28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/06/2009
IRAN
Si fa rovente il clima politico alla vigilia delle incerte elezioni iraniane
Una lettera contro Ahmadinejad dell’ex presidente Rafsanjani alla Guida suprema, un monito del capo della Guardia rivoluzionaria ai riformisti, la chiusura ordinata all’unico quotidiano schierato con Mousavi indicano il crescere della tensione. Domani il voto, sabato i risultati sui quali nessuno avanza previsioni.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Si è improvvisamente fatto rovente il clima politico in Iran, alla vigilia del voto per la presidenza della Repubblica. L’ex presidente Akbar Hashemi Rafsanjani, attuale capo dell’autorevole Expediency Council, ha scritto alla Guida suprema, ayatollah Ali Khamenei per chiedere riparazione riguardo ad accuse lanciategli dall’attuale presidente Mahmoud Ahmadinejad; il capo della potente Guardia rivoluzionaria – dalla quale proviene lo stesso Ahmadinejad – ha pubblicamente messo in guardia i “riformisti” dal tentare una “rivoluzione di velluto” e il procuratore generale Saeed Mortasavi ha ordinato la chiusura di Yas-e No, l’unico quotidiano schierato con il principale rivale di Ahmadinejad, l’ex premier Mir Hossein Mousavi.
 
Sono tutti segnali che sembrano lasciar trasparire la scelta di Khamenei, massima autorità del Paese, a favore di Ahmadinajad e, al tempo stesso, il timore che possa ripetersi quanto accadde nel 1997, quando Mohammed Khatami batté l’allora candidato della Guida suprema che era l’ayatollah Nateq-Nuri. Allora Khatami ebbe oltre il 70% dei voti e Khamenei non poté farci nulla.
 
Questa volta la Guida suprema sembra aver deciso di appoggiare Ahmadinejad - che quattro anni fa non era la sua prima scelta, ma col quale appare aver trovato un modus vivendi - e cerca di evitare il ripetersi del successo di un “riformatore”, quale è Mousavi. Ufficialmente, Khamenei ha dichiarato di non voler dire per chi voterà, ma ultimamente è più volte uscito con lodi all’attuale governo. A confermare tale linea, sia la presa di posizione della Guardia, sia il silenzio col quale è stata accolta la richiesta di Rafsanjani, che domandava di poter rispondere in televisione – che la Guida suprema controlla - alle accuse di corruzione lanciategli in un trasmissione da Ahmadinejad.
 
Ancor più legata a Khamenei è la Guardia rivoluzionaria, uno dei pilastri del regime degli ayatollah. Il capo politico della Guardia, Yadollah Javani, ha avvertito coloro che volessero dar vita a una “rivoluzione di velluto”, che tale tentativo sarebbe “soffocato in boccio”. “Ci sono numerose indicazioni che alcuni gruppi estremisti hanno scelto una rivoluzione colorata” ha detto, aggiungendo di vedere segnali di una rivoluzione di velluto. Il riferimento, trasparente, è a Mousavi e ai suoi sostenitori, a quanto accadde in Cecoslovacchia nel 1989, quando gli studenti con una serie di pacifiche manifestazioni spinsero alla caduta il regime comunista – e fu chiamata rivoluzione di velluto – e a quanto accaduto in Ucraina nel 2004 con la “rivoluzione arancione”, che portò alla sconfitta del regime filorusso. I sostenitori di Mousavi sventolano e indossano sciarpe, fazzoletti e bandiere di colore verde.
 
In questo quadro, anche la lettera, resa pubblica, di Rafsanjani a Khameni – del tutto inusuale – appare legata alla campagna elettorale, ma sul fronte opposto.
 
Con tutto ciò, nessuno si azzarda a fare previsioni sull’andamento del voto. Tra l’altro per una caratteristica particolare del Paese: quasi la metà dei circa 46 milioni di votanti ha meno di 30 anni e in sei milioni voteranno per la prima volta. Come è andata, si dovrebbe sapere sabato notte, un eventuale ballottaggio ci sarà il 19.
 
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/06/2009 IRAN
Va oltre ogni previsione la partecipazione degli iraniani al voto
09/06/2009 IRAN
Entusiasmo e partecipazione degli iraniani per l’elezione del nuovo capo dello Stato
25/10/2007 IRAN -USA
Sanzioni Usa per il “terrorismo” e l'“economia” delle Guardie islamiche rivoluzionarie
23/07/2009 IRAN
Il caso Mashai evidenzia un contrasto tra Ahmadenejad e Khamenei
02/07/2009 IRAN
Preoccupata per la protesta che continua, Teheran indurisce la repressione

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate