25 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/11/2016, 10.18

    COREA DEL SUD

    Seoul, decine di migliaia in piazza contro la Park: “Si dimetta”



    È la più grande manifestazione dagli anni ’90, la terza in pochi giorni. Sotto accusa i rapporti della presidentessa con Choi Soon-sil, la “Rasputin di Corea”. Persone sono giunte da ogni parte del Paese. Una fiaccolata verso la Casa Blu.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Decine di migliaia di persone marciano in queste ore per le vie di Seoul chiedendo le dimissione della presidentessa Park Gun-hye, messa alla gogna per i suoi rapporti con Choi Soon-sil, la “Rasputin di Corea”. Si tratta della terza manifestazione nel giro di pochi giorni contro la leader e la polizia si aspetta almeno 170mila persone. Secondo gli organizzatori il numero di manifestanti arriverà al milione, il che farebbe della marcia la più numerosa dagli anni ’90 in Corea del Sud.

    Lo scandalo politico che sta travolgendo la Park deriva dai suoi rapporti con Choi Soon-sil, arrestata la scorsa settimana con l’accusa di aver influenzato la presidentessa editando i suoi discorsi e consigliandola al di fuori di ogni canale ufficiale. La donna avrebbe consigliato la presidentessa assunzioni di persone nel governo e avrebbe usato la sua influenza sulla Park per ricevere fondi da compagnie coreane, appropriandosi di denaro destinato a organizzazioni no-profit.

    Choi Soon-sil, 60 anni, è amica della Park dagli anni ’70. Suo padre, Choi Tae-min, ora defunto, era un personaggio ambiguo. Prima monaco buddista, poi pastore cristiano, poi leader di una Chiesa della Vita eterna, egli ha incontrato e confortato la Park dopo l’assassinio della madre, la moglie del dittatore Park Chung-hee, uccisa nel 1974.

    La Park si è scusata più volta con la nazione per aver “posto troppa fede nelle relazioni personali e non aver controllato in modo attento quello che accadeva”. La presidentessa ha dichiarato che coloro che verranno riconosciuti colpevoli verranno puniti, ma l’opinione pubblica non sembra accontentarsi e vuole le sue dimissioni.

    “Sono qui per chiedere l’allontanamento di Park Geun-hye – dice Cho Ki Mang, uno dei manifestanti –, le sue scuse non valgono nulla e deve andarsene”. Migliaia di persone hanno viaggiato per centinaia di chilometri da ogni parte del Paese per partecipare alla marcia. Questa è iniziata alle 4 di pomeriggio (ora locale) con una fiaccolata partita dalla Seoul City Hall e diretta verso la Casa Blu, residenza presidenziale.

    Molti analisti coreani pensano che la Park riuscirà a portare a termine l’ultimo anno di mandato della sua presidenza. I parlamentari dell’opposizione, infatti, non hanno ancora chiesto le sue dimissioni, sembrando più interessati ad ottenere più concessioni politiche dalla presidentessa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/11/2016 14:55:00 COREA DEL SUD
    Un milione di sudcoreani chiedono le dimissioni della presidentessa Park Geun-hye

    Durante il quarto week end di proteste, il popolo sudcoreano continua ad affollare le strade della capitale. L’ufficio presidenziale rigetta le accuse dei procuratori, che dichiarano Park “complice” e “indiziata”. 



    29/11/2016 08:38:00 COREA DEL SUD
    Park: pronta a dimettermi, il parlamento deciderà del mio futuro

    Il presidente coreano si è detto pronto a lasciare il potere “quando i partiti si accorderanno per ridurre la confusione e trasferire i poteri in modo sicuro”. Il 2 dicembre l’opposizione presenterà la mozione per l’impeachment al parlamento. Park sarebbe il primo presidente ad abdicare dal 1960.



    09/12/2016 09:00:00 COREA DEL SUD
    Il parlamento coreano vota l’impeachment della presidente Park Geun-hye

    Contro di lei hanno votato anche membri del suo partito. Si attende ora la decisione della Corte costituzionale. Se viene estromessa, la Park sarebbe il primo presidente sudcoreano a subire tale sorte.



    31/10/2016 09:06:00 COREA DEL SUD
    La “Rasputin della Corea” è tornata in patria per lo scandalo sui discorsi della presidente Park

    Choi Soon-sil, 60 anni, è amica e confidente della Park dai tempi dell’uccisione della madre, nel 1974. Choi padre era un personaggio ambiguo, prima monaco buddista, poi pastore cristiano, poi leader di una Chiesa da lui fondata. Manifestazioni a Seoul e a Busan che accusano la Park di essere “un burattino” della Choi.



    16/01/2017 11:57:00 COREA DEL SUD
    Mandato d'arresto per Lee Jae-yong, vicecapo della Samsung coinvolto nello scandalo della presidente Park

    Avrebbe versato tangenti a Choi Soon-sil per più di 36 milioni di dollari Usa. Per gli inquirenti, nel 2015 il gruppo avrebbe anche finanziato una società sportiva di proprietà di Choi per 18,3 milioni di dollari Usa.





    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®