29 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/05/2017, 12.50

    EGITTO - VATICANO - ISLAM

    Portavoce Chiesa cattolica: papa in Egitto, dono di pace e ponte fra cristiani e musulmani



    Per p. Rafic Greiche Francesco ha “annullato” le distanze fra le persone e le fedi. Una visita di “enorme importanza” dopo gli attentati alle chiese: “Ha portato gioia a tutti”. Presto per dire se cambierà qualcosa con al-Azhar ma “siamo sulla giusta via”. I musulmani colpiti dalla “modestia” di “un uomo di Dio”. Per i cattolici è un invito “all’unità”.

     

    Il Cairo (AsiaNews) - La grande eredità lasciata dal viaggio apostolico di papa Francesco in Egitto dello scorso fine settimana è “il dono della pace”, la testimonianza di un pastore “che crea ponti” e “annulla le distanze” fra le persone e fra fedeli di religione diversa. È quanto sottolinea ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, commentando la visita del pontefice nel Paese dei faraoni. Nella due giorni in Egitto Bergoglio ha incontrato il presidente della Repubblica al-Sisi, il grande imam di al-Azhar Ahmad Al-Tayeb e celebrato una messa davanti a decine di migliaia di fedeli.

    “Una visita dall’enorme importanza e dal grande significato [politico e spirituale] - aggiunge il sacerdote - soprattutto dopo le due esplosioni alle chiese, gli attacchi, il lutto e le sofferenze. Il papa ha portato una nuova ventata di pace e di gioia a tutti”.

    P. Rafic è stato fra i primi ad accogliere papa Francesco in aeroporto al Cairo lo scorso 28 aprile, pochi minuti dopo l’atterraggio del volo nella capitale egiziana (nella foto, il sacerdote di spalle saluta il pontefice). “Appena si è avvicinato - racconta il sacerdote - gli ho dato il benvenuto e gli ho detto ‘Siamo felici di accoglierla’. Lui ha risposto, in italiano, ‘Anche io sono felice di essere qui e di vedervi’. Il papa ha poi confermato il ‘grande desiderio’ di venire in Egitto”.

    Il dato più evidente in merito alla visita è che “Francesco non è venuto come un leader politico e non è stato ricevuto come Obama, Putin o altri leader mondiali”. Tutti gli egiziani, aggiunge, musulmani e cristiani hanno capito che “egli è un uomo di pace” e questo è “importante a livello spirituale, sopratutto per i musulmani”. Sono proprio loro, prosegue p. Rafic, “ad aver guardato a papa Francesco con occhi diversi rispetto a leader politici, religiosi o dignitari venuti in passato”.

    Si è trattato di un “evento speciale”, che ha ricevuto una “vasta eco” sia fra le persone che nei mezzi di comunicazione. “Anche i giornali - sottolinea - hanno parlato e scritto della visita, e continuano a farlo anche in questi giorni. I media hanno celebrato il papa della pace, che è venuto nella terra della pace per portare aria fresca, aria nuova in Egitto”. “Per i cristiani - afferma il portavoce della Chiesa cattolica egiziana - non è stata solo la visita del papa. I fedeli hanno sentito la presenza di Gesù Cristo, non un leader religioso, ma come un qualcosa venuto dal cielo. Per noi cristiani, ma anche per gli stessi musulmani e con tutto il popolo si è creato, in questi due giorni, un legame profondo, un sentire comune”.

    Incontrando papa Francesco, osservando da vicino i gesti e ascoltandone le parole, spiega p. Rafic, “i musulmani egiziani hanno avuto la sensazione di trovarsi al cospetto di un uomo di Dio”. Affermazioni “rilanciate anche ieri da alcuni giornali”, aggiunge, quando l’eco della visita avrebbe dovuto essere già spento. “Ecco perché questo è un evento di particolare importanza”. Inoltre, la comunità musulmana [grande maggioranza nel Paese, quasi al 90% sunnita] “sono rimasti colpiti in modo favorevole dalla sua modestia, dalla scelta di viaggiare su una macchina comune, non lussuosa, di varcare la soglia dello stadio per la messa senza protezione, su una vettura aperta. A conferma di un uomo che non ha paura, ma è forte della fede e nella protezione di Dio”.

    Se il viaggio del papa ha colpito nel profondo i musulmani, è “ancora presto” per poter dire se esso “cambierà qualcosa” nei rapporti con le massime istituzioni dell’islam, prima fra tutte l’università di al-Azhar al Cairo. “Dobbiamo osservare da vicino come si svilupperanno le relazioni - avverte il portavoce della Chiesa cattolica egiziana - ma siamo sulla giusta via, del dialogo e della collaborazione fraterna. Dobbiamo restare aperti alle idee e al confronto”.

    Infine, l’auspicio che questo viaggio possa portare maggiore attenzione da parte della politica e dei leader mondiali “sulla sorte” dei cristiani “in Egitto e in tutto il Medio oriente”. Comunità che “hanno migliaia di anni” alle spalle e che “fanno di tutto per preservare” questa terra, perché non sia “svuotata della presenza cristiana”. E per i cattolici, conclude p. Rafic, l’auspicio che “inizino a pensare a se stessi come una cosa sola, perché le molte istituzioni cattoliche presenti in Egitto, funzionanti ma isolate fra loro, possano scoprire il valore, la forza, l’importanza dell’unità”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/05/2017 09:58:00 EGITTO
    L’Egitto piange le nuove vittime cristiane. Fra ira e preghiera, i cittadini chiedono sicurezza

    La testimonianza di un sopravvissuto: “Ci hanno chiesto di proclamare la fede musulmana. Noi abbiamo rifiutato. Poi hanno aperto il fuoco”. Nel Paese monta la protesa, autorità e governo sotto accusa per la [debole] lotta al terrorismo. Musulmani e cristiani in fila per donare il sangue. Celebrati ieri i primi funerali.



    26/05/2017 14:22:00 EGITTO
    Minya: uccisi decine di pellegrini copti in un attacco. 'Cristiani obiettivo dei terroristi'

    Secondo p. Rafic, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, i miliziani vogliono “purificare l’Egitto e il Medio oriente dalla presenza cristiana”. L’attentato alla vigilia del Ramadan “la peggior pubblicità”. Un momento “triste” per l’Egitto, anche “per i musulmani che vogliono la pace”. Preghiere e messe in serata in ricordo delle vittime. 

     



    22/05/2017 08:49:00 EGITTO
    Cairo, 48 jihadisti a processo per gli attacchi alle chiese copte

    Gli imputati dovranno comparire davanti a un tribunale militare. Fra questi 31 sono in carcere in regime di custodia cautelare. I rimanenti risultano ancora oggi latitanti. Per il pm parte dei fermati sono membri di primo piano dello Stato Islamico nel Paese. I miliziani responsabili anche della morte di alcuni poliziotti. 

     



    08/05/2017 08:54:00 EGITTO
    Nord Sinai, 50enne cristiano giustiziato dallo Stato islamico

    Nabil Saber Ayoub è stato ucciso a colpi di pistola all’interno di un negozio di barbiere nella tarda serata del 6 maggio. Daesh minaccia violenze contro i cristiani; nel mirino persone e proprietà. Rinvenuti anche i cadaveri di un padre e dei suoi due figli, sequestrati in precedenza. Dietro l’esecuzione l’accusa di “collaborazionismo” con le autorità. 

     



    28/04/2017 11:20:00 EGITTO - ISLAM
    Cairo, dalla conferenza di al-Azhar il tentativo di uscire dal binomio islam e violenza

    L'incontro voluto con forza dal presidente egiziano al-Sisi per combattere l’ideologia dello Stato islamico. Vescovo copto-ortodosso di Tanta: Al terrorismo rispondiamo con la pace. Dietro le violenze il binomio fondamentalismo/relativismo. L’annoso problema della esegesi del Corano.

     





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®