21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 10/12/2007, 00.00

    CINA

    Shanxi: tra i morti in miniera, almeno 50 soccorritori non preparati



    Secondo i media statali cinesi, metà delle 105 vittime del disastro nella miniera Rui Zhiyuan erano membri delle squadre di soccorso non addestrati per il loro lavoro. Conferma un sopravvissuto: avevamo le maschere anti-gas, ma non sapevamo usarle.
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Metà delle 105 vittime del disastro nella miniera Rui Zhiyuan, nei pressi della città di Linfen (Shanxi, Cina centrale), erano membri delle squadre di soccorso non addestrati per il loro lavoro. Lo riportano i media statali cinesi.
     
    L’incidente, avvenuto nella contea di Hongtong, si è verificato lo scorso 5 dicembre: almeno 50 persone sono state inviate sotto terra dai dirigenti della miniera senza alcuna preparazione. Il loro scopo era quello di recuperare i minatori intrappolati. Yang Tianming, uno dei minatori, spiega: “Molte persone sono state buttate sotto terra in maniera inutile: hanno sacrificato la loro vita per nulla”. Mao Caoling, un suo collega, aggiunge: “Non abbiamo mai ricevuto alcun addestramento per operazioni del genere. Non sappiamo cosa fare o non fare, in casi come questi. Avevamo maschere anti-gas, ma nessuno sapeva usarle: molti sono morti soffocati”.
     
    La China Central Television ha annunciato inoltre che “le operazioni di soccorso sono terminate. Dirigenti locali stanno investigando su cosa sia avvenuto e di chi sia la responsabilità per questo disastro. Chi è rimasto sotto terra, è morto”.
     
    Fino ad ora, la polizia ha fermato 33 persone: 5 sono state arrestate. I media governativi puntano il dito contro la dirigenza della miniera, statale: avrebbero scavato in un’area non autorizzata. Il governo ha deciso di risarcire i parenti dei minatori morti, ma non ha chiarito l’ammontare del risarcimento.
     
    Le miniere della Cina sono le più pericolose al mondo. Per rispondere alla crescente richiesta di energia nel Paese – basata al 70% sul carbone – i proprietari delle miniere spingono all’estremo lo sfruttamento di giacimenti senza curarne la sicurezza.
     
    All’inizio di novembre il governo ha diramato le statistiche sulle morti in miniera. Negli ultimi 10 mesi vi sono stati 3069 vittime, il 19% in meno rispetto allo stesso periodo nello scorso anno. Le statistiche sono però poco attendibili perché molte morti non vengono denunciate per evitare la chiusura delle miniere, come stabilito dalla legge. Secondo statistiche indipendenti i morti in miniera sono 20 mila all’anno.
     
    Negli ultimi due anni il governo ha approvato regolamenti sulla sicurezza nelle miniere, ma la loro applicazione è molto vaga. Anche i colpevoli non vengono perseguiti: nel 2006, il 95% dei funzionari del Partito implicati nelle proprietà di miniere ove si sono verificati incidenti mortali, sono stati prosciolti.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/12/2007 CINA
    Shanxi, sale a 105 il bilancio dei morti nella miniera Rui Zhiyuan
    La polizia cinese ha arrestato questa mattina due dirigenti della miniera, accusati di aver cercato di insabbiare l’incidente, sprecando tempo utile per le ricerche ed i soccorsi ai minatori intrappolati. Incidenti anche nell’Hebei e nel Xinjiang.

    02/02/2006 Cina
    Shanxi, esplosione uccide 23 minatori

    L'ossido di carbonio liberato dallo scoppio ha intossicato altri 53 lavoratori: uno è in condizioni critiche. La provincia è la più grande produttrice di carbone della Cina, ma anche una delle più pericolose. Il governo ha chiuso 4.876 gallerie di estrazione illegali.



    26/05/2006 Cina
    Shanxi: dopo il disastro in miniera, sospesi funzionari del governo

    Le autorità di Datong hanno rimosso dal loro incarico il sindaco di un villaggio ed il segretario del Partito comunista locale, sembra con l'accusa di corruzione. Sempre di meno le speranze di salvezza per i 57 minatori intrappolati dall'inondazione.



    02/11/2005 Cina
    Shanxi: esplode una miniera di carbone, muoiono 17 persone

    La potenza della detonazione ha colpito anche una miniera confinante. Secondo il direttore dell'Amministrazione statale per la sicurezza sul lavoro: "la corruzione, vera causa degli incidenti minerari". 



    10/12/2004 CINA
    Shanxi: 33 vittime nell'esplosione di una miniera




    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®