20/01/2020, 11.43
INDIA
Invia ad un amico

Ranchi, il capo del governo inaugura il primo ospedale delle suore di sant’Anna

Il St. Anne’s Hospital and Research Centre è situato nel villaggio di Raja Ulatu. Il nosocomio ha una capienza di 100 posti letto e offrirà prestazioni sanitarie all’avanguardia per poveri e bisognosi. Superiora della congregazione: “L’umanità ha pieno diritto di avere cure di qualità”.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Hemant Soren, neo-eletto Chief minister del Jharkhand, ha inaugurato il primo ospedale delle Figlie di sant’Anna (Dsa) nel villaggio di Raja Ulatu, a circa 16 km da Ranchi. Nel suo discorso, egli ha lodato le suore per l’impegno a favore di poveri e bisognosi. “C’è molto da fare in Jharkhand – ha detto – per migliorare gli standard nell’educazione e nelle cure mediche. Sono testimone dello zelo missionario dei cristiani per l’umanità, in particolare nei settori dell’educazione, della sanità e delle risorse umane. Il governo statale vuole essere loro partner nello sviluppo. Pertanto lavoreremo a stretto contatto con tutti coloro che si impegnano a migliorare le condizioni di vita del [nostro] popolo.

L’inaugurazione del St. Anne’s Hospital and Research Centre (Sahrc) è avvenuta il 18 gennaio. La struttura sanitaria dispone di 100 posti letto e offrirà prestazioni nel campo di ginecologia, medicina generale, neuro-chirurgia, ortopedia, radiologia digitale e patologia. Si tratta del primo nosocomio della congregazione, fondata nel 1897 da Madre Mary Bernadette Prasad Kispotta, prima Serva di Dio di origini tribali. Fin dalla sua origine, l’istituto si è posto al servizio dei più poveri, in India e nel mondo, rivolgendo una cura particolare a donne e bambini nelle aree tribali. Oggi la congregazione è composta in totale da 1.030 membri e nel 2002 ha ricevuto il riconoscimento di diritto pontificio.

Durante la cerimonia, il Chief minister ha ricordato che nel 2013 ha inaugurato un college per la formazione infermieristica gestito dai missionari cristiani a Dumka. “Quel college – sottolinea – è fiorito negli anni e io sono grato di aver preso parte al viaggio della scuola per infermiere. È per me un grande privilegio partecipare anche a viaggio del St. Anne’s Hospital and Research Centre”.

Suor Linda Mary Vaughan, superiora generale della congregazione, ha detto: “Noi crediamo che tutta l’umanità abbia il pieno diritto di avere cure di qualità. Il Sahrc si impegna a farlo”. Tra le gerarchie ecclesiastiche presenti, vi era anche l’arcivescovo di Ranchi mons. Felix Toppo. Egli ha evidenziato che “la Chiesa è devota al servizio di poveri, oppressi e negletti. Per questo è spiacevole il fatto che siamo spesso accusati di convertire con la forza le persone al cristianesimo: un’accusa che è senza fondamento e falsa”. Mons. Theodore Mascarenhas, vescovo ausiliare ed ex segretario generale della Conferenza episcopale indiana, ribadisce: “La Chiesa rimane impegnata nel fornire tutto l’aiuto possibile al governo statale per migliorare gli standard d’istruzione e i servizi sanitari nel Jharkhand”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuovo vescovo di Ranchi: Lavorerò per rafforzare la fede di tutti e sostenere chi è nel bisogno
25/06/2018 12:13
Ranchi: suor Mary Bernadette Prasad Kispotta, prima Serva di Dio di origini tribali
09/08/2016 12:26
Papa ai nonni: Nella società non manchino il vostro sorriso e la bella luminosità dei vostri occhi
15/10/2016 12:48
Jharkhand, card. Toppo ‘dato alle fiamme’. Mons. Mascarenhas: frenare l’odio del chief minister
14/09/2017 11:30
Ranchi: un ospedale per i poveri e i tribali, “monumento di misericordia”
19/04/2016 12:20