1 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/04/2012
VIETNAM
Scrivono di scioperi e giustizia: il governo vietnamita processa tre blogger
Alla sbarra Nguyen Van Hai, Phan Thanh Hai e Ta Phong Tan per “propaganda contro il Partito unico comunista”. Gli articoli apparsi sul sito web Free Journalist Club, che essi hanno contribuito a fondare. I legali nutrono “poche speranze” di evitare una condanna. Essi rischiano fino a 20 anni di galera.

Ho Chi Minh City (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità vietnamite hanno incriminato tre blogger e attivisti di primo piano, con l'accusa di aver "criticato" l'operato del governo e di "propaganda contro il Partito unico comunista" che regge lo Stato. La conferma arriva dai media ufficiali, secondo cui Nguyen Van Hai, Phan Thanh Hai e Ta Phong Tan saranno rinchiusi "di nuovo" in cella e perseguiti a livello legale. Fra le presunte prove dei crimini commessi, una serie di pubblicazioni postate tra il settembre 2007 e l'ottobre 2010 sul sito web Free Journalist Club, che essi stessi hanno contribuito a fondare.

Il giornale filo-governativo Than Nien, in un articolo il pubblicato il 15 aprile, riferisce che i post incriminati contengono tematiche politiche "sensibili" fra cui gli scioperi dei lavoratori, i processi ai dissidenti e le proteste contro Pechino per le controversie legate al controllo del Mar cinese meridionale. I tre, secondo l'accusa, avrebbero "distorto e denigrato il partito e lo Stato". Saranno processati in base all'articolo 88 del Codice penale vietnamita e rischiano fino a 20 anni di prigione.

Nguyen Quoc Dat, avvocato di Van Hai, spiega a Radio Free Asia (Rfa) di nutrire "poche speranze" in vista del processo e che la battaglia per far cadere le accuse a carico del suo assistito sono "molto basse". Il dibattimento si terrà presso il Tribunale del popolo di Ho Chi Minh City - dove sono giunti i fascicoli a carico dei tre imputati - ma non è ancora stata fissata una data certa della prima udienza.

Nguyen Van Hai, meglio conosciuto con il soprannome di Dieu Cay, è stato arrestato la prima volta alla vigilia delle Olimpiadi di Pechino del 2008, per aver preso parte a proteste anti-cinesi (Pechino e Hanoi, entrambi governi comunisti, sono due storici alleati anche se di recente sono emersi contrasti territoriali). Processato per evasione fiscale e truffa al fisco, due accuse pretestuose, il dissidente è stato quindi condannato a 30 mesi di prigione. Avrebbe dovuto essere rilasciato nell'ottobre 2010, ma il giorno della scarcerazione la polizia ha assaltato la casa, malmenato la moglie ed emesso nuove accuse a carico dell'uomo. Egli ha vissuto a lungo in regime di isolamento, prima di poter incontrare - ma solo di recente - il suo avvocato.

Gli altri due blogger e attivisti a processo sono: Phan Thanh Hai, 43 anni, meglio conosciuto con il soprannome di Anh Ba Saigon, che si è occupato a lungo di problemi ambientali, corruzione e scandali politico-finanziari; Ta Phong Tan, 44 anni, ex poliziotta e membro del partito comunista vietnamita, prima di diventare giornalista e attivista, in prima fila nelle denunce per gli abusi e le storture del sistema carcerario.  

Il Comitato vietnamita per i diritti umani si appella alle autorità perché i blogger vengano rilasciati presto e senza condizioni. Essi, aggiungono, sono stati ingiustamente imprigionati per "la legittima espressione delle loro opinioni pacifiche". Dure critiche provengono anche da Human Rights Watch, che in passato ha premiato i tre per la loro attività.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/03/2014 VIETNAM
Per condannare una blogger, la polizia vietnamita manipola prove e testimonianze
16/02/2013 VIETNAM
Stretta di Hanoi sulla rete, arresti e condanne per blogger e attivisti
04/11/2014 VIETNAM
Blogger e attivista cattolico vietnamita alla sbarra per aver criticato il governo di Hanoi
07/02/2013 VIETNAM
Saigon: libero prima della scadenza l’avvocato e dissidente cattolico Le Cong Dinh
11/03/2013 VIETNAM – STATI UNITI
Washington premia la blogger e dissidente cattolica Maria Tạ Phong Tần
di Nguyen Hung

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate