06/11/2012, 00.00
PALESTINA - ISRAELE
Invia ad un amico

Suore e cristiani di Betlemme: rosari sui mitra dei soldati israeliani

Iniziato nel 2005, il gesto si ripete ogni venerdì pomeriggio e coinvolge centinaia di persone. Esso è promosso dalle suore Francescane Elisabettiane del Caritas Baby Hospital di Betlemme, unico ospedale pediatrico della Palestina.

Betlemme (AsiaNews) - Con un rosario davanti al muro della West Bank, le suore Francescane Elisabettiane del Caritas Baby Hospital di Betlemme promuovono la pace fra israeliani e palestinesi. "Questa è la nostra intifada pacifica", racconta suor Donatella Lessio, promotrice dell'iniziativa e responsabile del Quality Care Management e della formazione del personale ospedaliero del Caritas Baby Hospital, unica clinica pediatrica dei territori palestinesi. "A volte - continua la religiosa - i soldati hanno paura e ci puntano contro i mitra. Ma noi rispondiamo con la preghiera e ponendo i nostri rosari davanti alle loro armi". Iniziato nel 2005, agli albori della costruzione della barriera "difensiva", il gesto coinvolge ogni venerdì pomeriggio le religiose e decine di fedeli cristiani della Palestina, che attraverso la preghiera si oppongono alla rigidità dei militari israeliani e agli slogan di odio degli islamisti.

Voluto da Ariel Sharon nel 2005 per difendere gli israeliani dagli attacchi terroristi, il muro isola dal mondo la popolazione palestinese costretta ogni giorno a code interminabili per recarsi sul posto di lavoro o per raggiungere parenti residenti nello Stato di Israele. I militari non solo bloccano l'ingresso di medicinali, aiuti umanitari e qualsiasi materiale utile alla sopravvivenza, ma impediscono a chi vive al di là della West Bank di conoscere la drammatica situazione dei territori. Nessun cittadino di Israele può varcare il muro. Chi entra lo fa a proprio e rischio e pericolo.

Oltre a limitare gli spostamenti di persone e beni, il muro è un ostacolo soprattutto per gli ospedali della Palestina, che per gli scarsi finanziamenti sono costretti a trasferire i propri pazienti in strutture israeliane. Il Caritas Baby Hospital dista solo 200 metri dalla barriera e senza il muro le ambulanze impiegherebbero poche decine di minuti per raggiungere Gerusalemme. Tuttavia, per passare dall'altra parte è necessario un permesso speciale, che risente dei meccanismi tipici della burocrazia. Spesso ci vogliono ore di attesa anche per i trasferimenti urgenti. Tali tempistiche da frontiera hanno provocato più di una volta la morte di bambini e neonati in fin di vita. (S.C.)

 

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Manila, 29 anni dopo ritorna il "People Power": Via il presidente Aquino
25/02/2015
Vescovi: un milione di rosari per combattere la legge pro-aborto
16/11/2010
Settimana santa, le restrizioni al confine fra Israele e Palestina fanno diminuire i pellegrini
18/04/2011
Vescovo di Gerusalemme: no al muro di Cremisan, minaccia alla pace
29/04/2013
Approvate migliaia di nuove case per i coloni israeliani nei territori occupati
12/08/2011