25 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2016, 08.55

    PAKISTAN

    Punjab, ricercato un cristiano accusato di blasfemia



    Si tratta di James Nadeem, residente nella Father Colony del distretto di Gujrat. L’uomo avrebbe scritto offese contro l’islam sui social network. Poi è fuggito per salvare la propria vita. Le sorelle sarebbero state arrestate per spingerlo a consegnarsi.

    Lahore (AsiaNews) – La polizia del Punjab in Pakistan è alla ricerca di un uomo cristiano che avrebbe scritto offese contro l’islam e il profeta Maometto sui social media. L’uomo, residente della Father Colony nella città di Sraey Alamgir (distretto di Gujrat), si è dato alla fuga per paura di essere ucciso dai musulmani.

    James Nadeem, il cristiano, avrebbe scritto dei commenti offensivi sul Profeta e li avrebbe inviati ad un amico tramite il servizio di messaggistica Whatsapp. Temendo per la propria vita, ha fatto perdere le proprie tracce.

    Secondo il Pakistan Christian Post, la polizia locale avrebbe arrestato e abusato le due sorelle di James, per spingere l’uomo a consegnarsi alle autorità. Il giornale riporta inoltre che religiosi islamici starebbero diffondendo nelle moschee l’invito a bruciare le case dei cristiani della Father Colony, nel caso in cui l’accusato non venisse allo scoperto.

    L’appello dei religiosi riporta alla memoria altri episodi di violenza perpetrati contro i cristiani nello stresso distretto di Gujrat. Lo scorso anno tutta la comunità è scesa in piazza per manifestare in difesa di quattro fedeli rinchiusi in carcere con l’accusa di blasfemia. Secondo gli esperti, in Pakistan l’accusa di aver violato la “legge nera” viene spesso abusata per colpire le minoranze religiose e per fini personali. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/07/2017 11:42:00 PAKISTAN
    Punjab, 16enne cristiano accusato di blasfemia. La polizia nega le visite ai genitori

    Shahzad Masih lavora come spazzino allo Shahmim Riaz Hospital, nel distretto di Gujrat. Il suo accusatore è Ishtiaq Qadri, membro del partito estremista islamico Tehreek-e-Tuhafaz. La famiglia costretta a fuggire per le minacce di morte. Il ragazzo rischia la pena capitale.



    23/08/2017 11:22:00 PAKISTAN
    Punjab, adolescente cristiano arrestato con la falsa accusa di blasfemia

    Asif Masih, 16 anni, si trova in carcere e rischia la pena di morte. Ha rischiato il linciaggio ed è stato salvato dalla polizia. L’imam lo accusa di aver bruciato il Corano. Attivisti cristiani: “Il ragazzo ha un ritardo mentale. Deve essergli concesso il beneficio del dubbio”.



    05/01/2017 11:46:00 PAKISTAN
    Lahore, cristiano evangelico accusato di blasfemia, avrebbe strappato pagine del Corano

    Shahbaz Babu rischia la pena capitale. È incolpato di aver scritto il suo nome sulle pagine del libro sacro dell’islam, ma il cristiano è del tutto analfabeta. La denuncia sarebbe una ritorsione per questioni economiche. L’arrestato è popolare anche tra alcuni musulmani perché organizza incontri di preghiera.



    21/04/2017 11:47:00 PAKISTAN
    Punjab, tre sorelle uccidono uno sciita accusato di blasfemia. Fomentate da un imam

    Fazal Abbas aveva 45 anni. Nel 2004 aveva partecipato ad una manifestazione ed era stato denunciato per offese al profeta. Fuggito all’estero, da poco era rientrato in Pakistan per affrontare il processo. Tra il 1987 e il 2015 almeno 62 persone sono state assassinate per presunta blasfemia.



    16/10/2014 PAKISTAN
    Vescovo di Islamabad: La condanna di Asia Bibi è straziante, il mondo preghi per lei
    Dopo cinque rinvii, l’Alta corte conferma la pena capitale per la madre cristiana, simbolo della lotta alla blasfemia. I legali annunciano ricorso alla Corte suprema, ultimo grado di giudizio. Vescovo di Islamabad: decisione straziante, appello alla preghiera. Domenica 19 iniziative di solidarietà nel Paese.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®