26/09/2014, 00.00
PAKISTAN - ISLAM
Invia ad un amico

Paul Bhatti: inquieta la morte in carcere del leader cristiano, lo Stato tuteli i cittadini

Per il presidente Apma ed ex ministro le istituzioni hanno il dovere di difendere e garantire la sicurezza alle persone sotto processo. L’uccisione in cella indice della debolezza del governo, della mancanza di tutela della legge e del diritto. E avverte: cristiani e musulmani “devono unirsi” per salvare il Pakistan.

Islamabad (AsiaNews) - "Vicende come questa, in cui singole persone si fanno 'giustizia' da sole, è un segnale preoccupante; l'uomo era in carcere ed era compito dello Stato difenderlo e garantire la sicurezza, pur essendo sotto processo". È quanto afferma ad AsiaNews Paul Bhatti ex ministro federale per l'Armonia nazionale e leader di All Pakistan Minorities Alliance (Apma), in merito all'assassinio in carcere del 45enne reverendo Zafar Bhatti. Il corpo privo di vita è stato ritrovato ieri mattina in cella, nella prigione di Adyala a Rawalpindi, dove era rinchiuso mentre era in corso il processo. Nelle ultime settimane egli aveva confidato a più riprese alla famiglia di temere per la propria vita, oggetto di minacce non solo da parte degli altri carcerati, ma degli stessi agenti di polizia penitenziaria del carcere. 

Commentando l'ennesimo caso di omicidio di un imputato, indice anche di una debolezza dell'attuale governo, l'ex ministro sottolinea che in Pakistan è urgente "garantire stabilità politica e rispetto della legge e del diritto". Fino a che "non raggiungiamo questo obiettivo - avverte - non sarà possibile sperare nella giustizia", che dovrebbe essere "garantita a tutti", anche agli imputati per blasfemia, "a prescindere dal fatto o meno che questa persona sia innocente".  

"Il fatto che questo egli sia stato ucciso in prigione - chiarisce Paul Bhatti - è una dimostrazione che il sistema giudiziario e la garanzia del rispetto del diritto in Pakistan siano molto deboli". E aggiunge che "il Pakistan deve cambiare in questo", perché devono prevalere "diritto, giustizia e libertà di espressione". Il cittadino, anche se coinvolto in procedimenti penali, compreso il reato di blasfemia, "deve essere protetto, ma ciò non è avvenuto. Egli aveva il diritto di essere difeso dalle istituzioni". "Con vicende come questa, - aggiunge - pare inevitabile che le persone siano costrette a scappare e abbandonare il Paese". 

Paul Bhatti ricorda che non servono campagne di pressione sul governo o iniziative dall'esterno per la cancellazione di norme come quelle sulla blasfemia, che vengono sfruttate per compiere vendette o dirimere controversie personali. Egli auspica piuttosto un "coinvolgimento della gente, delle personalità musulmane locali, per studiare le cause delle violenze e trovare una via comune per risolvere la controversia", come avvenuto in occasione della liberazione di Rimsha Masih e di Mansha Masih. "Ci vuole stabilità - conclude il presidente Apma - per garantire protezione non solo ai deboli, ma a tutto il Paese e alle persone di buona fede. Cristiani e musulmani devono unirsi, altrimenti non si salverà nessuno". 

Con più di 180 milioni di abitanti (di cui il 97% professa l'islam), il Pakistan è la sesta nazione più popolosa al mondo e  seconda fra i Paesi musulmani dopo l'Indonesia. Circa l'80% è musulmano sunnita, mentre gli sciiti sono il 20% del totale. Vi sono presenze di indù (1,85%), cristiani (1,6%) e sikh (0,04%). Gli attacchi contro le minoranze etniche o religiose si verificano in tutto il territorio nazionale, ma negli ultimi anni si è registrata una vera e propria escalation. Decine gli episodi di violenze, fra attacchi mirati contro intere comunità (Gojra nel 2009 o alla Joseph Colony di Lahore nel marzo 2013), luoghi di culto (Peshawar nel settembre scorso) o abusi contro singoli individui (Sawan Masih e Asia Bibi, Rimsha Masih o il giovane Robert Fanish Masih, anch'egli morto in cella), spesso perpetrati col pretesto delle leggi sulla blasfemia. (DS)

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Centinaia di musulmani assaltano le case di 100 cristiani nel Punjab
02/07/2009
Zafar Bhatti, la moglie: “gioia immensa” incontrarlo in carcere, ora preghiamo per il rilascio
02/10/2014
Rawalpindi: una telefonata della polizia dietro le (false) voci della morte di Zafar Bhatti
01/10/2014
Rawalpindi, leader cristiano ucciso in carcere: era accusato di blasfemia
25/09/2014
Lahore, vittime della blasfemia: operai uccidono il titolare dell’azienda
06/08/2009