25 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/03/2014, 00.00

    PAKISTAN

    Cristiano condannato a morte per blasfemia. Vescovo di Islamabad: Preghiamo per i perseguitati

    Jibran Khan

    La sentenza contro il giovane Sawan Masih è giunta al termine di un processo che si è svolto in prigione. Alto il rischio di attentati da parte di estremisti islamici. La difesa annuncia il ricorso in appello. Ira e indignazione nei leader religiosi e società civile. Mons. Rufin Anthony: "Accuse false, è un abuso”. Il 14 aprile fissata udienza di appello per Asia Bibi.

    Lahore (AsiaNews) - Un tribunale di Lahore (nel Punjab) ha condannato a morte un cristiano per una (falsa) vicenda di blasfemia che, già lo scorso anno, aveva provocato pesanti scontri in città, con oltre 150 case e due chiese date alle fiamme in un raid dei fondamentalisti islamici. La sentenza di condanna ai danni di Sawan Masih è giunta al termine di un'udienza che si è tenuta ieri nel carcere in cui è custodito il giovane; per motivi di sicurezza le autorità hanno preferito evitare un processo pubblico in una comune aula di tribunale. Per la polizia era alto il rischio che l'imputato fosse vittima di un attentato, lungo il tragitto che separa la prigione dalla Corte. In base all'art 295 C del Codice penale, il giudice aggiunto Chaudhry Ghulam Murtaza ha emesso la pena capitale per impiccagione e il pagamento di una multa di 200mila rupie (più di 2mila dollari). 

    Al contempo, la corte ha disposto il rilascio su cauzione per i responsabili - 83 in tutto - dell'attacco alla Joseph Colony di Lahore (clicca qui per vedere le foto), considerando il giovane cristiano quale unico imputato in una vicenda che ha scosso nel profondo l'opinione pubblica. I legali hanno già annunciato il ricorso in appello, sostenendo l'innocenza di Sawan Masih e l'infondatezza delle accuse. 

    Secondo la ricostruzione dei fatti, l'allora 26enne cristiano (nella foto) si era recato da un barbiere islamico per tagliarsi i capelli; tuttavia, il proprietario del negozio, Imran Shahid, si è rifiutato di servirlo. Tra i due è nata un'accesa discussione, e il musulmano avrebbe usato parole offensive sul cristianesimo. Insieme ad altre persone, Shahid è poi andato alla vicina stazione di polizia: il gruppo ha registrato contro Masih un'accusa di blasfemia (art.295C), sostenendo che il giovane era ubriaco e aveva insultato il profeta Maometto. Poco dopo, le forze dell'ordine hanno arrestato il cristiano. Durante l'ondata di violenze divampate all'indomani della vicenda, ignoti hanno anche profanato il memoriale di Shahbaz Bhatti nella capitale. 

    Raggiunto da AsiaNews mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad/Rawalpindi, sottolinea che "è triste vedere comminata una condanna a morte con accuse palesemente false". Il prelato spiega che Sawan Masih non ha "grande cultura" e "non comprende nemmeno la natura delle incriminazioni e a suo carico". Inoltre, l'attacco alla Joseph Colony "è un chiaro esempio dell'abuso perpetrato in nome delle leggi sulla blasfemia. Preghiamo per Sawan Masih e Asia Bibi - conclude il prelato - entrambi in attesa di giustizia. La prossima settimana terremo una giornata di preghiera per i perseguitati". P. Arshad John, della diocesi di Lahore, ha incontrato i legali della difesa e conferma che il giovane "è stato incastrato", ma i giudici hanno "completamente ignorato i fatti e annunciato la condanna a morte per le pressioni degli estremisti". In Pakistan "giustizia è negata". 

    Anche la società civile è contraria alla sentenza come conferma Rizwan Paul, segretario generale della Masih Foundation and Life for All Pakistan. "Una incriminazione per blasfemia - commenta - equivale di per sé a una sentenza di condanna. Le leggi sulla blasfemia sono usate per dirimere vendette personali: chi ha distrutto 150 case è libero e indisturbato, un innocente incriminato con false accuse è condannato a morte". Egli annuncia una veglia di preghiera e protesta domenica per Asia Bibi e Sawan Masih, in concomitanza con le celebrazioni per la giornata di festa. Amir Agha, attivista a Lahore, esprime solidarietà alla comunità cristiana e conferma l'adesione alle manifestazioni. "Faremo sentire la nostra voce - conclude - contro le ingiustizie". 

    Un'altra condannata a morte eccellente in base al reato di blasfemia è Asia Bibi, la madre cristiana di cinque figli da anni nel braccio della morte e in attesa del giudizio di appello. In passato giudici e autorità hanno a più riprese rimandato l'inizio del procedimento, a causa delle minacce esercitate dagli estremisti islamici. L'Alta corte pare aver infine calendarizzato il processo, fissando la prima udienza (dopo due chiamate andate a vuoto) per il prossimo 14 aprile.  

    La Chiesa cattolica e le denominazioni protestanti chiedono da anni l'abrogazione della "legge nera". Introdotta nel 1986 dal dittatore Zia-ul-Haq per soddisfare le rivendicazioni della frangia islamista, essa puniva con il carcere a vita o la condanna a morte chi profana il Corano o dissacra il nome del Profeta Maometto. Nel 2009 AsiaNews ha promosso una campagna internazionale di sensibilizzazione; tuttavia, nessun partito politico o governo ha voluto mettere mano alla norma e quanti hanno proposto emendamenti - il governatore del Punjab Salman Taseer e il ministro cattolico delle Minoranze Shahbaz Bhatti - sono stati assassinati. Secondo i dati raccolti dalla Commissione episcopale Giustizia e Pace del Pakistan (Ncjp), dal 1986 all'agosto 2009 almeno 964 persone sono state incriminate in base alla legge sulla blasfemia: fra queste 479 erano musulmani, 119 cristiani, 340 ahmadi, 14 indù e 10 di religione sconosciuta. Più di 40 gli omicidi extra-giudiziali (compiuti da singoli o folle inferocite) contro innocenti e i processi intentati contro disabili fisici e mentali, o minorenni; fra le tante, ricordiamo la vicenda di Rimsha Masih, sfuggita alle (false) accuse dopo una massiccia campagna di pressione su Islamabad. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/04/2014 PAKISTAN
    Lahore, terzo rinvio per l'appello di Asia Bibi. Minacce islamiste ai giudici
    Questa mattina l’Alta corte ha aperto e subito rinviato l’udienza; forse domani verrà decisa la nuova data di un processo atteso da anni. I legali della donna mostrano ottimismo e sperano in una scarcerazione a breve. Ma restano le minacce dei gruppi fondamentalisti. Sacerdote a Lahore: "La situazione peggiora ogni giorno, per le minoranze e per le donne".

    02/04/2014 PAKISTAN
    Pakistan, cattolici e musulmani in digiuno e preghiera per Sawan Masih e Asia Bibi
    Oggi a Lahore e Islamabad manifestazioni pacifiche per mostrare solidarietà ai “cristiani perseguitati” e chiedere giustizia per le vittime della “legge nera”. Sacerdote a Lahore: “incoraggiante” risposta della società civile. Attivista musulmano: “disgustato”, vicini ai “nostri fratelli cristiani in segno di solidarietà”.

    18/04/2014 PAKISTAN
    Venerdì Santo in Pakistan: digiuno e preghiera per Asia Bibi, Sawan Masih e le vittime della blasfemia
    Comunità cristiana e società civile vicine alle vittime della “legge nera”. La solidarietà del vescovo di Islamabad. Attivista musulmano: uniti ai “nostri fratelli e sorelle cristiani nelle celebrazioni del Venerdì Santo”. Appello al governo: “serie iniziative per combattere l’intolleranza e l’abuso”.

    01/12/2005 PAKISTAN
    Processo a Sangla Hill: i testimoni musulmani coprono i veri responsabili

    AsiaNews intervista uno dei 13 testimoni cristiani delle violenze a chiese ed edifici religiosi nel villaggio: i musulmani non dicono la verità, dalla moschea locale sentivamo pronunciare parole contro di noi. Anche l'Asian Human Rights Commission si unisce alle vittime e chiede un'inchiesta giudiziaria dell'Alta Corte.



    07/04/2014 PAKISTAN - INDIA
    Paul Bhatti: “Vogliamo risposte concrete contro le ingiuste condanne a morte per blasfemia"
    Nei giorni scorsi una coppia di Gojra è finita nel braccio della morte per aver inviato sms all’imam locale contenenti insulti a Maometto. Anche in questo caso, come per Sawan Masih e Asia Bibi, si tratta di accuse false per dirimere controversie personali. Vescovo di Islamabad annuncia nuova giornata di digiuno e preghiera. La solidarietà dei cristiani indiani.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®