01/09/2009, 00.00
ISRAELE
Invia ad un amico

Razzismo: scuole religiose ebraiche rifiutano studenti neri etiopi

di Arieh Cohen
La decisione sembra essere appoggiata anche dal Gran Rabbino d’Israele, Shlomoh Ammar. Israeliani infastiditi dal gesto razzista. Il governo taglia i fondi alle 3 scuole che non vogliono gli studenti di colore. Perplessità nella comunità cristiana.

Tel Aviv (AsiaNews) -  Un dramma razzista senza precedenti e del tutto inverosimile si sta svolgendo da qualche tempo in Israele, nella città ironicamente denominata, "Petah Tikvah", "Porta della Speranza", a suo tempo uno dei primi villaggi creati dal ritorno ebraico alla patria storica del tardo ottocento. Le scuole ebraiche religiose di quella città, in periferia di Tel Aviv, rifiutano l'iscrizione dei bambini e dei ragazzi di colore, degli ebrei di pelle nera, immigrati legali dall'Etiopia, circa 150.

Essi sarebbero stati bene accolti invece nelle scuole pubbliche non-religiose, ma per motivi non ben compresi, le pubbliche autorità non lo permettono perché vi si oppone proprio la massima autorità clericale del Paese, il Gran Rabbino Shlomoh Ammar.

Estenuanti trattative, che vedono coinvolti i vertici del governo ma anche la Corte Suprema non riescono finora a risolvere la situazione, mentre si è proprio alla vigilia dell'apertura dell'anno scolastico (oggi 1° settembre).

La grande maggioranza degli israeliani reagisce con evidente fastidio al razzismo così apertamente manifestato proprio dagli ambienti osservanti della religione, e non capiscono neppure perché il governo si dimostra così ossequioso nei confronti del Gran Rabbino quando ci sono di mezzo i più fondamentali diritti dei cittadini.

Di per sé la vicenda non tocca la minuta comunità cristiana di Israele, ma come spesso si osserva, ogni manifestazione di intolleranza od esclusione la dovrebbe far preoccupare, perché i cristiani, più di tutti, hanno bisogno di un clima di libertà e di rispetto dell'uguaglianza dei diritti civili delle persone, donne e uomini, bianchi e neri, ebrei e arabi, e così via.

Finora il governo di Tel Aviv si è limitato a denunciare l’attitudine “discriminatoria” delle 3 scuole. Il ministro dell’educazione, Gideon Saar, ha promesso che le tre scuole non riceveranno sovvenzioni dallo Stato.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Scontri nella notte a Tel Aviv tra ebrei etiopi e polizia: 68 persone ferite e 43 arrestate
04/05/2015
Poliziotto uccide giovane ad Haifa: comunità ebraica etiope in rivolta
03/07/2019 09:02
Gerusalemme, rischia di crollare il monastero sopra il Santo Sepolcro
07/10/2008
Jeddah, restano in carcere i 35 cristiani etiopi sorpresi a pregare in una casa privata
09/06/2012
Arrestati, picchiati e insultati 35 cristiani “sorpresi” a pregare in Arabia Saudita
31/01/2012