23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/08/2012, 00.00

    INDIA

    Sciopero della fame per dalit cristiani e musulmani, contro la discriminazione



    Conferenza episcopale indiana (Cbci) e leader religiosi hanno organizzato una marcia, per rivendicare diritti e garanzie concessi per legge solo a fuoricasta indù, buddisti e sikh. Arcivescovo di New Delhi: discriminare qualcuno per la sua religione è un male da combattere.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Centinaia di dalit cristiani e musulmani hanno sfilato sotto la pioggia per le strade di New Delhi, per chiedere al governo Upa (United Progressive Alliance) di garantire loro i diritti previsti dalla legge sulle caste, entro le elezioni generali del 2014. Organizzata dalla Conferenza episcopale indiana (Cbci) e da leader islamici, la marcia è culminata davanti al palazzo del Parlamento, dove i manifestanti hanno iniziato un dharma (digiuno di protesta), indossando magliette con la scritta "Upa - Rispondi alla Corte suprema".

    Lo slogan scelto dai manifestanti si riferisce alle numerose cause presentate da gente comune, società civile e leader religiosi per porre fine alla discriminazione su base religiosa ed applicare lo status di Scheduled Caste (Sc) anche ai fuoricasta cristiani e musulmani. La lotta per garantire eguali diritti va avanti dal 1950, quando il parlamento approvò l'art. 3 della Costituzione sulle Sc. In base a questo paragrafo, la legge riconosce diritti e facilitazioni di tipo economico, educativo e sociale solo ai dalit indù. In seguito, nel 1956 e nel 1990, lo status venne esteso anche a buddisti e sikh.

    Tra le personalità presenti alla marcia, anche mons. Vincent Concessao, arcivescovo di New Delhi: "La discriminazione contro dalit cristiani e musulmani va contro ogni principio sancito dalla nostra Costituzione, che è laica per sua stessa natura. Siamo qui non solo per promuovere ciò che è bene, ma anche per combattere il male. E discriminare qualcuno per la sua religione è malvagio". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/07/2011 INDIA
    Sciopero della fame per i diritti di dalit cristiani e musulmani
    Per mons. Vincent Concessao, arcivescovo di New Delhi, il digiuno di massa (25-27 luglio) è un “avvertimento: la storia ci insegna che molti governi potenti sono caduti, quando si nega la giustizia”. Lo sciopero si concluderà con una marcia fino al Parlamento, il 28 luglio.

    10/12/2009 INDIA - DIRITTI UMANI
    Diritti umani in India calpestati da estremismo, discriminazione religiosa e sociale
    Per l’attivista Lenin Raghuvanshi “la situazione dei diritti umani in India è vergognosa”. Sotto accusa il fondamentalismo religioso, ma anche “le torture della polizia” ed il “collasso del sistema giudiziario”. Il Paese soffre un “atteggiamento mentale”che colpisce soprattutto i più deboli e le minoranze non indù.

    21/07/2010 INDIA
    Cinquemila Dalit cristiani e musulmani contro la discriminazione
    Guidati da vescovi e leader religiosi i fuori casta cristiani e musulmani chiedono al governo di cancellare la legge che dal 1950 riconosce diritti e garanzie solo ai Dalit indù e buddisti. Neethinathan, vescovo di Chingleput (Tamil Nadu): “E’ molto doloroso vedere la nostra gente appartenente ai fuori casta subire la doppia discriminazione sociale e religiosa”.

    11/03/2005 india
    Dalit di tutte le religioni appoggiano i fuori casta cristiani e musulmani


    20/10/2004 india
    L'Al Qaeda indù: il fondamentalismo come strumento politico
    John Dayal, leader delle associazioni cristiane: "Vogliamo che il governo condanni le organizzazioni fanatiche. Occorrono leggi per le minoranze".



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®