3 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
INDIA
Rajasthan, no alle bambine: 2.500 feticidi e infanticidi femminili al giorno
di Nirmala Carvalho
Alcune famiglie lasciano morire le neonate di fame e di sete, per aggirare la legge. Nel distretto di Jaisalmer (uno dei peggiori), cinque casi di morti sospette solo a giugno. È uno degli Stati indiani con la sex ratio più bassa: 883 femmine sotto i sei anni ogni 1000 maschi. Medico della Pontificia accademia per la vita: "È un malessere sociale che leader religiosi, ong e autorità devono combattere insieme".

Mumbai (AsiaNews) - Con quasi 2.500 casi di feticidi e infanticidi femminili al giorno, il Rajashtan è uno degli Stati indiani peggiori per le bambine. E se già non bastavano i test (illegali, ndr) per determinare il sesso del feto e praticare aborti selettivi, ora chi non vuole una figlia sembra aver trovato un nuovo modo per aggirare la legge: una volta partorita, la neonata viene lasciata morire di fame e di sete. Dall'inizio di giugno, nel distretto di Jaisalmer (uno dei peggiori) sono già cinque le "morti bianche" di bambine, giudicate sospette dalle autorità.

Il 15 giugno, la polizia del villaggio di Sangad (distretto di Jaisalmer) ha arrestato Dileep Singh, dopo la morte in circostanze misteriose della figlia, il 13 giugno scorso. Secondo Mamta Vishnoi, sovrintendente che si è occupato del caso, l'uomo avrebbe negato alla piccola cure mediche, necessarie dopo la nascita. Al momento, un gruppo speciale di medici legali sta conducendo l'autopsia sul corpo della piccola. In attesa dei risultati, il padre resterà in carcere per 15 giorni.

Nei villaggi di Tejmalta e Mandi, tre bambine sono morte per cause ignote. Una di queste, nata l'8 giugno e giudicata in piena salute dai medici, è stata trovata morta il giorno dopo in evidente stato di denutrizione. In un altro caso, la famiglia è scomparsa, e la polizia è sulle sue tracce.

Shuchi Tyagi, district collector di Jaisalmer, spiega: "Per sfuggire alla legge, queste persone usano metodi disumani. Dopo aver lasciato morire le neonate, cospargono il corpo di sale o agenti chimici per accelerarne la decomposizione. A quel punto, le autopsie non possono risalire alle cause del decesso". In seguito a questi episodi, Tyagi ha dato ordine che tutte le nuove nate siano segnalate a qualsiasi autorità del distretto: sanitari, polizia, consigli comunali.

Il dr. Pascoal Carvalho, membro della Pontificia accademia per la vita, spiega ad AsiaNews:  "Il nostro Paese considera la vita umana sacra, da sempre. L''Ahimsa' ("non violenza", ndr) è uno dei valori più preziosi dell'India. Eppure, stiamo assistendo alla graduale erosione del rispetto per la vita, mentre dilaga una cultura della morte. L'ultimo censimento nazionale (Census 2011) mostra che il Rajashtan ha 883 femmine sotto i sei anni ogni 1000 maschi della stessa età. Nel 2001 erano 909 [femmine] ogni 1000 [maschi]. Questo squilibrio riflette uno serio malessere sociale".

L'India, spiega il medico, "è una società patriarcale, e la discriminazione verso la donna si manifesta in modo distruttivo con infanticidi e feticidi femminili. Questo, nonostante gli sforzi del governo nel sensibilizzare la popolazione". Nel Rajashtan, aggiunge, "i distretti di Jaisalmer, Brmer, Pali, Chittorgarh, Ganganagar e Jhunjhunu sono noti per uccidere le bambine".

Secondo il medico, "leader religiosi, ong e istituzioni devono lavorare insieme per promuovere il valore e a dignità della bambina. La Chiesa cattolica difende la sacralità della vita umana, sin dal suo concepimento. E molti dei suoi ospedali cercano di insegnare e promuovere la cultura della vita, a tutti i pazienti".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/03/2012 INDIA
India, Giornata pro-vita: donna bruciata viva dal marito. Aveva partorito due bambine
di Nirmala Carvalho
14/11/2012 INDIA
India, feticidi femminili: in carcere il medico della “clinica degli orrori”
di Nirmala Carvalho
29/01/2015 INDIA
Vescovo indiano: Per salvare le bambine dagli aborti selettivi, educhiamo le coscienze
06/05/2014 INDIA
Mumbai, record di aborti. Vescovo: Rispettare la sacralità della vita
di Nirmala Carvalho
10/10/2012 INDIA
India, per aborti selettivi e infanticidi “scomparse” 3 milioni di bambine
di Nirmala Carvalho

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate