12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/05/2017, 08.51

    YEMEN - ARABIA SAUDITA

    Raid saudita in Yemen colpisce civili: 23 vittime, anche donne e bambini



    L’attacco è avvenuto ieri nei pressi della città di Taez, nel sud-ovest del Paese, in un’area controllata dai ribelli Houthi. Fonte filo-governativa parla di “errore” nella definizione dell’obiettivo. Nessun commento da Riyadh. Centrato un mezzo carico di civili, di rientro da una giornata di acquisti. 

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - Un raid aereo della coalizione araba a guida saudita in Yemen avrebbe ucciso ieri almeno 23 civili, fra i quali vi sono anche donne e bambini. La denuncia arriva dai ribelli Houthi, in lotta contro il governo del presidente Hadi sostenuto da Riyadh, secondo cui l’attacco è avvenuto nei pressi della città di Taez, nel sud-ovest del Paese.

    Una fonte militare filo-governativa, dietro anonimato, conferma il raid e parla di “errore” nella definizione dell’obiettivo da colpire. Bocche cucite fra i sauditi, che non hanno voluto commentare in via ufficiale la vicenda. 

    L’agenzia Saba, controllata dai ribelli sciiti vicini all’Iran, riferisce di un raid che ha centrato un veicolo carico di civili nella prefettura di Mawzaa, distante circa 60 km da Taez in direzione sud-ovest. Testimoni locali parlano di almeno sei bambini uccisi dalle bombe saudite; altre sei persone sarebbero morte, ma i loro corpi sono stati bruciati rendendo impossibile il riconoscimento. 

    L’attacco della coalizione araba ha interessato un’area controllata dai ribelli Houthi e ha coinvolto almeno un veicolo (civile). 

    Una fonte militare spiega che i passeggeri a bordo del bus stavano tornando a Mawzaa dopo aver fatto acquisti nella vicina cittadina di Barah. La stessa fonte aggiunge che molti dei cadaveri erano “ridotti in brandelli”. 

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Abedrabbo Mansour Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran e agli Hezbollah libanesi. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime [fra i civili] che hanno provocato. Tra questi vi sono anche bambini.

    Ad oggi sono morte oltre 8mila persone, più di 44mila i feriti e tre milioni gli sfollati. Quasi 19 milioni (su 24 in totale) le persone bisognose di assistenza umanitaria a vario titolo. 

    Il raid aereo di ieri giunge a pochi giorni di distanza dalla visita ufficiale del presidente statunitense Donald Trump in Arabia Saudita, previsto per il prossimo 20 maggio. Si tratta del primo viaggio ufficiale all’estero per l’inquilino della Casa Bianca, dal suo insediamento ufficiale a gennaio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/11/2017 08:58:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Yemen, emergenza idrica: la Croce rossa acquista carburante per pompare acqua

    La Icrc ha comprato 750mila litri di gasolio per alimentare i generatori. Una decisione “eccezionale e insostenibile” nel lungo periodo, per rispondere a una situazione di emergenza. Nuovo appello a Riyadh perché rimuova il blocco che impedisce l’ingresso e la distribuzione di aiuti. Il Paese importa il 90% del fabbisogno.

     



    05/10/2017 08:59:00 ONU - YEMEN - A. SAUDITA
    Onu: in Yemen i sauditi hanno ucciso centinaia di bambini, colpito scuole e ospedali

    Nel 2016 i raid hanno provocato la morte di 683 minori e in 38 occasioni hanno centrato scuole e ospedali. Nella lista delle Nazioni Unite presenti anche le forze governative yemenite e i ribelli Houthi. La coalizione araba a guida saudita nega di aver colpito “di proposito” civili o infrastrutture. La pubblicazione del documento finale prevista entro fine mese.

     



    18/08/2017 08:56:00 YEMEN - A. SAUDITA - ONU
    Onu: in Yemen, più della metà dei bambini morti nel conflitto uccisi dalle bombe saudite

    Nella bozza di un documento delle Nazioni Unite l’atto di accusa contro Riyadh. Gli attacchi della coalizione araba nel 2016 hanno ucciso 683 bambini su un totale di 1340. I danni a scuole e ospedali causati dai raid sauditi (38 su 52). Continua l’emergenza colera: i casi superano il mezzo milione. 

     



    09/08/2017 08:52:00 YEMEN
    Croce rossa internazionale: in Yemen si colpiscono vittime civili, luoghi pubblici e case private

    Gli ultimi attacchi nei governatorati di Saada e Taez. Colpita una famiglia, nove morti e tre feriti. Le vittime fra i tre e gli 80 anni. Cicr: “Deploriamo” la tendenza a colpire “luoghi pubblici” e “case private”. Modello contrario ai principi fondamentali che regolano i conflitti armati. 

     



    27/11/2017 09:04:00 YEMEN - ONU
    Riyadh allenta il blocco in Yemen, via libera al primo carico di aiuti Onu

    Una nave ha attraccato al porto di Saleef, in un’area controllata dai ribelli sciiti Houthi. Al cargo delle Nazioni Unite si è aggiunta una nave commerciale contenete 5.500 tonnellate di farina di grano. Wfp: l’allentamento del blocco “segnale positivo”. Unicef: 11 milioni di bambini in condizioni di “disperato bisogno”.

     





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®