia con il cardinale Josif Slipyj. Ha gestito il ritorno dei fedeli alla Chiesa greco-cattolica dopo la caduta dell’Urss e ha curato le ferite della persecuzione. Il telegramma di papa Francesco all’arcivescovo Shevchuk, successore di Husar.



    19/08/2017 09:54:00 RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®