09/11/2018, 13.31
CINA-VATICANO
Invia ad un amico

Sequestrato dalla polizia mons. Shao Zhumin, vescovo di Wenzhou

di Bernardo Cervellera

Subirà isolamento e indottrinamento per 10-15 giorni. I fedeli domandano preghiere a tutta la Chiesa nel mondo. Mons. Shao è riconosciuto dalla Santa Sede, ma non dal governo. Nella diocesi comunità ufficiale e sotterranea sono unite. Proibito a sacerdoti ufficiali di andare a rendere omaggio a tombe di sacerdoti e vescovi sotterranei. Divieto di partecipazione a messa e catechismo per i giovani sotto i 18 anni. La Chiesa deve rimanere “indipendente” nonostante l’accordo sino-vaticano.

Roma (AsiaNews) – Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang), mons. Pietro Shao Zhumin, è stato sequestrato dalla polizia questa mattina alle 9 e verrà tenuto lontano dalla diocesi per “10 o 15 giorni”.

Di solito tali sequestri che avvengono contro la volontà del vescovo, vengono definiti dalla polizia come dei “periodi di vacanza”. Essi in realtà sono periodi di interrogatori e indottrinamento. I fedeli della diocesi hanno invitato tutte le comunità e la Chiesa nel mondo a pregare per il vescovo.

Mons. Shao, 55 anni, appartiene alla comunità non ufficiale, non riconosciuta dal governo, ma egli è riconosciuto dalla Santa Sede come vescovo di Wenzhou. Negli ultimi due anni, è stato portato via dalla polizia almeno 5 volte. L’ultima volta è stato nel maggio 2017 e liberato dopo 7 mesi.

Essendo un vescovo “sotterraneo”, nei periodi di sequestro egli viene spinto a sottomettersi alla politica religiosa della Cina, che esige la registrazione presso il governo e l’appartenenza all’Associazione patriottica (Ap). Ma tale appartenenza implica l’adesione al progetto di una Chiesa “indipendente” [dalla Santa Sede], che mons. Shao rifiuta. Anche la Lettera ai cattolici cinesi di Benedetto XVI giudica lo statuto dell’Ap come “inconciliabile con la dottrina cattolica”.

Pur essendo un vescovo “sotterraneo”, mons. Shao è apprezzato anche dalla comunità ufficiale La comunità cattolica di Wenzhou ha circa 130mila fedeli, più di 80mila appartenenti alla comunità non ufficiale; i sacerdoti sono 70, divisi equamente fra i due rami. Per decenni la Chiesa di Wenzhou è stata fortemente divisa. Ma ormai le due comunità operano insieme.

Nella Chiesa unita di Wenzhou, anche i sacerdoti ufficiali subiscono restrizioni e controlli. Durante l’ottavario dei defunti, ai sacerdoti ufficiali è stato proibito di visitare la tomba di alcuni sacerdoti e vescovi sotterranei, molto stimati da tutti i fedeli.

Nelle chiese ufficiali e non ufficiali, alla domenica, la polizia proibisce ai minori di 18 anni di entrare in chiesa e vigila che non ci sia catechismo domenicale.

Dopo l’accordo fra Cina e Vaticano sulle nomine dei vescovi l’Ap ha incrementato i controlli e la persecuzione contro le comunità sotterranee, e ha ribadito negli incontri con il clero ufficiale che la Chiesa cinese rimane “indipendente”, nonostante l’accordo.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La vergogna verso mons. Shao Zhumin, vescovo sequestrato dalla polizia
13/11/2018 09:46
I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica
24/07/2017 08:30
Hebei, da oltre un mese quattro sacerdoti sotterranei sottoposti a ‘lavaggio del cervello’
14/11/2018 11:45
Wenzhou: mons. Shao è tornato in diocesi scortato dalla pubblica sicurezza
17/06/2017 12:33
La festa per il ritorno di mons. Shao Zhumin a Wenzhou (Video)
31/01/2018 11:47