22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/04/2012, 00.00

    TIMOR EST

    Ruak, “eroe” dell’indipendenza, è il nuovo presidente di Timor Est



    Uomo “forte” della nazione, egli appare in grado di garantire la stabilità dopo decenni di lotte sanguinose. Egli ha conquistato il 61% circa dei voti, contro il 38% del suo rivale. Dopo il voto ha promesso di essere “il presidente di tutti” e pace per la popolazione. Tuttavia la sua fama di leader militare, cavalcata durante la campagna elettorale, desta preoccupazione.

    Dili (AsiaNews/Agenzie) - L'ex capo delle Forze armate Taur Matan Ruak è il nuovo presidente di Timor Est, avendo sconfitto al ballottaggio il rivale e leader del Fretlin Party Francisco "Lu Olo" Guterres. Considerato "uomo forte" della nazione e visto come un "eroe" dalla popolazione, Ruak appare in grado di garantire la stabilità in un Paese che ha saputo conquistare l'indipendenza dopo oltre due decenni di lotte sanguinose. Egli succede al premio Nobel Jose Ramos-Horta, giunto terzo alle elezioni del 17 marzo scorso, che ha saputo trasformare la carica di presidente - vista come una figura cerimoniale - in un'istituzione rispettata e in grado di rappresentare l'unità nazionale.

    Il ballottaggio si è tenuto ieri e - secondo i primi risultati diffusi dalla Commissione elettorale, che dovrà certificare la validità del voto - ha sancito la vittoria del 55enne Ruak. Egli ha ottenuto 275.441 voti (il 61,23%), contro i 174.386 (38,77%) del rivale Guteress. Sarà lui a guidare le celebrazioni per il decennale dell'indipendenza e a salutare i caschi blu ormai pronti al ritiro. I risultati dovranno essere convalidati dalla Corte d'appello, dopo l'esame di eventuali ricorsi.

    Dopo aver votato nel seggio elettorale di appartenenza, Ruak ha dichiarato: "Vincerò le elezioni. Diventerò il presidente di tutti e assicurerò pace e stabilità". E ha aggiunto: non vi saranno nemici, perché "chiunque sarà nostro amico".

    Ruak (nella foto) e Guteress sono entrambi ex leader di primo piano della guerriglia: tuttavia, mentre il secondo ha cercato di oscurare l'immagine di militare e combattente, Ruak ha invece cavalcato questo elemento per tutta la campagna elettorale. Un aspetto che desta più di una preoccupazione fra la popolazione. Alla vigilia del voto un 36enne veterano di guerra di nome Felisiano Da Conceicau, che non ha voluto dichiarare la propria preferenza, ha affermato: "Non sono un bene per la pace a Timor Est", mentre "la popolazione chiede solo la pace".

    Nelle ultime settimane 1,1 milioni di cittadini si sono recati alle urne, nel primo di una serie di eventi chiave che determineranno la stabilità futura della nazione. Fra gli altri, le elezioni legislative a giugno ed entro fine anno - dopo tre di amministrazione Onu e 10 dalla piena indipendenza, nel 2002 - vi sarà il ritiro completo delle truppe delle Nazioni Unite. Oltre 1200 caschi blu Onu hanno garantito la sicurezza delle seconde elezioni presidenziali da Paese "libero"; il primo voto, nel 2007, è stato caratterizzato da violenti scontri l'anno precedente - durante la campagna elettorale - che hanno causato 37 morti e rischiato di far precipitare Timor Est in una vera e propria guerra civile.

    Fra i vari problemi, Timor Est deve risolvere l'annosa dipendenza dalle fonti energetiche del sottosuolo - gas e petrolio - che pur essendo di portata minima costituiscono il 90% circa dell'indotto statale. Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha definito la nazione "l'economia più dipendente dal petrolio al mondo". Il 95% dei timoresi sono di fede cattolica, ma vi sono pure piccole comunità di musulmani e protestanti. In passato la nazione ha vissuto lunghi periodi di criticità alimentari e carestie, nonostante gli aiuti forniti dalla comunità internazionale (cfr. AsiaNews 16/10/2008, Per almeno cinque mesi all'anno i timoresi vanno a letto affamati).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/03/2012 TIMOR EST
    Presidenziali a Timor Est: sconfitto Ramos Horta, al ballottaggio Guterres e Ruak
    Con il 73% delle schede scrutinate, il capo di Stato uscente ha ammesso la sconfitta e si congratula con gli sfidanti. Il ballottaggio è previsto per il 21 aprile, la cerimonia di passaggio dei poteri il 19 maggio prossimo. Nessuno ha ottenuto il 50% + 1 necessario per vincere al primo turno. Timoresi soddisfatti: la scelta fra due “eroi dell’indipendenza”.

    17/03/2012 TIMOR EST
    Timor Est, tranquille le elezioni per il nuovo presidente
    Oggi 1,1 milioni di timoresi al voto per scegliere il capo di Stato, chiamato a garantire stabilità nel cammino di democratizzazione. Non si registrano incidenti o brogli. Dodici i candidati, ma la partita si gioca fra l’uscente Ramos Horta, Guterres e Ruak, “uomo forte” della nazione.

    06/04/2007 TIMOR EST
    Chiusa la campagna elettorale, Dili sceglie il nuovo presidente
    Torna la calma nel Paese dopo scontri tra fazioni. Lunedì prossimo le elezioni presidenziali: favoriti il Nobel Ramos Horta e il leader del Fretilin, Francisco Guterres. La Chiesa cattolica invita a scegliere “con coscienza” e in un intervento a sorpresa indica la sua preferenza in Fernando 'La Sama' de Araujo, un ex attivista studentesco.

    11/05/2007 TIMOR EST
    Ramos Horta vince le presidenziali
    Con il 90% delle schede contate, il premier uscente incassa il 73% delle preferenze contro lo sfidante Guterres, del partito Fretilin. Occhi puntati alle elezioni generali di giugno, che ridisegneranno la composizione del Parlamento.

    30/11/2009 SRI LANKA
    Presidenziali in Sri Lanka, fra speranze di democrazia e timori di brogli
    Il 26 gennaio 2010 si terranno le elezioni per la nomina del Capo di Stato. Corruzione e brogli minacciano il regolare svolgimento del voto. Sacerdote cattolico auspica pari accesso ai media e soluzioni “durature” per le vittime della guerra. La Chiesa deve difendere i valori della verità, libertà, giustizia e dignità umana.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®