20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/06/2017, 13.17

    IRAQ - SIRIA

    Patriarcato caldeo: dopo il genocidio dell’Isis, dialogo, giustizia e unità per ricostruire l’Iraq



    A tre anni dalla presa di Mosul il patriarca Sako ha visitato la zona liberata da esercito e Peshmerga. L’opera di ricostruzione sia anche “opportunità di lavoro” e occasione per garantire “pace, sicurezza e stabilità”. Secondo una recente inchiesta l’80% dei cristiani ha abbandonato Siria e Iraq dal 2011.

    Baghdad (AsiaNews) - Un dialogo “coraggioso e responsabile” per alleviare le sofferenze di quanti hanno perso la loro casa e ogni bene in seguito all’ascesa dello Stato islamico (SI) nel nord dell’Iraq. E ancora, garantire “giustizia e uguaglianza” nel contesto di uno “spirito di unità nazionale”, che guardi al “bene pubblico” in base ai dettami sanciti “dalla Costituzione”. È quanto auspica in una nota, pubblicata sul sito del patriarcato caldeo, il primate della Chiesa irakena mar Louis Raphael Sako, a tre anni dalla presa di Mosul da parte delle milizie jihadiste.

    Nel suo intervento il prelato ricorda il “dolore e lacrime” che ancora oggi emergono fra la popolazione cristiana costretta a lasciare le proprie case e le proprie terre, mentre è iniziata da poco una lenta e faticosa opera di ricostruzione. Una tragedia tuttora in atto che i vertici della Chiesa irakena non esitano a definire un “genocidio”. Ringraziando il lavoro di quanti si sono prodigati per la liberazione di parte di Mosul e della piana, in particolare fra i militari e i Peshmerga curdi, il patriarcato ricorda la condizione dei cristiani tuttora “sfollati”, le loro case e le chiese “bruciate o distrutte”. La ricostruzione di abitazioni e infrastrutture, prosegue la nota, è anche una grande “opportunità di lavoro” e l’occasione per garantire “pace, sicurezza e stabilità” al Paese, rafforzando l’obiettivo dell’unità minato da vecchie e nuove mire autonomiste. Fra queste le rivendicazioni di alcuni gruppi cristiani per la creazione di un’enclave cristiana nella piana di Ninive - un progetto che il patriarca Sako osteggia da tempo - e il referendum curdo per l’indipendenza.

    Secondo un rapporto pubblicato di recente, fino all’80% della popolazione cristiana originaria ha abbandonato in questi anni l’Iraq e la Siria, a causa della guerra e dell’escalation dei movimenti estremisti di matrice islamica. Iniziato nel 2003 con l’invasione statunitense in Iraq, l’esodo ha subito un’accelerazione nel 2011 con l’inizio del conflitto siriano. Infine, nell’estate del 2014 l’ascesa dello Stato islamico nel nord dell’Iraq ha segnato il culmine delle violenze.

    Sebbene non sia possibile stabilire con certezza la portata dell’esodo, il numero dei cristiani in Iraq - già scesi a 300mila nel 2014 rispetto al milione e più sotto il regime di Saddam Hussein - è crollato a poco più di 200mila, al massimo 250mila. Nella vicina Siria è dimezzata rispetto ai due milioni del 2011, prima dell’inizio della guerra. Inoltre, con il trascorrere del tempo la comunità cristiana sembra perdere sempre più la speranza di poter tornare. Una parte ha trovato rifugio nelle nazioni dell’area - Libano, Giordania su tutte - in condizioni spesso di precarietà. Altri sono emigrati in Europa, Stati Uniti, Canada e Australia, le principali nazioni della diaspora. Alla base dell’esodo vi sarebbero l’alto costo di vita, la mancanza di lavoro e di opportunità educative, la distruzione delle cittadine cristiane e la perdita del senso di comunità. Da qui il nuovo appello alla giustizia e agli aiuti per i cristiani, in particolare per quanti hanno deciso di restare nelle loro terre e di contribuire all’opera di ricostruzione.

