06 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/07/2011, 00.00

    CINA - VATICANO

    Timori e tensioni in Cina per una nuova ordinazione episcopale senza il mandato del papa

    Wang Zhicheng

    Il candidato è p. Joseph Huang Bingzhang, ambizioso e legato al mondo politico. La Santa Sede gli ha espresso più volte la sua contrarietà. L’Associazione patriottica programma altre ordinazioni episcopali illecite.
    Pechino (AsiaNews) – I cattolici cinesi sono “addolorati” e “preoccupati” alla notizia diffusa in questi giorni che il prossimo 14 luglio vi sarà a Shantou (Guangdong) una nuova ordinazione episcopale senza il mandato del papa.

    La nuova prova di forza del governo sulla Chiesa cattolica avviene a pochi giorni dalla dichiarazione vaticana che rifiutava l’ordinazione episcopale di Leshan, del 29 giugno scorso, e che ricordava la scomunica latae sententiae per il candidato ordinato e per gli ordinanti (v. 04/07/2011 La Santa Sede condanna l’ordinazione episcopale di Leshan).

    Se il candidato di Shantou si presenta all’ordinazione, sarà anch’esso scomunicato, come pure i vescovi ordinanti, a meno che essi possano portare prove di essere stati costretti a compiere il gesto da pressioni esterne, come è probabile.

    Il candidato ad essere vescovo di Shantou è il p. Joseph Huang Bingzhang, 44 anni, votato lo scorso 11 maggio in un’elezione completamente controllata dall’Associazione patriottica (Ap) (v. 16/05/2011 L’Associazione Patriottica minaccia 10 ordinazioni episcopali senza mandato del papa).

    Oltre alla manipolazione del risultato, il problema è che Shantou ha già un vescovo, nella persona di mons. Zhuang Jianjian, ordinato segretamente con l’approvazione della Santa Sede nel 2006. Ma l’Ap non lo riconosce come vescovo e ha sempre frenato la sua opera pastorale. Dal dicembre scorso egli è sempre controllato dalla polizia e la scorsa Settimana santa è stato impedito di svolgere il suo ministero.

    Fonti di AsiaNews confermano che p. Huang, persona molto ambiziosa e legata al mondo politico, era stato consigliato più volte dalla Santa Sede a non candidarsi all’elezione.

    Secondo informazioni di AsiaNews, l’Ap ha programmato diverse ordinazioni episcopali illecite per portare l Chiesa cinese a un scisma di fatto col il papa e la Chiesa universale.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2011 CINA - VATICANO
    Liaoning: sacerdoti a difesa del vescovo per non farlo andare a un’ordinazione illecita
    Mons. Pei Junmin ha ricevuto l’ingiunzione di partecipare all’ordinazione episcopale a Shantou il prossimo 14 luglio. Il candidato non ha alcun mandato papale. I suoi sacerdoti lo difendono dalla deportazione a forza.

    14/07/2011 VATICANO - CINA
    In pochi condividono “dolore e preoccupazione” del papa per la Chiesa in Cina
    La dichiarazione del direttore della Sala stampa vaticana sulla ordinazione illecita di Shantou. “Un atto contrario all’unità della Chiesa universale”. Ma nella Chiesa si prega troppo poco per la Cina; presidenti e segretari di Stato tacciono sulle violazioni ai diritti umani; l’economia vince su tutto. Ma con questa miopia si prepara per la Cina un enorme e violento scontro sociale.

    11/07/2011 CINA - VATICANO
    Vescovi del Guangdong rapiti dalla polizia per obbligarli all’ordinazione illecita di Shantou
    Tre vescovi sono stati portati via ieri; quello di Guangzhou è scomparso da giorni. A Shenyang mons. Pei Junmin, designato per essere il presidente della celebrazione, viene difeso dai suoi sacerdoti e fedeli con un sit-in non stop nella cattedrale. Per l’Ap il Vaticano “divide la Chiesa in Cina e crea sempre più dispute”.

    12/07/2011 VATICANO - CINA
    Propaganda Fide e la scomunica di p. Lei Shiyin
    La Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli spiega cause ed effetti della scomunica di p. Lei Shiyin, ordinato senza il mandato del papa lo scorso 29 giugno. Egli non può celebrare riti cattolici e non può governare la diocesi. La possibile cancellazione della scomunica e il perdono della Santa Sede non lo rendono automaticamente vescovo. I vescovi che hanno partecipato all’ordinazione sono ritenuti scomunicati a meno che non provino in modo evidente di essere stati costretti o forzati al gesto. Un appello alla preghiera per i vescovi alla vigilia di un’altra ordinazione episcopale illecita a Shantou.

    25/07/2011 CINA - VATICANO
    Pechino pontifica contro “le minacce” del Vaticano
    L’Amministrazione statale per gli affari religiosi difende l’integrità dei due vescovi scomunicati (di Leshan e Shantou) e scimmiotta il Vaticano dicendo che il gesto della Santa Sede porta “ferite” e “tristezza” fra i cattolici in Cina. Si riafferma la decisione di andare avanti con le ordinazioni senza mandato del papa, ma la “resistenza” di fedeli, sacerdoti e vescovi al loro strapotere è in aumento. Hu Jintao e Wen Jiabao dovrebbero mettere le mani sulle violazioni alla “società armoniosa” e sulla corruzione dei rappresentanti responsabili della politica religiosa.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®