22 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
INDIA
Rajasthan, no alle bambine: 2.500 feticidi e infanticidi femminili al giorno
di Nirmala Carvalho
Alcune famiglie lasciano morire le neonate di fame e di sete, per aggirare la legge. Nel distretto di Jaisalmer (uno dei peggiori), cinque casi di morti sospette solo a giugno. È uno degli Stati indiani con la sex ratio più bassa: 883 femmine sotto i sei anni ogni 1000 maschi. Medico della Pontificia accademia per la vita: "È un malessere sociale che leader religiosi, ong e autorità devono combattere insieme".

Mumbai (AsiaNews) - Con quasi 2.500 casi di feticidi e infanticidi femminili al giorno, il Rajashtan è uno degli Stati indiani peggiori per le bambine. E se già non bastavano i test (illegali, ndr) per determinare il sesso del feto e praticare aborti selettivi, ora chi non vuole una figlia sembra aver trovato un nuovo modo per aggirare la legge: una volta partorita, la neonata viene lasciata morire di fame e di sete. Dall'inizio di giugno, nel distretto di Jaisalmer (uno dei peggiori) sono già cinque le "morti bianche" di bambine, giudicate sospette dalle autorità.

Il 15 giugno, la polizia del villaggio di Sangad (distretto di Jaisalmer) ha arrestato Dileep Singh, dopo la morte in circostanze misteriose della figlia, il 13 giugno scorso. Secondo Mamta Vishnoi, sovrintendente che si è occupato del caso, l'uomo avrebbe negato alla piccola cure mediche, necessarie dopo la nascita. Al momento, un gruppo speciale di medici legali sta conducendo l'autopsia sul corpo della piccola. In attesa dei risultati, il padre resterà in carcere per 15 giorni.

Nei villaggi di Tejmalta e Mandi, tre bambine sono morte per cause ignote. Una di queste, nata l'8 giugno e giudicata in piena salute dai medici, è stata trovata morta il giorno dopo in evidente stato di denutrizione. In un altro caso, la famiglia è scomparsa, e la polizia è sulle sue tracce.

Shuchi Tyagi, district collector di Jaisalmer, spiega: "Per sfuggire alla legge, queste persone usano metodi disumani. Dopo aver lasciato morire le neonate, cospargono il corpo di sale o agenti chimici per accelerarne la decomposizione. A quel punto, le autopsie non possono risalire alle cause del decesso". In seguito a questi episodi, Tyagi ha dato ordine che tutte le nuove nate siano segnalate a qualsiasi autorità del distretto: sanitari, polizia, consigli comunali.

Il dr. Pascoal Carvalho, membro della Pontificia accademia per la vita, spiega ad AsiaNews:  "Il nostro Paese considera la vita umana sacra, da sempre. L''Ahimsa' ("non violenza", ndr) è uno dei valori più preziosi dell'India. Eppure, stiamo assistendo alla graduale erosione del rispetto per la vita, mentre dilaga una cultura della morte. L'ultimo censimento nazionale (Census 2011) mostra che il Rajashtan ha 883 femmine sotto i sei anni ogni 1000 maschi della stessa età. Nel 2001 erano 909 [femmine] ogni 1000 [maschi]. Questo squilibrio riflette uno serio malessere sociale".

L'India, spiega il medico, "è una società patriarcale, e la discriminazione verso la donna si manifesta in modo distruttivo con infanticidi e feticidi femminili. Questo, nonostante gli sforzi del governo nel sensibilizzare la popolazione". Nel Rajashtan, aggiunge, "i distretti di Jaisalmer, Brmer, Pali, Chittorgarh, Ganganagar e Jhunjhunu sono noti per uccidere le bambine".

Secondo il medico, "leader religiosi, ong e istituzioni devono lavorare insieme per promuovere il valore e a dignità della bambina. La Chiesa cattolica difende la sacralità della vita umana, sin dal suo concepimento. E molti dei suoi ospedali cercano di insegnare e promuovere la cultura della vita, a tutti i pazienti".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/03/2012 INDIA
India, Giornata pro-vita: donna bruciata viva dal marito. Aveva partorito due bambine
di Nirmala Carvalho
14/11/2012 INDIA
India, feticidi femminili: in carcere il medico della “clinica degli orrori”
di Nirmala Carvalho
06/05/2014 INDIA
Mumbai, record di aborti. Vescovo: Rispettare la sacralità della vita
di Nirmala Carvalho
10/10/2012 INDIA
India, per aborti selettivi e infanticidi “scomparse” 3 milioni di bambine
di Nirmala Carvalho
24/01/2012 INDIA
Giornata nazionale della bambina, contro aborti selettivi e infanticidi femminili
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate