29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2016, 09.23

    SIRIA-RUSSIA-USA

    Russia: Il convoglio di aiuti “bruciato”, non “colpito” da un raid



    Stati Uniti, Croce rossa e milizie accusano Mosca e la Siria. Per la Russia, è un ennesimo atto pubblicitario di Al Nusra. Kerry e Lavrov tentano di salvare la tregua. Ban Ki-moon accusa tutti, ma soprattutto il governo siriano

    New York (AsiaNews/Agenzie) -  Il ministero russo della Difesa ha rifiutato le accuse secondo cui un convoglio di aiuti a Urum al-Kubra, vicino ad Aleppo sarebbe stato colpito da un raid aereo russo o siriano, affermando invece che il convoglio è stato incendiato.

    Per gli Stati Uniti invece, il convoglio è stato colpito da due aerei russi, in un attacco che ha messo fine in modo esplicito alla fragile tregua durata poco meno di una settimana.

    Nell’incidente, avvenuto il 19 settembre, 18 camion su un convoglio di 31 mezzi sono stati distrutti. Almeno 20 persone sono morte, oltre a un rappresentante della Mezzaluna rossa araba. A causa di questo, le Nazioni Unite hanno sospeso da ieri tutti i trasporti di aiuti.

    Oltre agli Stati Uniti, anche la Croce rossa e le Nazioni unite hanno definito l’incidente “un attacco aereo” – avvenuto mentre nei cieli di Aleppo volavano aerei russi Sukhoi SU-24. In seguito, però, l’Onu ha corretto la sua dichiarazione, rimuovendo la frase “attacco aereo”, con un più generico “attacco”. Il portavoce Onu per gli aiuti umanitari, Jens Laerke, ha precisato che l’Onu non era nella posizione di determinare con esattezza se il convoglio era stato colpito da un raid aereo o da un “attacco”.

    Igor Konashenkov, portavoce del ministero russo della Difesa, ha dichiarato che “abbiamo studiato le immagini video della scena, filmate dai cosiddetti ‘attivisti’ e non abbiamo trovato alcuna prova che il convoglio sia stato colpito [da un raid]”. Egli fa notare che “non vi sono crateri” provocati da bombe e che i veicoli non presentano danni tipici causati da bombe cadute dall’alto.

    I danni visibili sono invece tipici di un incendio, avvenuto “stranamente” nello stesso tempo in cui le milizie ribelli legate ad Al Nusra hanno iniziato una nuova grande offensiva ad Aleppo.

    Konashenkov ha anche ironizzato sui “Caschi bianchi”, l’organizzazione umanitaria legata ad Al Nusra, che si trova “per caso nel momento giusto, nel posto giusto, con le loro videocamere”.

    Solo loro – ha detto – “possono dire chi è il responsabile”.

    L’ironia è legata all’uso pubblicitario che i “Caschi bianchi” fanno a loro favore, mostrando la “crudeltà” di russi e siriani e “l’innocenza” delle milizie.

    La polemica e il rimpallo delle responsabilità avviene a poche ore da un incontro del Consiglio di sicurezza dell’Onu sulla Siria.

    A New York, al margine dell’Assemblea Onu, i diplomatici stanno tentando di salvare e proseguire una tregua accordata fra Usa e Russia e appoggiata dall’esercito siriano poco prima dell’incidente. Un’altra tregua, la scorsa settimana, è stata segnata da varie violazioni.

    John Kerry, segretario di Stato Usa, parlando a fianco del ministro russo degli esteri ha insistito che l’accordo sul cessate il fuoco “non è morto”. Anche il presidente Barack Obama ha dichiarato che

    che “non c’è una vittoria militare da vincere” e che occorre proseguire “il duro lavoro” della diplomazia.

    All’Assemblea generale Onu, il segretario Ban Ki-moon ha avuto parole dure per coloro che sostengono i vari gruppi nel conflitto siriano, accusandoli di avere “sangue sulle loro mani”. Ma ha avuto parole ancora più dure per Damasco: “Molti gruppi hanno ucciso molti innocenti – ha detto – ma non più di quello che ha fatto il governo della Siria, che continua a colpire con bombe-barile i quartieri abitati e tortura in modo sistematico migliaia di detenuti”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/02/2016 10:34:00 SIRIA
    Patriarca Laham: L'accordo sulla Siria un passo positivo, ora uniti contro lo Stato islamico

    Gregorio III auspica che l’accordo “possa dare benefici al Paese e al suo popolo”. Egli esorta a mantenere in vita l’alleanza contro Daesh e gli altri gruppi jihadisti. Ora devono mediare “il governo siriano e la vera opposizione interna”. Solo i combattenti mercenari stranieri non vogliono la pace. Dall’incontro fra Francesco e Kirill la speranza di una Pasqua unita e fissa. 



    12/02/2016 08:49:00 SIRIA
    Le grandi potenze d’accordo nel “cessare le ostilità” in Siria. Ma c'è scetticismo

    La fine dei combattimenti dovrebbe avvenire entro una settimana. Deciso anche la distribuzione e il potenziamento degli aiuti umanitari da oggi. Dal cessate il fuoco sono escluse le battaglie contro i gruppi jihadisti. Continua l’assedio di Aleppo. Scetticismo a Damasco: “Da cinque anni ci sono dichiarazioni, ma pochi fatti concreti". Dimitri Medvedev: Dialogare è meglio che far scoppiare “una nuova guerra mondiale”.



    29/07/2016 08:30:00 SIRIA
    Il fronte di Al Nusra rompe con al Qaeda per avere futuro in Siria

    La rottura è avvenuta di comune accordo. Verrà creato un nuovo “Fronte per la conquista della Siria”. In questo modo al Nusra spera di sfuggire ai bombardamenti anti-jihadisti di Usa e Russia e mantenere una solida influenza sui gruppi di ribelli.



    26/09/2016 13:22:00 SIRIA
    Gesuita: I piani confusi delle potenze mondiali alimentano il dramma di Aleppo

    P. Sami Hallak racconta un sentimento diffuso di “incomprensione” fra la popolazione civile. Nel settore ovest regna una relativa calma, ma la “povertà aumenta”, insieme alla disoccupazione. La battaglia concentrata sul settore orientale, dal quale giungono “bombe ed esplosioni”. Misericordia è “non essere partecipi delle violenze” e ricostruire “una vita nuova”, ma “la pace è lontana”. 



    11/11/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
    Nunzio a Damasco: conflitto siriano, l’ottimismo Onu e il dramma di un popolo stremato
    Mons. Zenari ha incontrato il rappresentante speciale delle Nazioni Unite Staffan de Mistura, “determinato” al raggiungimento di una tregua. L’obiettivo è creare zone in cui “congelare” il conflitto e favorire l’invio di aiuti. Aperture dal presidente Assad. Ma la popolazione è stanca e “chi può cerca di fuggire”. La speranza di un fronte comune contro i jihadisti.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®