23 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/08/2016, 10.37

    PAKISTAN

    Vescovi del Pakistan: il Paese riscopra le sue radici di tolleranza e rispetti le minoranze

    Kamran Chaudhry

    In occasione della Giornata nazionale per le minoranze, mons. Joseph Arshad, vescovo di Faisalabad, ha chiesto che “i gruppi non musulmani siano inseriti a piano titolo nella società come riconoscimento per i loro meriti”. L’arcivescovo di Lahore ricorda che “il fondatore del Pakistan aveva promesso rispetto per tutte le religioni, mentre ora siamo in preda all’intolleranza”.

     

    Lahore (AsiaNews) – I cittadini non musulmani “hanno giocato un ruolo vitale nella formazione del Pakistan. Non solo hanno dato la vita per la libertà ma continuano ancora oggi a lottare per la costruzione della nazione. Per questo le loro preoccupazioni devono essere affrontate dal governo”. Lo ha detto mons. Joseph Arshad, vescovo di Faisalabd e presidente della Commissione episcopale di Giustizia e pace, durante la celebrazione della Giornata nazionale per le minoranze avvenuta ieri.

    Nel 2009, grazie all’opera di Shahbaz Bhatti, il governo del Pakistan ha deciso di istituire la Giornata delle minoranze per onorare il servizio e il sacrificio resi da queste comunità (indù, cristiane e sikh) alla nazione.

    In occasione del 69mo anniversario dello storico discorso di Mohammad Ali Jinnah – fondatore del Pakistan moderno – all’Assemblea costitutiva del neonato Stato (1947), il governo del Punjab e il Dipartimento per i diritti umani e le minoranze hanno organizzato una giornata di incontri, canti e discorsi per omaggiare le comunità non islamiche (v. video). Vi hanno partecipato a migliaia fra suore, impiegati parrocchiali, leader indù e sikh.

    Parlando al Lahore Arts Council, mons. Arshad ha detto: “Sappiamo che il Pakistan sta attraversando una fase difficile della sua storia. L’intolleranza religiosa e le disattenzioni politiche nella società hanno creato un senso di disperazione fra la gente. Le minoranze devono essere inserite a tutti gli effetti nel complesso della società”.

    Anche mons. Sebastian Shah, arcivescovo di Lahore, è intervenuto sull’argomento dalle pagine della rivista bimestrale dell’arcidiocesi. Nel messaggio, il prelato ha ricordato che il fondatore Mohammad Ali Jinnah “ha assicurato i leader cristiani che ogni persona in Pakistan avrebbe avuto una vita libera secondo la propria religione e che lo Stato non avrebbe avuto problemi con le religioni. Mentre celebriamo il giorno della nostra indipendenza [14 agosto ndr] pensiamo a quale direzione sta prendendo il nostro Paese”.

    Zakia Shahnawaz, ministro provinciale musulmano per l’Educazione superiore, ha appoggiato gli appelli dei vescovi, affermando però che “i musulmani non possono fermare il terrorismo da soli. I nostri cuori piangono insieme ogni volta che un suicida si fa esplodere e uccide chiunque. Dobbiamo cercare insieme soluzioni a questi problemi”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/08/2016 11:47:00 PAKISTAN
    Il Pakistan celebra la Giornata delle minoranze ma non ne garantisce i diritti

    Oggi è il 69mo anniversario dello storico discorso di Mohammad Ali Jinnah, il fondatore del Pakistan moderno, all’Assemblea costitutiva del neonato Stato. La Giornata è stata indetta per onorare il contributo delle minoranze all’edificazione della nazione. Leader cristiani, indù e sikh chiedono giustizia. Le priorità: lavoro, educazione e la fine delle conversioni forzate.

     



    11/08/2012 PAKISTAN
    Ricordando Shahbaz Bhatti e Benazir Bhutto, il Pakistan celebra le minoranze
    L'11 agosto, nel 65mo anniversario dello storico discorso di Ali Jinnah all'Assemblea, è la giornata dedicata ai non musulmani. Il ministro Paul Bhatti sottolinea che "siamo parte di un'unica nazione" e l'obiettivo è creare "un Pakistan prospero e unito". Inserire le minoranze nel panorama politico e sociale del Paese.

    21/09/2010 PAKISTAN – ONU
    Onu, sciopero della fame per le minoranze in Pakistan
    L’Organizzazione europea per il rispetto dei diritti umani delle minoranze che vivono in Pakistan ha organizzato una manifestazione di protesta durante l’incontro del Consiglio Onu per i diritti umani. Islamabad accusata di truccare i dati del censimento per negare rappresentatività alle minoranze.

    05/03/2016 09:23:00 PAKISTAN
    Minoranze religiose del Pakistan: Nuove leggi per garantire i nostri diritti civili

    Rappresentanti cristiani, sikh, indù e kalasha hanno presentato uno studio comune sulle leggi personali/di famiglia e sugli effetti della loro mancanza in Pakistan. Le minoranze chiedono di essere rispettate al pari della maggioranza islamica. In questo modo manterrebbero la loro identità nel contesto socio-culturale più ampio. Tra i temi affrontati, il matrimonio, divorzio, dote, eredità, adozione dei figli.



    21/12/2015 PAKISTAN
    Vescovo di Faisalabad: la misericordia è essenziale per il Pakistan, ferito dal terrorismo (video)
    Mons. Arshad ha aperto la Porta Santa nella cattedrale della città ieri 20 dicembre. “Nell’ultimo anno ci sono stati molti attacchi alla minoranza cristiana, per questo è cruciale promuovere il perdono e la tolleranza, a cominciare dalle scuole”. Il 2016, anno dell’educazione, per portare a tutti il messaggio del Giubileo della misericordia.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®