16 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/03/2009
AFGHANISTAN
Un dialogo con i talebani mette a rischio i diritti delle donne
La condizione delle donne sarà il banco di prova di qualsiasi dialogo con i talebani. AsiaNews ha raccolto commenti nel Paese riguardo l’idea del presidente Usa di cercare un dialogo con i talebani moderati. Il diffuso timore di “tornare indietro”. L’importanza dell’Iran.

Kabul (AsiaNews) – “L’evoluzione di questo Paese è in mano alle donne. Sotto i talebani, le donne non potevano nemmeno frequentare la scuola, erano costrette a stare a casa e a subire matrimoni forzati. La condizione delle donne sarà forse il principale banco di prova del dialogo che il presidente Usa vuole intavolare con i talebani moderati”. E’ uno dei commenti che AsiaNews ha raccolto in Afghanistan dopo la proposta del presidente Usa Barack Obama di aprire un dialogo con i talebani moderati.

Il 7 marzo, Obama ha detto che gli Stati Uniti non possono vincere la guerra in Afghanistan contro gli estremisti islamici e ha annunciato la volontà di “esplorare” la possibilità di un dialogo con i talebani moderati, per dividerli dai gruppi fondamentalisti come al Qaeda.

Il presidente afghano Hamid Karzai ha commentato la notizia con grande favore e ha detto che il dialogo potrà anzitutto rivolgersi ai “molti che hanno paura a tornare nel loro Paese e credono di non avere altra scelta che stare con al Qaeda”.

Ma ambienti locali sono perplessi e si chiedono anzitutto: chi sono i talebani moderati e cosa hanno fatto durante il regime talebano. Un esperto commenta che “qualche mese fa leader talebani, ritenuti moderati, hanno indicato i 3 punti per loro irrinunciabili: che vadano via tutti i soldati di altri Paesi; che non ci siano ingerenze estere nella politica afgana; che sia applicata la sharia (legge islamica). Con l’eccezione dell’opposizione armata, sono le stesse cose che vogliono i talebani integralisti. Certo, il dialogo è sempre positivo, la pace può essere raggiunta solo attraverso il dialogo. Ma il punto è come sia realizzabile questo dialogo. Se domani i talebani moderati tornano a imporre la sharia, già applicata durante il loro regime, ho paura che riprenda il calvario delle donne afghane”.

Proprio ieri il presidente Karzai, in occasione della Giornata mondiale della donna, ha denunciato che molti nel Paese ancora considerano le donne come “una proprietà” e che “i matrimoni forzati, la vendita delle donne, sono contro l’Islam”.

Il 7 marzo la vedova Jan Bibi si è data fuoco ed è morta, nel distretto di Obe (Afghanistan occidentale), per fuggire a una vita di stenti. Bibi, in quanto vedova, era una paria della società, indesiderabile per un matrimonio e senza opportunità di lavoro. Nella zona sono frequenti i suicidi di donne per evitare abusi e matrimoni forzati. Un recente rapporto Onu dice che nel Paese “c’è stato un drammatico aumento di minacce e intimidazioni contro le donne nella vita pubblica o che lavorano fuori casa”.

Con un nuovo regime talebano il timore che si possa “tornare indietro” è molto diffuso. Analisti osservano che gli unici frutti di questa lunga guerra e dei suoi immensi costi di vite umane e denaro sono forse soltanto la miglior condizione della donna e la democrazia. Ma la democrazia è ancora debole, al punto che Karzai ha rinviato ad agosto le elezioni fissate per aprile per la difficile situazione.

L’idea del dialogo non è nuova, Karzai l’ha lanciata più volte. Ma il problema è anche se Karzai e i poteri democratici del Paese siano in grado di opporsi ai talebani.

Molti osservano che “se l’esercito Usa non può vincere contro i talebani, come può farlo quello afghano? Non può essere preparato come quello Usa, anche se sono stati spesi miliardi per riorganizzarlo. E la polizia è ancora piagata da una diffusa corruzione. E’ dubbio che il tempo sia maturo per affidare il Paese a forze autoctone”. Del resto, nonostante i grandi mezzi impegnati dagli Usa e da altri Paesi, ancora oggi Karzai controlla solo Kabul e la zona circostante.

Altri commenti sono più ottimisti e dicono che occorre “coinvolgere l’Iran nel processo di pacificazione. Potrebbe avere un ruolo importante. Ora è stato invitato a partecipare alla Conferenza di giugno a Trieste per discutere della situazione afghana. Sarà importante vedere se accetta”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/02/2012 AFGHANISTAN
Ancora violenze per il rogo dei Corano. Nove morti in attentato suicida a Jalalabad
16/10/2009 AFGHANISTAN
Kabul, contro i talebani non è possibile una vittoria militare
12/03/2012 AFGHANISTAN – STATI UNITI
Dopo il massacro di Kandahar, l’esercito Usa teme nuove rappresaglie talebane
22/05/2012 AFGHANISTAN - USA
La Nato conferma il ritiro dall'Afghanistan entro il 2014
11/11/2011 AFGHANISTAN
Ghazni, madre e figlia lapidate a morte per adulterio a 300 metri dagli uffici governativi

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate