28 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/12/2013, 00.00

    RUSSIA

    Russia: in un anno, sette chiese bruciate in Tatarstan

    Nina Achmatova

    Leader politici e spirituali preoccupati dall'aumento del fondamentalismo nella repubblica autonoma russa, a maggioranza musulmana. Leader spirituali invitano a non cedere alle provocazioni. Sacerdote locale: "Gli wahabiti sono i colpevoli".

    Mosca (AsiaNews) - Chiese date alle fiamme, sventati attentati, pressione sui fedeli cristiani perché si convertano all'islam. In Tatarstan - repubblica autonoma della Federazione russa, a maggioranza musulmana - aumenta l'allarme estremismo. Tanto che il presidente Rustam Minnikhanov ha espresso preoccupazione e ha promesso di seguire personalmente le inchieste aperte a riguardo.

    Per quanto riguarda gli incendi, registrati in diverse zone della regione, le accuse formalizzate sono di vandalismo, incendio doloso, violazione della libertà di coscienza e religione. Gli inquirenti insistono, però, affinché vengano considerati come "atti di terrorismo".

    Nell'ultimo anno sono state sette le parrocchie cristiane date alle fiamme. Gli ultimi due episodi sono accaduti lo scorso 28 e 29 novembre, come riporta l'agenzia Regnum.ru. Nel 2012 non si era verificato nemmeno un caso simile. La procura generale ha puntato il dito contro "estremisti non identificati" e i colpevoli rischiano ora fino a 20 anni di detenzione.

    Secondo quanto riportato dal quotidiano Komsomolskaya Pravda, per gli incendi alle chiese gli inquirenti stanno seguendo la pista dei gruppi wahabiti. Che i responsabili degli attacchi siano musulmani aderenti a questo islam radicale lo sostiene anche parte del clero locale. Intervistato da Interfax, padre Dmitri Sizov, parroco nella zona di Pestrechinsky, ha raccontato che "tutta la comunità sa che è opera degli wahabiti". A suo dire, in alcuni villaggi a maggioranza cristiana del Tatarstan si aggirano "agitatori fondamentalisti, che offrono ai fedeli di convertirsi all'islam". "I sacerdoti rimangono in silenzio, perché hanno paura di essere accusati d'istigazione all'odio religioso", ha aggiunto p. Sizov.

    Il presidente Minnikhanov ha offerto una ricompensa di un milione di rubli per chi fornirà informazioni utili a individuare i responsabili degli incidenti, mentre è stata aperta un'inchiesta penale per complotto terroristico, dopo il ritrovamento di ordigni inesplosi nei distretti di Alexeyevsky e Nizhnekamsk, a fine novembre.

    Dal canto loro, i leader religiosi locali - musulmani e ortodossi - hanno lanciato un appello alle rispettive comunità perché non raccolgano quella che definiscono una "provocazione", volta a "distruggere le buone relazioni interreligiose sviluppate nel corso dei secoli nella regione del Volga". "Il vandalismo contro oggetti e luoghi di culto è un insulto diretto ai sentimenti dei fedeli e i responsabili di questi atti meritano un'ampia condanna pubblica", hanno scritto in una dichiarazione congiunta il metropolita del Tatarstan Anastasio e il mufti Kamil Samigullin.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/12/2013 RUSSIA
    Chiese bruciate in Tatarstan, arrestati giovani membri di gruppo islamico
    Lo rende noto il ministero degli Interni senza specificare di che gruppi si tratti. I ragazzi sarebbero responsabili di due dei sette incendi che hanno colpito solo quest'anno edifici di culto cristiani nella repubblica russa a maggioranza musulmana.

    26/08/2008 RUSSIA
    Venerdì a Kazan la “dedicazione” di una nuova chiesa cattolica
    Prevista la presenza del cardinale Sodano. Un contributo finanziario per la realizzazione dell’edificio è venuto anche dalla città, cara alla tradizione religiosa ortodossa, ma a larga maggioranza islamica.

    13/11/2005 pakistan
    Migliaia di musulmani bruciano chiese, conventi, scuole e case cristiane nel Punjiab

    La Commissione Giustizia e Pace accusa la"negligenza criminale" della polizia (che non è intervenuta) e quella dei ministri e politici che non si decidono a eliminare le leggi sulla blasfemia.



    20/01/2010 MALAYSIA
    Kuala Lumpur: arrestati 8 giovani per l’attacco a una chiesa
    Sono sospettati di aver provocato l’incendio e aver lanciato pietre contro la chiesa Metro Tabernacle, dell'Assemblea di Dio. La polizia indaga i loro legami con gli altri 10 attacchi contro luoghi di culto, dopo la diatriba sull’uso del termine Allah anche per i cristiani. Le strumentalizzazioni politiche dell’Umno.

    01/04/2011 RUSSIA
    Mosca avrà 60 nuove chiese e ancora nessuna nuova moschea
    La decisione è del sindaco Sobianin. Soddisfazione da parte del Patriarcato; i leader musulmani stanno a guardare ma attaccano il Patriarcato: ostracizza la comunità islamica e così sta innescando una “bomba a orologeria”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®