28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/03/2009, 00.00

    AFGHANISTAN

    Un dialogo con i talebani mette a rischio i diritti delle donne



    La condizione delle donne sarà il banco di prova di qualsiasi dialogo con i talebani. AsiaNews ha raccolto commenti nel Paese riguardo l’idea del presidente Usa di cercare un dialogo con i talebani moderati. Il diffuso timore di “tornare indietro”. L’importanza dell’Iran.

    Kabul (AsiaNews) – “L’evoluzione di questo Paese è in mano alle donne. Sotto i talebani, le donne non potevano nemmeno frequentare la scuola, erano costrette a stare a casa e a subire matrimoni forzati. La condizione delle donne sarà forse il principale banco di prova del dialogo che il presidente Usa vuole intavolare con i talebani moderati”. E’ uno dei commenti che AsiaNews ha raccolto in Afghanistan dopo la proposta del presidente Usa Barack Obama di aprire un dialogo con i talebani moderati.

    Il 7 marzo, Obama ha detto che gli Stati Uniti non possono vincere la guerra in Afghanistan contro gli estremisti islamici e ha annunciato la volontà di “esplorare” la possibilità di un dialogo con i talebani moderati, per dividerli dai gruppi fondamentalisti come al Qaeda.

    Il presidente afghano Hamid Karzai ha commentato la notizia con grande favore e ha detto che il dialogo potrà anzitutto rivolgersi ai “molti che hanno paura a tornare nel loro Paese e credono di non avere altra scelta che stare con al Qaeda”.

    Ma ambienti locali sono perplessi e si chiedono anzitutto: chi sono i talebani moderati e cosa hanno fatto durante il regime talebano. Un esperto commenta che “qualche mese fa leader talebani, ritenuti moderati, hanno indicato i 3 punti per loro irrinunciabili: che vadano via tutti i soldati di altri Paesi; che non ci siano ingerenze estere nella politica afgana; che sia applicata la sharia (legge islamica). Con l’eccezione dell’opposizione armata, sono le stesse cose che vogliono i talebani integralisti. Certo, il dialogo è sempre positivo, la pace può essere raggiunta solo attraverso il dialogo. Ma il punto è come sia realizzabile questo dialogo. Se domani i talebani moderati tornano a imporre la sharia, già applicata durante il loro regime, ho paura che riprenda il calvario delle donne afghane”.

    Proprio ieri il presidente Karzai, in occasione della Giornata mondiale della donna, ha denunciato che molti nel Paese ancora considerano le donne come “una proprietà” e che “i matrimoni forzati, la vendita delle donne, sono contro l’Islam”.

    Il 7 marzo la vedova Jan Bibi si è data fuoco ed è morta, nel distretto di Obe (Afghanistan occidentale), per fuggire a una vita di stenti. Bibi, in quanto vedova, era una paria della società, indesiderabile per un matrimonio e senza opportunità di lavoro. Nella zona sono frequenti i suicidi di donne per evitare abusi e matrimoni forzati. Un recente rapporto Onu dice che nel Paese “c’è stato un drammatico aumento di minacce e intimidazioni contro le donne nella vita pubblica o che lavorano fuori casa”.

    Con un nuovo regime talebano il timore che si possa “tornare indietro” è molto diffuso. Analisti osservano che gli unici frutti di questa lunga guerra e dei suoi immensi costi di vite umane e denaro sono forse soltanto la miglior condizione della donna e la democrazia. Ma la democrazia è ancora debole, al punto che Karzai ha rinviato ad agosto le elezioni fissate per aprile per la difficile situazione.

    L’idea del dialogo non è nuova, Karzai l’ha lanciata più volte. Ma il problema è anche se Karzai e i poteri democratici del Paese siano in grado di opporsi ai talebani.

    Molti osservano che “se l’esercito Usa non può vincere contro i talebani, come può farlo quello afghano? Non può essere preparato come quello Usa, anche se sono stati spesi miliardi per riorganizzarlo. E la polizia è ancora piagata da una diffusa corruzione. E’ dubbio che il tempo sia maturo per affidare il Paese a forze autoctone”. Del resto, nonostante i grandi mezzi impegnati dagli Usa e da altri Paesi, ancora oggi Karzai controlla solo Kabul e la zona circostante.

    Altri commenti sono più ottimisti e dicono che occorre “coinvolgere l’Iran nel processo di pacificazione. Potrebbe avere un ruolo importante. Ora è stato invitato a partecipare alla Conferenza di giugno a Trieste per discutere della situazione afghana. Sarà importante vedere se accetta”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/02/2012 AFGHANISTAN
    Ancora violenze per il rogo dei Corano. Nove morti in attentato suicida a Jalalabad
    L'obiettivo dell'attacco erano i soldati americani di stanza nell'aeroporto militare della città. Fra le vittime anche sei civili. Fonti di AsiaNews sottolineano il clima di caccia all'occidentale per le strade di Kabul, fomentato da talebani e media locali. Francia e Gran Bretagna richiamano in patria il personale impiegato nei ministeri del governo afghano.

    16/10/2009 AFGHANISTAN
    Kabul, contro i talebani non è possibile una vittoria militare
    Fonti di AsiaNews spiegano che l’invio di nuove truppe “non migliorerà la situazione”. Il problema è politico e sociale. Necessario trovare un compromesso per sbloccare lo “stallo” governativo e combattere la “diffusa sensazione di corruzione”. Bocche cucite, ma più di un sospetto, sui pagamenti ai talebani da parte di eserciti e servizi stranieri.

    12/03/2012 AFGHANISTAN – STATI UNITI
    Dopo il massacro di Kandahar, l’esercito Usa teme nuove rappresaglie talebane
    Nel fine settimana un soldato ha ucciso 16 civili, fra cui nove bambini. Poi si è consegnato ai suoi superiori. Il presidente Usa Barack Obama ha espresso le condoglianze del governo. Ma la strage rischia di compromettere ancor più le relazioni fra i due Paesi e indebolire la posizione di Hamid Karzai.

    22/05/2012 AFGHANISTAN - USA
    La Nato conferma il ritiro dall'Afghanistan entro il 2014
    Obama promette che gli afghani "non rimarranno da soli". Il segretario Nato assicura che l'alleanza non è a corto di fondi. Nessun risultato sulla riapertura delle vie di rifornimento dal Pakistan. Oltre alla Francia, un veloce ritiro è voluto da Australia, Germania, Nuova Zelanda.

    11/11/2011 AFGHANISTAN
    Ghazni, madre e figlia lapidate a morte per adulterio a 300 metri dagli uffici governativi
    Fonti di AsiaNews sottolineano che la sharia è l’unica legge in Afghanistan. In dieci anni la comunità internazionale non ha fatto nulla per insegnare alla popolazione il rispetto dei diritti umani.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®