03/08/2018, 08.29
ASIA CENTRALE - RUSSIA
Invia ad un amico

Sconfitta in Medio oriente, l'Isis si rafforza in Asia Centrale

di Vladimir Rozanskij

Almeno 800 militanti o più stanno prendendo posizione in Tajikistan, Uzbekistan e Turkmenistan. Il Tajikistan è protetto dai soldati russi; l’Uzbekistan ha l’esercito migliore e più agguerrito della regione; lo Stato più debole è il Turkmenistan. La maggior parte dei combattenti in Siria proveniva dall’Asia centrale, in particolare dal Kirghizistan.

Mosca (AsiaNews) - Secondo le dichiarazioni del vice-presidente Usa Michael Pence, lo “Stato Islamico” (SI) non esiste più e il Califfato è ormai completamente disintegrato. Eppure vi sono segnali importanti sul rafforzamento dell’Isis in Asia centrale e soprattutto in Tajikistan.

È vero che in Siria e in Iraq, dove da anni i radicali islamici avevano le loro basi e controllavano con le armi oltre metà del territorio, sono rimasti solo piccoli focolai sparsi e poco significativi.

Al presente, sulla carta la disposizione delle forze in Siria e Iraq vede solo un paio di piccoli agglomerati del fu potente Isis, e stanno a loro volta per cedere. Secondo l’esercito americano, in entrambi i Paesi negli ultimi anni i terroristi hanno perso il 98% delle zone sotto il loro controllo, e continuano a ritirarsi fino a scomparire.

Eppure, i combattenti dell’Isis non sono scomparsi. Secondo il giornale turco Khaber-turk, l’Isis sta minacciando il Caucaso e l’Asia centrale: “I terroristi si sono concentrati soprattutto sulla frontiera afghano-tagika”, scrivono i corrispondenti che riferiscono dati dell’esercito di Ankara. Sulla minaccia degli islamisti in Asia centrale si parla anche nelle corrispondenze della tv Al Jazira, secondo le quali negli ultimi mesi i superstiti delle forze dell’Isis dalla Siria e dall’Iraq si sono trasferiti in Afghanistan, e cercano di rafforzare le proprie posizioni.

Dalle ultime ricostruzioni, le forze dello SI si sono raggruppate soprattutto nella provincia afghana di Badakhshan, dove si snoda il confine con il Tajikistan. È difficile dire quanti soldati islamici si trovino da quelle parti; secondo fonti Usa, vi sarebbero circa 800 persone, ma i servizi di sicurezza afghani assicurano che sono molto di più. E proprio da quella zona i terroristi si starebbero distribuendo nei vari Paesi dell’Asia centrale.

I tre Paesi che da quella parte confinano direttamente con l’Afghanistan sono le ex-repubbliche sovietiche del Tajikistan, dell’Uzbekistan e del Turkmenistan, e sarebbero proprio questi i più a rischio di infiltrazione islamista. I più protetti sono gli uzbeki, il cui confine con l’Afghanistan è piuttosto impervio, e si può attraversare solo attraverso il ponte di Hairabad; inoltre, l’esercito uzbeko è attualmente il più forte della regione.

In Tajikistan la situazione è decisamente più critica: l’esercito e il governo del Paese sono molto deboli, la frontiera afghana è molto più permeabile. A favore dei tagiki ci sarebbe però un contingente di 5mila soldati russi, con un’intera base dell’esercito di Putin, di stanza nel Paese per tenerlo sotto controllo già da anni. Attualmente i russi stanno proprio svolgendo un lavoro di controllo delle frontiere, su esplicita richiesta del presidente tagiko Emomali Rakhmon nell’ultimo incontro da lui avuto con Vladimir Putin.

Secondo le stime attuali, sarebbe dunque il Turkmenistan a subire più di tutti la penetrazione dell’Isis. Il Paese è molto chiuso e isolato, e non diffonde molte informazioni all’esterno. Secondo gli esperti le forze armate turkmene sarebbero molto fragili, male equipaggiate e ancora legate ai vecchi sistemi sovietici di gestione bellica, senza recenti esperienze pratiche di resistenza a invasioni esterne.

L’Asia centrale, del resto, è la regione nativa della maggior parte dei combattenti dell’Isis; secondo stime non ufficiali, proprio dal Turkmenistan si erano recate in Siria e Iraq diverse centinaia di soldati, come pure da Uzbekistan e Tajikistan. Il contingente più numeroso, vicino al migliaio di terroristi, sembra provenisse dal Kirghizistan, dove i fanatici religiosi sono attivi soprattutto nelle città di Osh e Jalal-Abad, ai confini con l’Uzbekistan.

Una prima azione terrorista dell’Isis in Tajikistan è stata rivendicata lo scorso 31 luglio. Due giorni prima sette turisti stranieri hanno subito un attacco nella regione di Danghara, a 150 km dalla capitale Dushanbe. Due americani, uno svizzero, un olandese sono stati uccisi; altri tre turisti sono stati feriti.  Il gruppo era stato travolto da una vettura e poi atta cato da uomini armati.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
In Asia centrale, il pretesto dell’Isis soffoca il dissenso
22/08/2018 11:55
Asia centrale, l'Uzbekistan rischia di perdere il treno del dominio dei trasporti
30/01/2015
Bloccata la costruzione del più grande gasdotto turkmeno. Peggiora la crisi del Paese
13/03/2017 15:38
Ashgabat, Berdimuhamedov è presidente per la terza volta. Rimangono povertà e repressione
13/02/2017 15:18
Dushanbe, lo Stato islamico attacca un posto di blocco di frontiera: 17 morti
06/11/2019 15:44