7 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/04/2012
VIETNAM
Scrivono di scioperi e giustizia: il governo vietnamita processa tre blogger
Alla sbarra Nguyen Van Hai, Phan Thanh Hai e Ta Phong Tan per “propaganda contro il Partito unico comunista”. Gli articoli apparsi sul sito web Free Journalist Club, che essi hanno contribuito a fondare. I legali nutrono “poche speranze” di evitare una condanna. Essi rischiano fino a 20 anni di galera.

Ho Chi Minh City (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità vietnamite hanno incriminato tre blogger e attivisti di primo piano, con l'accusa di aver "criticato" l'operato del governo e di "propaganda contro il Partito unico comunista" che regge lo Stato. La conferma arriva dai media ufficiali, secondo cui Nguyen Van Hai, Phan Thanh Hai e Ta Phong Tan saranno rinchiusi "di nuovo" in cella e perseguiti a livello legale. Fra le presunte prove dei crimini commessi, una serie di pubblicazioni postate tra il settembre 2007 e l'ottobre 2010 sul sito web Free Journalist Club, che essi stessi hanno contribuito a fondare.

Il giornale filo-governativo Than Nien, in un articolo il pubblicato il 15 aprile, riferisce che i post incriminati contengono tematiche politiche "sensibili" fra cui gli scioperi dei lavoratori, i processi ai dissidenti e le proteste contro Pechino per le controversie legate al controllo del Mar cinese meridionale. I tre, secondo l'accusa, avrebbero "distorto e denigrato il partito e lo Stato". Saranno processati in base all'articolo 88 del Codice penale vietnamita e rischiano fino a 20 anni di prigione.

Nguyen Quoc Dat, avvocato di Van Hai, spiega a Radio Free Asia (Rfa) di nutrire "poche speranze" in vista del processo e che la battaglia per far cadere le accuse a carico del suo assistito sono "molto basse". Il dibattimento si terrà presso il Tribunale del popolo di Ho Chi Minh City - dove sono giunti i fascicoli a carico dei tre imputati - ma non è ancora stata fissata una data certa della prima udienza.

Nguyen Van Hai, meglio conosciuto con il soprannome di Dieu Cay, è stato arrestato la prima volta alla vigilia delle Olimpiadi di Pechino del 2008, per aver preso parte a proteste anti-cinesi (Pechino e Hanoi, entrambi governi comunisti, sono due storici alleati anche se di recente sono emersi contrasti territoriali). Processato per evasione fiscale e truffa al fisco, due accuse pretestuose, il dissidente è stato quindi condannato a 30 mesi di prigione. Avrebbe dovuto essere rilasciato nell'ottobre 2010, ma il giorno della scarcerazione la polizia ha assaltato la casa, malmenato la moglie ed emesso nuove accuse a carico dell'uomo. Egli ha vissuto a lungo in regime di isolamento, prima di poter incontrare - ma solo di recente - il suo avvocato.

Gli altri due blogger e attivisti a processo sono: Phan Thanh Hai, 43 anni, meglio conosciuto con il soprannome di Anh Ba Saigon, che si è occupato a lungo di problemi ambientali, corruzione e scandali politico-finanziari; Ta Phong Tan, 44 anni, ex poliziotta e membro del partito comunista vietnamita, prima di diventare giornalista e attivista, in prima fila nelle denunce per gli abusi e le storture del sistema carcerario.  

Il Comitato vietnamita per i diritti umani si appella alle autorità perché i blogger vengano rilasciati presto e senza condizioni. Essi, aggiungono, sono stati ingiustamente imprigionati per "la legittima espressione delle loro opinioni pacifiche". Dure critiche provengono anche da Human Rights Watch, che in passato ha premiato i tre per la loro attività.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/05/2015 VIETNAM
Torna libero e promette nuove battaglie blogger vietnamita pro diritti umani
12/03/2014 VIETNAM
Per condannare una blogger, la polizia vietnamita manipola prove e testimonianze
16/02/2013 VIETNAM
Stretta di Hanoi sulla rete, arresti e condanne per blogger e attivisti
04/11/2014 VIETNAM
Blogger e attivista cattolico vietnamita alla sbarra per aver criticato il governo di Hanoi
07/02/2013 VIETNAM
Saigon: libero prima della scadenza l’avvocato e dissidente cattolico Le Cong Dinh

In evidenza
IRAQ-EUROPA
Arcivescovo di Baghdad: Persecuzione dei cristiani, frutto del fondamentalismo e del calcolo politico internazionale
di Jean Benjamin Sleiman*Le persecuzioni hanno degli esecutori, ma vi sono pure dei mandanti e degli sponsor che non si vedono. Esse rispondono a progetti politici e non sono solo frutto della fiamma dell’intolleranza religiosa. Per mons. Sleiman, con le violenze contro i cristiani si sta attuando un programma di disgregazione dell’Iraq e del Medio oriente. Occorre fermare le violenze, ridare ai cristiani piena cittadinanza, riaffermare lo Stato come garante della convivenza. L’intervento dell’arcivescovo di Baghdad dei latini al Parlamento europeo.
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate