17/05/2012, 00.00
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Vescovi sudcoreani incontrano 46 esuli del Nord: impegno per l'integrazione

di Theresa Kim Hwa-young
Tante iniziative promosse dalla Chiesa cattolica per sensibilizzare sulla questione dei saetomin, gli esuli: un ritiro spirituale; un centro di aiuto al reinserimento nella società; una marcia contro il rimpatrio.

Seoul (AsiaNews) - La Chiesa cattolica in Corea del sud cerca di sensibilizzare la popolazione sulla questione degli esuli del Nord (saetomin). Tra le tante iniziative, un ritiro spirituale nella Casa dei fratelli martiri coreani a Jeju; l'apertura di un centro a Gwangju; una campagna contro il rimpatrio in Corea del nord. La questione degli esuli dal Nord, che dalla Cina chiedono asilo politico a Seoul, è complicata: preoccupati dall'immigrazione selvaggia e dallo scarso livello di preparazione dei nordcoreani, i cittadini del Sud li relegano agli ultimi posti della scala sociale. La Chiesa cattolica si impegna moltissimo per l'integrazione, anche in vista di una futura riunificazione.

Mons. Peter Lee Ki-heon, vescovo di Uijeongbu e presidente della Commissione per la riconciliazione della Conferenza episcopale coreana (Cbck), ha accolto e accompagnato 46 esuli - 7 uomini e 39 donne - nel ritiro spirituale all'isola di Jeju. Quattro giorni di esercizi, durante i quale i cristiani hanno potuto visitare la cattedrale e incontrare mons. Pietro Kang woo-il, vescovo di Jeju e presidente della Cbck. Durante una liturgia, mons. Lee ha detto: "Offriamo a Dio questo sacrificio, per tutti i vostri cari e gli amici rimasti in Corea del Nord". E ha aggiunto: "Come voi, anche io vengo da Pyongyang, e con la mia famiglia sono venuto a Seoul per cercare un luogo migliore per vivere la nostra fede cristiana".

Qualche giorno fa, l'arcidiocesi di Gwangju (capitale della South Jeolla Province) ha inaugurato un centro di aiuto per esuli del Nord. Presieduta da suor Oh Da-un, la struttura si occupa di affiancare i saetomin nel reinserimento nella società sudcoreana.

Infine, la sede dell'associazione Handicapped Walking Exercise sta organizzando una campagna contro il rimpatrio degli esuli nordcoreani. L'evento avverrà in occasione della Giornata per la disabilità (il prossimo 19 maggio) nel parco di Seoul, dove si riuniranno 2.500 persone. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rilasciati i bambini nordcoreani ostaggi della polizia in Laos
26/04/2007
Bangkok, 91 rifugiati obbligati a tornare in Corea del Nord
27/10/2006
Pechino mette una taglia sulla testa dei rifugiati dalla Corea del Nord
17/08/2016 08:46
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Per la prima volta Pechino permette a dei nordcoreani di espatriare verso gli Usa
26/07/2006