19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/10/2014, 00.00

    ISRAELE

    Ucciso a Gerusalemme il palestinese sospettato di aver sparato a un rabbino



    La polizia sostiene che l'uomo sospettato dell'attentato ha aperto il fuoco contro gli agenti dell'antiterrorismo che avevano circondato la sua casa. Il rabbino è leader di un movimento di destra che vuole "il ritorno" degli ebrei al Monte del Tempio, dove sorgono la moschea di al-Aqsa e la Cupola della Roccia.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - E' stato ucciso stamattina Mu'taz Hijazi, il palestinese sospettato di essere autore dell'attentato contro Yehuda Glick, un rabbino leader del movimento Temple Mount and Eretz Yisrael Faithful, di destra. Il movimento rivendica il diritto per gli ebrei di andare a pregare sul Monte del Tempio, dove sorgono la moschea di al-Aqsa e la dorata Cupola della Roccia, terzo luogo santo per i musulmani.

    A quanto riferito dal portavoce dalla polizia israeliana, Micky Rosenfeld, "unità della la polizia antiterrorismo hanno circondato una casa nel quartiere periferico di Abu Tor per arrestare un uomo sospettato del tentato omicidio di Yehuda Glick, ma subito dopo il loro arrivo sono stati fatti segno di spari. Gli agenti hanno risposto al fuoco e ucciso il sospettato".

    Hijazi era stato arrestato nel 2002, in quanto ritenuto coinvolto in atti di terrorismo e condannato a dieci anni di prigione. Era stato liberato nel 2012. La polizia sta indagando anche su un suo possibile coinvolgimento nell'attentato del 4 agosto di quest'anno, quando un militare fu ferito da colpi di arma da fuoco.

    Il rabbino Glick era stato ferito ieri al petto e all'addome dagli spari di un motociclista davanti al Menachem Begin Heritage Center di Gerusalemme, dove si stava riunendo il Movimento, in occasione dell'annuale manifestazione "Ritorno di Israele al Monte del Tempio", per promuovere l'accesso degli ebrei al sito. Polizia e servizi segreti spesso hanno vietato a Glick - le condizioni del quale sono definite stabili -di tentare di andare al Monte del Tempio e lui ha combattuto battaglie legali contro tali divieti.

    Attualmente l'intera zona è chiusa "fino a nuovo ordine" sia agli ebrei che ai musulmani.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2014 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme: riaperta (con restrizioni) la Spianata delle Moschee, resta alta tensione
    Ancora in vigore il divieto di accesso agli uomini con meno di 50 anni. Per Abu Mazen la chiusura imposta da Tel Aviv nei giorni scorsi è una “dichiarazione di guerra”. Svolti senza incidenti i funerali del palestinese sospettato di aver ferito il rabbino Glick, tuttora ricoverato in gravi condizioni.

    01/09/2009 ISRAELE
    Razzismo: scuole religiose ebraiche rifiutano studenti neri etiopi
    La decisione sembra essere appoggiata anche dal Gran Rabbino d’Israele, Shlomoh Ammar. Israeliani infastiditi dal gesto razzista. Il governo taglia i fondi alle 3 scuole che non vogliono gli studenti di colore. Perplessità nella comunità cristiana.

    14/12/2010 ISRAELE
    Un rabbino capo: nello "Stato ebraico", ogni legge sia sottomessa alla Torah
    La proposta avanzata alla Conferenza sulle leggi della Torah. “Lo Stato, come Stato ebraico, deve tenere conto della legge religiosa ebraica in misura maggiore” ha detto Ratzon Arusi. Di conseguenza, ogni sentenza dell’alta Corte di giustizia dovrebbe far riferimento alla legislazione religiosa.

    08/10/2013 ISRAELE
    Oltre 700mila ai funerali di Rabbi Ovadia Yosef, padre spirituale del partito Shas
    È stato rabbino capo di Israele. Ha portato la religione nella politica, influenzando lo Shas, che ha partecipato ad alleanze di governo per 30 anni. Le aperture ai palestinesi; le maledizioni contro Sharon e Ahmadinejad; le critiche alla "idolatria" verso papa Benedetto XVI.

    10/04/2014 CINA - ISRAELE
    Cina: dopo due secoli, gli ebrei dell'Henan si preparano per celebrare la Pasqua
    La prima presenza ebraica a Kaifeng, ex capitale imperiale, risale al X secolo dopo Cristo. L'ultimo rabbino riconosciuto è morto nel 1810, e da allora la comunità ha vissuto senza conoscere la fede dei propri antenati. Un divario che negli ultimi anni si va sempre più assottigliandosi: e un giovane cinese si prepara, dopo gli studi in Israele, per tornare a casa da rabbino.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®