22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2018, 12.29

    INDIA

    Vasai, Ong celebra il Natale con bambini e tossicodipendenti nel segno di Madre Teresa

    Nirmala Carvalho

    La festa di Natale con più di 700 minori poveri, orfani e sieropositivi. La Kripa Foundation nata nel 1981 a Mumbai, oggi opera in 12 Stati indiani e in 40 centri in tutto il mondo. P. Joe Pereira ripercorre le tappe salienti dell’anno appena trascorso.

    Mumbai (AsiaNews) – L’Ong Kripa Foundation di Mumbai ha celebrato il Natale con più di 700 bambini poveri, orfani, malati di Aids e figli di tossicodipendenti. I festeggiamenti si sono svolti il 27 dicembre a Vasai [circa 60 km a nord di Mumbai, ndr]. Ad AsiaNews p. Joe Pereira, fondatore dell’associazione che da 37 anni si occupa del recupero di sieropositivi e tossicodipendenti, spiega che “come da tradizione, il party di Natale si svolge a Vasai dal 1994. Viene organizzato in particolare per i bambini svantaggiati ospitati nelle strutture della regione [del Maharashtra, ndr]. Molti di loro sono bambini di strada, affetti dal virus dell’Hiv o orfani. L’evento di Natale è stato il punto focale del 2017, che per me è stato un anno benedetto in cui ho festeggiato 75 anni di età e 50 di sacerdozio. Mi sento ancora giovane ed energico per offrire la mia vita al servizio degli emarginati con la benedizione di Madre Teresa”.

    La Kripa (che in sanscrito significa “grazia”) Foundation è nata del 1981 a Bandra, un quartiere di Mumbai. Oggi ha 69 strutture in 12 Stati indiani. Collabora con altre associazioni sparse in Europa, Canada e Stati Uniti, dove opera in tutto in 40 centri. Tra gli altri, porta avanti progetti di riqualificazione ambientale, tutti ispirati da un faro ben preciso: la compassione della santa di Calcutta.

    Il sacerdote ripercorre l’anno appena trascorso: “Ci sono stati eventi che hanno arricchito il senso del ringraziamento e la gioia di 75 anni al servizio nella vigna del Signore. Il 15 agosto abbiamo lanciato il progetto musicale ‘The Witness’ [‘Il testimone’, ndr]. Il 6 settembre, giorno del mio compleanno, è coinciso con la pubblicazione del mio volume ‘Addiction – A Spiritual Paradox’ [‘Dipendenza – Un paradosso spirituale’]”. Ma il momento centrale di tutto l’anno, continua, “è stato il 15 settembre, quando ho avuto la possibilità di celebrare la messa con papa Francesco nella sua cappella privata”. In seguito, l’8 dicembre, “l’opportunità quasi miracolosa di visitare Fatima e offrire una messa sull’altare delle apparizioni e, insieme al vescovo, concelebrare in occasione della solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria”.

    A coronare il duplice ringraziamento “per il dono della vita e il sacerdozio, il Natale con i bambini. Alle celebrazioni hanno partecipato anche Raj Tilak Roshan, sovrintendente di polizia che è rimasto colpito dallo spirito dei partecipanti, e mons. Felix Machado, arcivescovo di Vasai. I bambini erano divisi in gruppi, ognuno dei quali si è esibito in danze. Mi sono commosso alla vista di quei fanciulli che facevano del loro meglio per esprimere l’amore e la gratitudine verso di me. Molti di essi mi chiamano ‘papà’, altri ‘dad’, altri ancora ‘baba’. Alcuni mi chiamano persino ‘aee’ (madre) e una ex modella mi appella con il nome di ‘pop’”. “Nei momenti in cui mi sento sopraffatto dal loro amore e dalle loro espressioni di gratitudine – aggiunge – domando al Signore se io sia degno di tanto amore. E lui mi risponde sempre nella preghiera ‘Tu sei il mio amato…perché tu lo hai fatto a me’, che è il motto di Madre Teresa per i più poveri tra i poveri”. Per questo, uno dei ricordi più cari dell’anno appena trascorso, è proprio quello che riguarda un alcolista “portato alla fondazione contro il suo volere per il suo atteggiamento aggressivo. Durante la festa di Natale egli mi ha detto con le lacrime agli occhi: ‘Nutro grande amore e rispetto per Madre Teresa. Sono così felice di essere stato portato in questo centro con la forza. Dopo due giorni ho avvertito su di me l’energia della Madre e la sua benedizione’”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2017 11:30:00 INDIA
    P. Joe Pereira: da Madre Teresa, ho imparato la compassione per i tossicodipendenti

    Il sacerdote è il presidente della Kripa Foundation, Ong di Mumbai che recupera anche malati di Aids. Nel 1971 una crisi spirituale, poi l’incontro con la Santa di Calcutta. “Mi ha insegnato a ricercare i più poveri tra i poveri tra i malati”. Presentato al pubblico il libro “Dipendenza – Un paradosso spirituale”.



    29/08/2017 11:55:00 INDIA
    Ong di Mumbai: curare la Madre Terra per guarire dalle tossicodipendenze

    Dal 1981 la Kripa Foundation si occupa di malati di Aids e tossicodipendenti. Dopo la pubblicazione dell’Enciclica Laudato sì di papa Francesco, lanciato un progetto di giardino domestico a Goa. Le coltivazioni biologiche aiutano ad arginare il cambiamento climatico. Il tossicodipendente impara a vedere il volere di Dio che si realizza nel creato.



    19/12/2011 INDIA
    Calcutta, il Natale tra i malati di Hiv/Aids nella casa di Madre Teresa
    Il Natale come dono di Dio. L’umiliazione dei malati di Aids, rifiutati e picchiati dalle loro stesse famiglie. La fame di amore e di vita dei bambini. La gioia di una moglie nell’accudire il marito. La testimonianza di fratel Yesudas, Missionario della Carità impegnato con i malati dell’ostello Shanti Bhavan a Calcutta.

    14/12/2010 INDIA
    La gioia di Natale passa anche attraverso la sofferenza
    Il miracolo del Natale a Calcutta: malati di Aids che muoiono nella pace; persone che ritornano nella vita, pieni di gratitudine, e si mettono a servire persone più bisognose di loro. A modello di Madre Teresa: “Noi siamo stati creati per cose più grandi, per amare ed essere amati”. La bellezza splende anche nel dolore.

    17/12/2012 INDIA
    Missionari di Madre Teresa: il Natale dei malati di Hiv
    Nell’ostello maschile Shanti Dan, Cristo nasce nei sorrisi, nei tormenti e nel desiderio di vita dei malati di Aids. Grazie alle cure dei fratelli Missionari della Carità, i pazienti migliorano e imparano a loro volta a prendersi cura degli altri.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®