17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/03/2010, 00.00

    ISRAELE-PALESTINA

    Tensione alta a Gerusalemme dopo gli incidenti di ieri



    La polizia israeliana rafforza la sua presenza intorno alla Spianata delle moschee. Il governo palestinese si riunisce a Hebron. Dure reazioni del mondo musulmano. Per Peace Now, il progetto di costruire nuove case a Gerusalemme est “mira ad affondare la soluzione dei due Stati”.
    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – La polizia israeliana, stamattina ha rafforzato la sua presenza intorno alla Spianata delle moschee, a Gerusalemme, dove è vietato l’accesso a uomini di età inferiore a 50 anni, mentre il governo palestinese, sempre oggi, terrà la sua riunione a Hebron. Entrambi i luoghi, ieri e nei giorni scorsi, sono stati al centro di scontri tra palestinesi e polizia israeliana.  
     
    Sembra dunque destinata a non calare la tensione tra israeliani a palestinesi seguita all’annuncio del governo di Benjamin Netanyahu di voler includere la Tomba dei patriarchi e quella di Rachele (entrambe a Hebron, in Cisgiordania) tra i luoghi santi israeliani. La decisione governativa è giunta all’indomani dell’approvazione di un progetto per la costruzione di 600 nuove case a Gerusalemme est, internazionalmente considerata zona occupata. La mossa è stata vista dai palestinesi come una ulteriore prova della volontà israeliana di andare avanti con la realizzazione di insediamenti nei territori occupati. Proprio alla fine della costruzione di nuove colonie e dell’ampliamento di quelle esistenti - chiesta anche dagli Stati Uniti e dall’Onu - i palestinesi hanno legato la ripresa dei colloqui di pace.
     
    Nel nuovo progetto a Gerusalemme est, inoltre, i musulmani vedono la prosecuzione del piano di “giudaizzare” l’intera Città santa.
     
    La stessa accusa riguarda Hebron: la Tomba dei patriarchi è, per i musulmani, la moschea di Ibrahim e la tomba d Rachele è la moschea Bilal ben Rabah. Hebron, inoltre, è una delle principali città della Cisgiordania, abitata da 160mila palestinesi, al centro della quale c’è una colonia “fortificata” di 600 israeliani, mentre un’altra, Kyriat Arba, con 6.500 coloni è in periferia. L’annuncio di Netanyahu ha provocato le proteste dei palestinesi e gli scontri con la polizia.
     
    Gli incidenti di Gerusalemme, invece, sono stati causati dall’ingresso della polizia nella Spianata delle moschee. Un intervento dovuto a lanci di pietre da parte dei musulmani su coloro che si recavano verso il sottostante Muro del pianto.
     
    Dure le reazione del mondo musulmano alla “invasione” della Spianata. Il presidente dell’Organizzanizzazione della Conferenza islamica, Ekmeleddin Ihsanoglu, in un comunicato ha parlato di “pericoloso sviluppo nel quadro di un piano israeliano mirante ad asfissiare i santuari islamici”, aggiungendo che “qualunque danno alla moschea di Al Aqsa e agli altri luoghi santi” avrebbe “serie conseguenze” e sarebbe “un pericolo imprevedibile per la pace e la sicurezza del mondo”. Di “aggressione provocatrice” e di “ripercussioni pericolose” ha parlato anche re Abdallah di Giordania e termini analoghi sono stati usati dagli Emirati arabi che hanno chiesto alla comunità internazionale di intervenire per “proteggere i Luoghi santi musulmani e cristiani di Gerusalemme”.
     
    Quanto alle costruzioni annunciate a Gerusalemme est, nei giorni scorsi un portavoce del governo israeliano, Mark Regev, ha dichiarato che Israele segue due diverse linee per gli insediamenti: in Cisgiordania “ha accettato restrizioni senza precedenti, ma per Gerusalemme è diverso, è la nostra capitale”.
     
    Per Hagit Ofran, dell’israeliana Peace Now, il progetto di costruire a Gerusalemme est ha un obiettivo politico: “mira ad affondare la soluzione dei due Stati”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/07/2017 12:26:00 ISRAELE - PALESTINA
    La Tomba dei Patriarchi, Isacco ed Ismaele "spiegati" dallo statista israeliano Uri Avnery

    Una risoluzione Unesco aveva provocato sdegno perché diceva che il sito era “palestinese”. Ma l’indicazione non sarebbe di appartenenza, ma di semplice locazione. Il luogo è sacro per le tre religioni monoteistiche: secondo la Genesi, Ismaele e Isacco, progenitori di arabi ed ebrei, seppellirono insieme il padre.



    24/07/2017 08:21:00 GIORDANIA-ISRAELE
    Ambasciata di Israele ad Amman: due giordani uccisi e un israeliano ferito

    Le forze di sicurezza di Amman hanno sigillato e messo sotto controllo il quartiere. Poche notizie date dalla polizia giordana. Il ministero israeliano degli esteri pone la censura sull’accaduto. L’appello di papa Francesco.



    10/11/2014 ISRAELE-PALESTINA
    Giovane palestinese ucciso dalla polizia: gli arabi israeliani si ribellano
    L'uccisione "a sangue freddo" ha provocato manifestazioni a Kafr Kanna, Abu Gosh, Um-al-Fahem, Shaab e nelle università di Tel Aviv e Haifa. Netanyahu minaccia di togliere la cittadinanza israeliana ai manifestanti. Domani è il 10mo anniversario della morte di Yasser Arafat e si temono disordini.

    01/12/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Israele provoca la Palestina appena nata: 3mila nuovi insediamenti per tagliare in due la West Bank
    Per Hanan Ashrawi, la decisione di Israele è "un atto di aggressione". Le nuove costruzioni separano nord e sud della West Bank e rendono difficile la creazione di uno Stato palestinese omogeneo e contiguo. Dall'occupazione del 1967, vi sono almeno 100 insediamenti illegali per 500mila coloni israeliani.

    28/09/2010 ISRAELE - PALESTINA
    Le attività delle colonie affrettano la fusione di Israele e Palestina in un unico Stato
    La ripresa delle costruzioni israeliane nei territori occupati e a Gerusalemme est segnano l’impotenza di Netanyahu, la fragilità di Abou Mazen, la debolezza di Obama. Il territori strappati dalle colonie rendono impraticabile la nascita di uno Stato palestinese. Ma rendono impossibile anche l’idea di Israele come “casa per il popolo ebraico”. Il futuro è forse di uno Stato che accoglie arabi ed ebrei. Ma gli arabi saranno presto i più numerosi.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®