29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/01/2016, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Sempre più fitto il mistero di Lee Bo, editore critico di Pechino “sparito nel nulla”



    Una lettera inviata via fax e firmata da lui afferma che si trova in Cina per “collaborare a indagini segrete di cui è meglio che nessuno sappia”. La moglie ritira la denuncia alla polizia di Hong Kong per la sua sparizione. E un giornale ufficiale del Partito afferma: “Sa quanti danni ha commesso, vuole mantenere un basso profilo”. Lee Cheuk-yan: “Questo è ciò che gli abitanti del Territorio temono di più: essere presi da agenti cinesi e portati di nascosto oltreconfine”.

    Hong Kong (AsiaNews) – La vicenda dell’editore “sparito” a Hong Kong e con ogni probabilità oggi in un luogo segreto della Cina continentale non accenna a chiarirsi. Lee Bo, scomparso lo scorso 30 dicembre 2015, avrebbe inviato via fax una lettera a un collega in cui sostiene di “aver deciso di collaborare con la polizia a un’inchiesta importante”, mentre la moglie ha ritirato la denuncia per la sua sparizione alla polizia del Territorio. Ma i deputati democratici del Territorio puntano il dito contro Pechino e chiedono al governo locale di aprire un’inchiesta sulla vicenda.

    Lee Bo è il quinto dirigente della Causeway Bay Bookshop a scomparire. Il negozio e la casa editrice ad esso collegata sono noti per le loro pubblicazioni sulla lotta per il potere nella Cina continentale e sulla vita privata dei leader comunisti. In un primo momento, la moglie ha dichiarato di aver ricevuto tre chiamate dal marito provenienti da Shenzhen (Cina meridionale) e che per questo – spaventata – ha denunciato la sua scomparsa alle autorità di Hong Kong.

    Oggi però la donna ha ritrattato, probabilmente a causa di una lettera che Lee avrebbe inviato via fax a un collega. Nel testo, l’editore scrive di “aver deciso di collaborare con urgenza a una questione, un’inchiesta della polizia molto importante di cui nessuno deve sapere nulla”. Inoltre, aggiunge di “essere entrato in Cina in maniera autonoma”. Su quest’ultimo punto, però, due deputati democratici del Territorio hanno sollevato molte questioni.

    James To Kun-sun e Michael Tien Puk-sun hanno partecipato a un programma radio molto popolare per discutere della sparizione: “Per moltissimi anni – ha dichiarato il primo – Lee ha evitato con cura di entrare nella Cina continentale sapendo cosa rischiava. E ora ‘in maniera autonoma’ va lì, senza passare dalle dogane, e ci rimane?”. Il suo collega ha aggiunto: “Perché non ha usato il documento di libero accesso [sorta di visto permanente per i residenti di Hong Kong e Macao, che permette l’ingresso e l’uscita dal Paese ndr] se è andato in maniera libera?”. I due hanno poi annunciato di aver chiesto al Capo dell’Esecutivo di aprire un’indagine sulla vicenda.

    Il quotidiano in lingua inglese del governo cinese, il Global Times, è intervenuto per la seconda volta sulla sparizione: “Anche se la Causeway Bay Books è aperta a Hong Kong, il danno che ha creato contro la nostra nazione è già entrato nella madrepatria. Lee Bo questo lo sa bene. E probabilmente vuole collaborare mantenendo un basso profilo”.

    Lee Cheuk-yan, deputato democratico e segretario dell’Alleanza per il sostegno dei movimenti democratici e patriottici in Cina, conclude: “Tutto questo dimostra che Lee Bo è sotto inchiesta in Cina perché la sua libreria e casa editrice hanno insultato la Cina. E questo è quello che gli abitanti di Hong Kong temono di più: essere arrestati da agenti cinesi qui ed essere portati di nascosto oltreconfine”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/01/2016 HONG KONG – CINA
    La sparizione dei librai imbarazza Pechino e spacca il governo di Hong Kong
    I cinque editori, critici nei confronti del governo cinese, sono oramai confermati in Cina. Ma l’esecutivo del Territorio sembra incapace di tutelare i loro diritti. La popolazione continua a protestare e la società civile chiede di “fare qualcosa”. La difesa incongruente dei giornali di Stato.

    04/01/2016 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, “spariti” i proprietari di una libreria critica nei confronti di Pechino
    Lee Bo è il quinto dirigente della Causeway Bay Bookshop a scomparire. Il negozio e la casa editrice collegata sono noti per il loro lavoro sulla lotta per il potere nella Cina continentale e sulla vita privata dei leader comunisti. La popolazione del Territorio in piazza chiede notizie sulla loro sorte. Il Capo dell’Esecutivo: “Inaccettabile se ci fossero dietro le agenzie di sicurezza cinesi, ma non abbiamo prove”. I deputati democratici convinti invece del coinvolgimento del Partito.

    01/03/2016 11:55:00 CINA – HONG KONG
    Hong Kong, la “confessione televisiva” dell’editore sparito Lee Bo

    Per la prima volta dalla sua scomparsa, il fondatore della Causeway Bay Bookshop appare sulla Phoenix Tv (vicina al governo di Pechino). Sarebbe andato nella Cina continentale “di sua spontanea volontà” per cooperare ad una “inchiesta”. Altri tre membri dello staff della casa editrice hanno già “confessato”. La pratica è divenuta comune per diffamare i dissidenti.



    18/01/2016 08:53:00 CINA - HONG KONG
    Cina, uno dei cinque editori scomparsi “confessa” in tv. Ma i conti non tornano

    I media ufficiali lanciano un'intensa campagna contro l’editore scomparso Gui Minhai. Egli è accusato di aver ucciso una donna mentre guidava ed essere poi fuggito in una nazione straniera. Una nuova lettera di Lee Bo si unisce alle accuse. Sospettosi gli utenti di internet.



    29/01/2014 HONG KONG - CINA
    Una nuova Rivoluzione culturale: la guerra della Cina contro le pubblicazioni di Hong Kong
    L'editore Yao Wentian, che stava per pubblicare un libro su Xi Jinping, è stato arrestato con l'inganno. Da alcuni anni Pechino fa di tutto per distruggere e bloccare libri, riviste, giornali che si pubblicano nel territorio. Una guerra "senza spari e senza fumo" che la Cina sembra vincere, anche se nasconde i suoi veri problemi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®