22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/06/2013, 00.00

    COREA DEL SUD – CINA

    Seoul e Pechino “pronte a unirsi” per frenare Pyongyang



    La presidente sudcoreana parte domani per la Cina, dove incontrerà Xi Jinping. Gli analisti ottimisti: “Possono trovare una soluzione congiunta per bloccare le minacce della Corea del Nord”. In agenda anche i rapporti economici bilaterali: lo scorso anno la bilancia commerciale ha superato i 53 miliardi di dollari.

    Seoul (AsiaNews) - Rapporti con la Corea del Nord, bilancia commerciale e "pace" nell'Asia orientale: sono i temi al centro dell'agenda preparata per l'incontro bilaterale fra il presidente cinese Xi Jinping e la sua controparte coreana, Park Geun-hye. La visita inizia domani a Pechino e andrà avanti per 3 giorni, nel corso dei quali la delegazione della Corea del Sud visiterà anche Xi'an e Shanghai. Insieme alla leader di Seoul ci sarà un folto gruppo di investitori, pronti a firmare nuovi contratti con la Cina.

    Al primo punto dei colloqui c'è la necessità di trovare una soluzione comune al problema posto dalla Corea del Nord, sempre meno incline a dare ascolto a Pechino per quanto riguarda la sua politica estera. Con la morte del "caro leader" Kim Jong-il e l'ascesa al potere del figlio Jong-un, il governo di Pyongyang sembra infatti sempre più fuori controllo. Alle minacce di propaganda, i militari del Nord hanno aggiunto nuovi test nucleari e missilistici chiarendo che "sono in grado di colpire anche gli Stati Uniti".

    La Park ha dichiarato ai ministri del suo governo che un'iniziativa di pace con Pyongyang "dipende in larga parte da quanta cooperazione si potrà ottenere da Pechino". La Cina è l'ultima alleata del regime del Nord, ma i rapporti fra i due Stati stanno peggiorando: Pechino è arrivata a votare a favore delle ultime risoluzioni varate dall'Onu contro il suo alleato, colpevole di aver condotto nel febbraio 2013 un test atomico non autorizzato.

    Secondo gli analisti coreani, la tempistica è perfetta per giungere a una soluzione: "Xi ha incontrato Obama ed entrambi i leader si sono dichiarati d'accordo sulla necessità di frenare le ambizioni nucleari dei Kim. E quando è stata la Park a incontrare il presidente americano il risultato è stato lo stesso. È logico pensare che Seoul e Pechino siano sulla stessa lunghezza d'onda".

    Occhi puntati anche sull'economia, tema caldo per entrambe le nazioni. Dopo aver normalizzato i rapporti diplomatici nel 1992 - dopo le tensioni provocate dalla Guerra di Corea - la Cina ha scalato la classifica dei maggiori partner commerciali di Seoul e al momento è al primo posto delle nazioni che fanno affari con il Sud, dopo aver scalzato gli Stati Uniti. La bilancia commerciale bilaterale ha superato lo scorso anno i 53 miliardi di dollari americani.

    Secondo Jin Canrong, docente di Studi internazionali all'università Renmin di Pechino, Seoul potrebbe divenire un "ponte" fra la Cina e gli Stati Uniti: "La Corea del Sud deve essere amica di entrambi. Per farlo deve agire come nazione 'di contatto'. D'altra parte gli strateghi sudcoreani sono molto intelligenti: con Washington puntano sui valori comuni, come la democrazia; con Pechino parlano invece delle radici culturali comuni, come il confucianesimo".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/06/2013 CINA – COREA
    Pechino e Seoul d’accordo: Inaccettabili le armi nucleari in Corea del Nord
    Park Geun-hye inizia la sua visita di Stato in Cina con un successo: Xi Jinping si schiera con il Sud contro l’arsenale atomico del regime dei Kim. Rilanciati i rapporti economici bilaterali, pronto un piano per un libero scambio commerciale.

    05/11/2012 COREA DEL SUD – CINA
    Seoul “minaccia” Pechino: migliorate i prodotti o chiudiamo i rapporti economici
    Nel corso di un incontro fra docenti e analisti sul futuro della Cina nell’era di Xi Jinping emergono i problemi maggiori fra i due Paesi asiatici: diplomazia, storia, cultura, ma soprattutto economia e commercio. La Corea “non ha un bisogno disperato di Pechino, che deve decidersi a migliorare i suoi prodotti”.

    20/08/2015 COREA – CINA
    Pechino, la Park parteciperà alle celebrazioni per i 70 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale
    La leader della Corea del Sud ha deciso di accettare l’invito di Xi Jinping, respinto da molti leader occidentali. Nei tre giorni di visita previsto un incontro bilaterale con il presidente cinese. Attesa per la decisione di Pyongyang.

    20/01/2015 COREA
    Corea, Seoul propone una "road map" pratica per la (futura) riunificazione
    L'atteggiamento oltranzista della presidente Park non convince i sudcoreani, e nei sondaggi la sua popolarità cala. Dall'inizio del 2015 il suo governo sembra aver cambiato rotta nei rapporti con il Nord: presentato un piano tecnico per unire i due Paesi con una ferrovia; centri culturali nelle due capitali e soprattutto una legge identica per quando si riuniranno.

    02/10/2014 COREA DEL NORD - CINA
    Pyongyang: Kim Jong-un dimentica "l'amicizia speciale" fra Corea del Nord e Cina
    Nel tradizionale messaggio d'auguri inviato dal dittatore nordcoreano ai vertici di Pechino non si fa menzione, per la prima volta da decenni, del "legame particolare" che unisce le due nazioni. Esperti concordi: "In atto uno scontro diplomatico, nessuno può fare marcia indietro".



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®