21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/08/2017, 13.03

    MYANMAR

    Kofi Annan presenta il Rapporto sui Rohingya. L’esercito: ‘Difetti e carenze’



    La “Rakhine State Advisory Commission and party” condotta da Kofi Annan chiede progresso sociale, cittadinanza, sicurezza e chiusura dei campi profughi i punti principali. I gruppi per i diritti umani accolgono il documento con favore. Aung San Suu Kyi aveva promesso di rispettare i suoi risultati. Il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate: “Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori e atteggiamenti sleali”. 

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – A distanza di un anno dall’istituzione della “Rakhine State Advisory Commission”, Kofi Annan ha presentato ieri il rapporto finale della Commissione deputata ad investigare sulle violenze e le discriminazioni ai danni della  minoranza musulmana dei Rohingya. Sebbene il documento abbia incontrato il favore degli attivisti per i diritti umani, l’esercito critica il risultato dell’inchiesta.

    “Il rapporto sul Rakhine contiene alcuni difetti e carenze”, ha affermato il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate del Myanmar, in un comunicato rilasciato oggi, al termine di un incontro ufficiale con Kofi Annan, avvenuto questa mattina a Yangon.

    Lo Stato occidentale del Rakhine, uno dei più poveri del Paese, è da tempo una polveriera di settarismo. Il Myanmar, nazione a maggioranza buddista, ha affrontato una crescente condanna internazionale per il trattamento riservato ai Rohingya, considerati immigrati illegali dal Bangladesh. Presa visione del rapporto pubblicato ieri dalla Commissione, il generale dichiara: “I rapporti scritti  dovrebbero essere corretti e senza difetti. Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori di fatto e atteggiamenti sleali”.

    Lo scorso anno, Kofi Annan, ex segretario delle Nazioni Unite, ha ricevuto dal consigliere di Stato birmano Aung San Suu Kyi l’incarico di condurre la “Rakhine State Advisory Commission”, con lo scopo di analizzare e trovare una soluzione alle divisioni che hanno infuocato la regione. Durante i 12 mesi, si sono tenuti colloqui nel Rakhine, a Yangon, in Bangladesh, Indonesia ed a Ginevra.

    Nella sua relazione, la Commissione consiglia al governo del Myanmar di conseguire il progresso sociale, incoraggiando gli investimenti e garantendo servizi di base nel Rakhine. I punti principali includono la verifica della cittadinanza dei Rohingya, l'emissione di schede nazionali di registrazione, la riduzione delle tensioni e l’impegno per la riconciliazione attraverso colloqui bilaterali tra le comunità. Il documento cita anche la necessità della sicurezza alle frontiere, la cooperazione bilaterale con il Bangladesh e le attività anti-droga. Altro aspetto sottolineato è l’invito alla chiusura dei campi profughi, che sin dalle violenze del 2012 ospitano circa 120mila persone in condizioni di estremo disagio.

    I gruppi per i diritti umani hanno accolto il rapporto come una pietra miliare per le rivendicazioni della comunità Rohingya, perché il governo di Aung San Suu Kyi aveva in precedenza promesso di rispettare i suoi risultati. L’amministrazione aveva osteggiato l’operato di qualsiasi commissione d’inchiesta a guida Onu, istituzione invisa ai birmani. Per un tale compito, la “Signora” aveva dichiarato di riporre fiducia nella sola persona di Kofi Annan, respingendo con forza le accuse di “pulizia etnica” di numerosi rapporti internazionali.

    Il compito della Commissione è diventato sempre più urgente quando l'esercito birmano ha lanciato una sanguinosa repressione nel nord del Rakhine, dopo gli attacchi mortali ad alcune postazioni della polizia di frontiera da parte di un gruppo militante di Rohingya, nell’ottobre scorso. Da allora, più di 87mila Rohingya sono fuggiti in Bangladesh, riferendo di omicidi, stupri di massa e villaggi bruciati.

    Gli esperti affermano che i risultati della Commissione Annan esercitano pressione sul governo di Aung San Suu Kyi. Tuttavia, il consigliere di Stato affronta la rigida opposizione dei nazionalisti buddisti, che chiedono l’espulsione dei Rohingya. Inoltre, è assai piccolo il controllo che Suu Kyi può esercitare sulle forze armate, dominante organo di potere in Myanmar.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2017 16:50:00 MYANMAR
    Rohingya, 116 morti nelle nuove violenze. Il governo accusa i “terroristi bengali”

    Il 25 agosto i militanti dell’ l’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) hanno attaccato gli avamposti militari presso i villaggi di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung. I violenti scontri hanno causato la morte di 12  ufficiali delle forze armate e 104 militanti. Il Comitato per l'informazione di Stato di Aung San Suu Kyi impone ai media non usare il termine “insorti”. Evacuati oltre 4mila residenti non musulmani (soprattutto buddisti e indù). Più di 2mila musulmani Rohingya sono riusciti a raggiungere il Bangladesh. Dakha dispone respinge i nuovi profughi.



    11/09/2017 09:01:00 MYANMAR
    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya

    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.



    23/06/2017 13:06:00 MYANMAR - ONU
    Yangon, cresce la sfiducia dei birmani verso le Nazioni Unite

    La principale critica è la mancanza esponenti che conoscano a fondo le dinamiche sociali del Myanmar. Nelle crisi umanitarie molti cittadini vedono il fallimento dell’Onu. Rimossa Renata Lok-Dessallien, coordinatrice residente dell’Onu per gli aiuti umanitari. Il The Irrawaddy: “Per essere efficace, una Commissione d’inchiesta deve essere sensibile ai problemi locali e tenerne conto”.



    14/09/2017 09:08:00 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi annuncia un suo discorso sui Rohingya il 19 settembre

    La Signora “parlerà per la riconciliazione nazionale e la pace”. Sarà il suo primo intervento pubblico dall’inizio delle violenze. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito ieri. La leader birmana criticata per carenza di leadership morale e compassione. L’esercito interessato al fallimento del processo democratico.



    13/09/2017 08:48:00 MYANMAR - ONU
    Yangon, Aung San Suu Kyi non andrà all'Assemblea generale dell’Onu

    Il vicepresidente del Myanmar Henry Van Thio prenderà il posto della Signora. L'annuncio arriva dopo le accuse dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Al Consiglio di sicurezza il Myanmar spera in Russia e Cina. Le accuse alla leader birmana. I sospetti sul ruolo dell’esercito nelle tensioni etniche.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®