19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/08/2017, 13.03

    MYANMAR

    Kofi Annan presenta il Rapporto sui Rohingya. L’esercito: ‘Difetti e carenze’



    La “Rakhine State Advisory Commission” condotta da Kofi Annan chiede progresso sociale, cittadinanza, sicurezza e chiusura dei campi profughi i punti principali. I gruppi per i diritti umani accolgono il documento con favore. Aung San Suu Kyi aveva promesso di rispettare i suoi risultati. Il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate: “Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori e atteggiamenti sleali”. 

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – A distanza di un anno dall’istituzione della “Rakhine State Advisory Commission”, Kofi Annan ha presentato ieri il rapporto finale della Commissione deputata ad investigare sulle violenze e le discriminazioni ai danni della  minoranza musulmana dei Rohingya. Sebbene il documento abbia incontrato il favore degli attivisti per i diritti umani, l’esercito critica il risultato dell’inchiesta.

    “Il rapporto sul Rakhine contiene alcuni difetti e carenze”, ha affermato il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate del Myanmar, in un comunicato rilasciato oggi, al termine di un incontro ufficiale con Kofi Annan, avvenuto questa mattina a Yangon.

    Lo Stato occidentale del Rakhine, uno dei più poveri del Paese, è da tempo una polveriera di settarismo. Il Myanmar, nazione a maggioranza buddista, ha affrontato una crescente condanna internazionale per il trattamento riservato ai Rohingya, considerati immigrati illegali dal Bangladesh. Presa visione del rapporto pubblicato ieri dalla Commissione, il generale dichiara: “I rapporti scritti  dovrebbero essere corretti e senza difetti. Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori di fatto e atteggiamenti sleali”.

    Lo scorso anno, Kofi Annan, ex segretario delle Nazioni Unite, ha ricevuto dal consigliere di Stato birmano Aung San Suu Kyi l’incarico di condurre la “Rakhine State Advisory Commission”, con lo scopo di analizzare e trovare una soluzione alle divisioni che hanno infuocato la regione. Durante i 12 mesi, si sono tenuti colloqui nel Rakhine, a Yangon, in Bangladesh, Indonesia ed a Ginevra.

    Nella sua relazione, la Commissione consiglia al governo del Myanmar di conseguire il progresso sociale, incoraggiando gli investimenti e garantendo servizi di base nel Rakhine. I punti principali includono la verifica della cittadinanza dei Rohingya, l'emissione di schede nazionali di registrazione, la riduzione delle tensioni e l’impegno per la riconciliazione attraverso colloqui bilaterali tra le comunità. Il documento cita anche la necessità della sicurezza alle frontiere, la cooperazione bilaterale con il Bangladesh e le attività anti-droga. Altro aspetto sottolineato è l’invito alla chiusura dei campi profughi, che sin dalle violenze del 2012 ospitano circa 120mila persone in condizioni di estremo disagio.

    I gruppi per i diritti umani hanno accolto il rapporto come una pietra miliare per le rivendicazioni della comunità Rohingya, perché il governo di Aung San Suu Kyi aveva in precedenza promesso di rispettare i suoi risultati. L’amministrazione aveva osteggiato l’operato di qualsiasi commissione d’inchiesta a guida Onu, istituzione invisa ai birmani. Per un tale compito, la “Signora” aveva dichiarato di riporre fiducia nella sola persona di Kofi Annan, respingendo con forza le accuse di “pulizia etnica” di numerosi rapporti internazionali.

    Il compito della Commissione è diventato sempre più urgente quando l'esercito birmano ha lanciato una sanguinosa repressione nel nord del Rakhine, dopo gli attacchi mortali ad alcune postazioni della polizia di frontiera da parte di un gruppo militante di Rohingya, nell’ottobre scorso. Da allora, più di 87mila Rohingya sono fuggiti in Bangladesh, riferendo di omicidi, stupri di massa e villaggi bruciati.

    Gli esperti affermano che i risultati della Commissione Annan esercitano pressione sul governo di Aung San Suu Kyi. Tuttavia, il consigliere di Stato affronta la rigida opposizione dei nazionalisti buddisti, che chiedono l’espulsione dei Rohingya. Inoltre, è assai piccolo il controllo che Suu Kyi può esercitare sulle forze armate, dominante organo di potere in Myanmar.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/09/2017 08:56:00 ONU - MYANMAR
    Il Myanmar all’Assemblea dell’Onu: ‘Nessuna pulizia etnica o genocidio in Rakhine’

    L’ambasciatore birmano: “La questione è estremamente complessa”. Stati membri e comunità internazionale esortati ad un’analisi “oggettiva ed imparziale”. Il “fattore paura” e “la tattica della terra bruciata” adottata dai terroristi sono le ragioni per l’esodo Rohingya. La priorità del governo è la risoluzione dell’emergenza umanitaria. Avviati programmi di assistenza agli sfollati in collaborazione con la Croce Rossa.



    25/10/2017 13:04:00 MYANMAR-BANGLADESH
    Rohingya, sicurezza e cooperazione negli accordi tra Myanmar e Bangladesh

    I due Paesi hanno firmato ieri due memorandum di intesa. Fermare l’esodo, ripristinare la normalità nel Rakhine e discutere i piani per il rimpatrio di circa 600mila Rohingya. L’esercito del Myanmar difende il proprio operato in Rakhine. Gli Usa impongono nuove restrizioni.



    30/10/2017 12:41:00 MYANMAR
    Rakhine, al via i progetti di sviluppo voluti da Aung San Suu Kyi

    Assistenza, rimpatrio e reinsediamento dei profughi gli obiettivi dell’ultima iniziativa del governo. La costruzione di infrastrutture, strade e ponti realizzata grazie alle donazioni di 22 businessmen. Realizzazione di uffici al confine per l’accoglienza dei Rohingya. I gruppi etnici fanno ritorno alle proprie case. Disposta la chiusura dei campi profughi per gli sfollati interni.



    04/10/2017 11:53:00 MYANMAR
    Rakhine, diplomatici in visita: ‘Condanna per le violenze’, sostegno ad Aung San Suu Kyi

    La delegazione chiede il pieno accesso di media e organizzazioni umanitarie alle aree del conflitto e un’inchiesta condotta da esperti Onu sulle violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito. L’urgenza di attuare il rapporto di Kofi Annan.



    28/08/2017 16:50:00 MYANMAR
    Rohingya, 116 morti nelle nuove violenze. Il governo accusa i “terroristi bengali”

    Il 25 agosto i militanti dell’ l’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) hanno attaccato gli avamposti militari presso i villaggi di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung. I violenti scontri hanno causato la morte di 12  ufficiali delle forze armate e 104 militanti. Il Comitato per l'informazione di Stato di Aung San Suu Kyi impone ai media non usare il termine “insorti”. Evacuati oltre 4mila residenti non musulmani (soprattutto buddisti e indù). Più di 2mila musulmani Rohingya sono riusciti a raggiungere il Bangladesh. Dakha dispone respinge i nuovi profughi.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®