17/08/2005, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Pechino: proibito ai soldati di manifestare

La Commissione Militare centrale ha emesso un ordinanza che minaccia espulsioni e punizioni per coloro che prendono parte a manifestazioni pubbliche o ad attività "religiose e superstiziose".

Pechino (AsiaNews/Scmp) – Pechino ha emesso un'ordinanza che vieta ai militari di firmare petizioni o prendere parte a dimostrazioni pubbliche dopo l'ondata di manifestazioni organizzate nei mesi scorsi dai veterani scontenti. L'ordinanza, emessa dalla Commissione Militare centrale, minaccia di penalizzare o espellere dal Partito Comunista i soldati che disubbidiscono.

"Coloro che nell'esercito si oppongono all'autorità assoluta del Partito Comunista – si legge nel documento – e coloro che prendono parte ad attività che mettono a repentaglio la sicurezza dello Stato e dell'esercito verranno espulsi". Secondo la circolare verranno "severamente penalizzati" anche coloro che entrano in organizzazioni non approvate dal governo e che prendono parte ad attività "religiose e superstiziose". Il documento è un tentativo di aumentare la "disciplina politica" all'interno dell'Esercito di Liberazione popolare.

In un commento pubblicato da un quotidiano cinese di governo si legge che "la nota della Commissione evidenzia e rafforza la disciplina politica e sottolinea le restrizioni e le punizioni previste per le frequenti violazioni della condotta militare". "Specialmente ora – continua l'articolo – che le ostili forza occidentali stanno accelerando le loro strategie mirate ad occidentalizzarci e che vi è un vigoroso aumento di ogni sorta di pessime influenze sociali, è divenuto molto importante rafforzare con vigore la disciplina dell'esercito e punire con durezza le violazioni".

La circolare è stata emessa dopo le proteste di massa organizzate dai veterani, che protestano con Pechino per le pensioni inadeguate. Il 1° agosto, 78° anniversario di fondazione dell'esercito, centinaia di pensionati dell'esercito sono stati trascinati via dalla polizia dopo ore di protesta davanti agli uffici del Dipartimento politico dell'Esercito di liberazione del popolo. Davanti allo stesso ufficio, in aprile, 2000 veterani sono rimasti in silenzio per 36 ore chiedendo un miglior trattamento da parte dello Stato.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Xi Jinping si regala un nuovo titolo: guiderà l’esercito anche in caso di guerra
22/04/2016 10:42
Ex soldati ora mendicanti chiedono un nuovo lavoro. Pechino li ignora
16/04/2007
Pechino: veterani protestano contro il Partito comunista
15/04/2005
Il "corrotto" gen. Gu Junshan, la lotta di Xi Jinping arriva all'esercito
02/04/2014
I 70 anni della Cina, fra kitsch e volontà di potenza
01/10/2019 08:58