    Proprio in questi giorni ricorre il terzo anniversario della presa di Mosul da parte delle milizie dello Stato islamico, che nel giugno del 2014 assumevano il controllo della seconda città per importanza dell’Iraq. Dall’ottobre scorso è in atto una offensiva promossa dall’esercito irakeno - con il sostegno di milizie curde e sciite - per riprendere l’intero controllo della città. Il settore orientale è ormai liberato dalla presenza jihadista, come la quasi totalità della pianura di Ninive, ma restano ampie sacche di resistenza nella zona occidentale di Mosul e nella Città Vecchia. Uno scontro durissimo che ha già causato morti fra la popolazione civile, spesso usata come scudo umano dai terroristi, e alimentato un esodo che ha coinvolto centinaia di migliaia di famiglie.

    L’8 giugno scorso il patriarca Sako si è recato in visita, per la prima volta dall’ascesa di Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico] nelle zone liberare di Mosul, in compagnia del vice mons. Basilio Yaldo e di una delegazione di politici e militari. Il prelato ha visto con i propri occhi la situazione di alcuni dei luoghi sacri cristiani più importanti della città. Fra questi la parrocchia di Santo Spirito, teatro nel giugno 2007 dell’assassinio del sacerdote caldeo p. Ragheed Ganni, assieme a tre suoi aiutanti diaconi. Nel contesto della visita (nella foto) sua beatitudine ha ringraziato le forze armate irakene per la loro lotta contro il gruppo jihadista e ha chiesto di assicurare la protezione delle cittadine cristiane della piana di Ninive, fra cui Qaraqosh, Karemles e Bartella.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/06/2017 09:53:00 SIRIA - VATICANO
    Card. Zenari: in Siria segni di “miglioramento”, ma i cristiani continuano a soffrire

    Ad Aleppo fino a due terzi della popolazione cristiana ha abbandonato la città, circa la metà nel resto del Paese. Serve garantire un lavoro a chi è rimasto e l’istruzione ai giovani. E un “sostegno spirituale” per continuare la missione di “testimoni di Cristo” in una terra a maggioranza musulmana. La prossima settimana l’incontro con il papa.

     



    19/01/2017 13:52:00 IRAQ - SIRIA
    Sacerdote irakeno: “Fiducia e speranza” aspettando la liberazione di Mosul

    Don Paolo Thabit Mekko racconta il clima di attesa fra i profughi di Mosul e della piana di Ninive. Un piccolo gruppo ha già visitato le case del settore orientale della città, liberato dalla presenza jihadista. Essenziale garantire “la sicurezza” delle aree liberate e trovare una nuova formula “di amministrazione e controllo”. Nel 2016 Daesh ha perso un quarto del territorio. 

     



    19/12/2014 IRAQ - SIRIA
    Monte Sinjar, i peshmerga rompono l’assedio delle milizie dello Stato islamico
    Si tratta della vittoria militare più importante dei curdi contro gli islamisti dall’inizio della guerra. I combattenti avrebbero aperto un corridoio per consentire la fuga di 1200 famiglie intrappolate dall’estate. Tuttavia fonti yazide non confermano la fine dell’assedio e lo stanziamento di peshmerga. Nei radi aerei statunitensi di dicembre morte figure di primo piano dello SI.

    29/08/2014 IRAQ - SIRIA
    Dalla Siria all’Iraq, nuovi orrori (e decapitazioni) delle milizie dello Stato islamico
    Durante la presa della base aerea di Raqqa gli islamisti hanno catturato e ucciso decine di soldati dell’esercito di Damasco. Nell’altura del Golan sequestrati Caschi blu: l’Onu chiede il rilascio immediato. In Iraq i jihadisti hanno decapitato un combattente curdo, minacce ai leader della regione autonoma.

    04/04/2016 11:14:00 SIRIA
    Pasqua a Damasco: Cristiani e musulmani in piazza per una festa di pace

    Riad Sargi, ingegnere cattolico, racconta ad AsiaNews le feste appena passate "Un’atmosfera fantastica, chiese gremite di fedeli”. Cristiani e musulmani si sono scambiati visite e messaggi di auguri, augurandosi il ritorno ad “una vita normale”. Una delegazione francese ha sperimentato il carattere multi-culturale della Siria e l’ideale di “laicità araba”.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®