23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/12/2016, 08.45

    CINA-USA-TAIWAN

    Trump mette in discussione “l’unica Cina”. Pechino lo accusa di ignoranza e minaccia ritorsioni

    Paul Wang

    In un’intervista diffusa ieri, il neo-presidente Usa rifiuta il quasi trentennale principio senza concessioni sul commercio o altri accordi. E difende il suo diritto di parlare con la presidente di Taiwan. Il Global Times lo accusa di essere “ignorante come un bambino” in politica estera. E minaccia il controllo totale sullo Stretto.

    Hong Kong (AsiaNews) – Il presidente eletto Donald Trump si domanda perché gli Stati Uniti dovrebbero tenere al principio della “unica Cina”, senza che Pechino faccia concessioni sul commercio o su altri temi. Sul giornale Global Times è giunta subito la risposta: Trump è un “ignorante e un bambino” in politica estera e il principio dell’unica Cina non è negoziabile. In più, il giornale si lancia in minacce di escalation militare sullo Stretto (di Taiwan) se gli Usa osano abbandonare il principio dell’unica Cina.

    Tale principio impone a tutti i partner diplomatici e commerciali di Pechino di riconosce la Repubblica popolare come unico rappresentante del popolo cinese, e di considerare l’isola di Taiwan una “provincia rinnegata”, in attesa di essere ricongiunta (o riconquistata) alla madrepatria.

    Già durante la campagna elettorale Trump ha criticato con forza la Cina per essere una “manipolatrice di moneta”, e di sostenere in modo ingiusto il suo export. A qualche giorno dalla sua elezione ha ricevuto una telefonata di congratulazioni dalla presidente taiwanese Tsai Ing-wen, suscitando le ire di Pechino.

    In un’intervista alla Fox News, diffusa ieri, egli ha dichiarato: “Non capisco perchè dobbiamo essere legati alla politica dell’unica Cina, senza un accordo con la Cina su altre cose, incluso il commercio”.

    Egli ha anche difeso il suo diritto di ricevere telefonate da chiunque, anche da Tsai Ing-wen: “Non voglio che la Cina mi detti quello che devo fare”, ha detto.

    Dal 1979 gli Usa hanno instaurato rapporti diplomatici con Pechino e interrotto quelli con Taiwan (dove sarebbe il governo della “Repubblica di Cina”, rifugiatosi nell’isola ai tempi di Chiang Kai-shek). In compenso gli Stati Uniti si sono impegnati per una riunificazione pacifica dei due lati dello Stretto (di Taiwan) e in caso di aggressione armata da parte di Pechino, gli Usa avrebbero difeso l’isola.

     “Taiwan” è un tema sensibilissimo per il Partito comunista cinese che con toni patriottici e nazionalisti si vanta di tenere insieme tutti i territori cinesi, di averli riconquistati dagli antichi poteri coloniali.

    La risposta odierna del Global Times (magazine vicino al Quotidiano del popolo, organo ufficiale del Partito comunista cinese) è molto dura. Anzitutto esso bolla Trump di essere “in politica estera ignorante come un bambino”; poi afferma che “il principio dell’unica Cina non è qualcosa che si possa negoziare… Trump pensa che si possa dare un prezzo ad ogni cosa”. Seguono poi velate minacce: “Se Trump abbandona il principio dell’unica Cina, Pechino “metterà in atto una serie di decisive politiche verso Taiwan. Dimostreremo che gli Stati Uniti non sono più i dominatori dello Stretto di Taiwan”.

    Nell’intervista alla Fox News, Trump ribadisce le accuse contro Pechino sulla svalutazione mirata dello yuan, sulla politica verso la  Corea del Nord e sulle tensioni nel Mar Cinese meridionale.

    Ricordando poi la telefonata con Tsai Ing-wen, egli ha detto: ““È stata una telefonata molto carina. Breve. E perché qualche altra nazione dovrebbe avere il potere di dirmi che non posso prendere una telefonata?”.

    Il Global Times mette in guardia Trump dall’usare il principio dell’unica Cina come una leva per forzare Pechino a fare concessioni su commercio e altri temi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/02/2017 08:35:00 CINA-USA
    Prima telefonata “cordiale” fra Trump e Xi Jinping. Ribadita “l’unica Cina”

    I due hanno deciso di collaborare in aree di “mutuo interesse”. Riaffermando il principio dell’unica Cina si disinnesca una fonte di inquietudine e di possibili guerre. La conversazione avviene a poche ore dall’arrivo di Shinzo Abe negli Usa.



    21/01/2017 11:15:00 VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri

    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.



    17/03/2017 12:30:00 TAIWAN - CINA
    Missili di Taiwan contro la Cina; la riunificazione da ottenere con la forza

    Per la prima volta il ministro della difesa Feng Shih-kuan dichiara che l’isola può colpire obiettivi in Cina fino a 1500 km. L’escalation militare fra i due lati dello Stretto. Trump pronto a consegnare nuove armi sofisticate a Taiwan.



    03/12/2016 08:44:00 CINA-USA-TAIWAN
    Tsai Ing-wen telefona a Trump. Pechino indispettita

    Scambio di congratulazioni fra i due presidenti; dialogo su “gli stretti rapporti economici, politici e di sicurezza fra Taiwan e gli Stati Uniti”. Un fatto che non succedeva da quasi 40 anni. Trump si difende: “Gli Usa vendono a Taiwan miliardi di equipaggiamenti militari, ma io non dovrei accettare una telefonata di congratulazioni”. Ipotesi sul cambiamento della politica Usa nei confronti di Pechino.



    07/04/2017 12:45:00 USA-CINA
    L’incontro fra Trump e Xi, un summit di 'amicizia'

    La cena in onore degli ospiti cinesi in contemporanea con l’attacco alla base siriana. Entrambi i due presidenti hanno bisogno di mostrare che l’incontro è u successo. Ma i passi da fare da parte della Cina sono molto onerosi.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®