27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/08/2015, 00.00

    FILIPPINE – INDONESIA

    Vescovo filippino: Mary Jane Veloso è innocente, venga punito chi l’ha sfruttata



    La donna filippina è in carcere in Indonesia, condannata per traffico di droga. Su di lei pende ancora la condanna a morte. Il presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti ad AsiaNews: “L’hanno usata e depredata della sua innocenza. Pregheremo per lei e accudiremo i suoi figli. Siamo fiduciosi che la condanna verrà sospesa”.

    Balanga (AsiaNews) – Mary Jane Fiesta Veloso “è una vittima involontaria del traffico umano. L’hanno usata e hanno depredato la sua innocenza, e chi la accusa senza prove deve essere perseguito”. Con queste parole mons. Ruperto Cruz Santos DD, vescovo di Balanga e presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti, commenta ad AsiaNews gli ultimi sviluppi della vicenda che vede la donna filippina condannata a morte in Indonesia per traffico di droga.

    Mary Jane Fiesta Veloso, lavoratrice migrante e madre di due figli, nell’aprile del 2010 è stata scoperta con 2,6 kg di eroina nella valigia all’aeroporto di Yogyakarta. Ha scampato l’esecuzione capitale prevista per lo scorso aprile in seguito all’arresto di Maria Kristina Sergio che, secondo le autorità filippine, avrebbe ingannato Mary Jane facendole trasportare la droga senza che lei lo sapesse.

    È una buona cosa, continua mons. Santos, che “la trafficante Maria Kristina Sergio e il suo partner, Julius, siano indagati dal Dipartimento di giustizia. La nostra missione, come Conferenza episcopale filippina e attraverso la Commissione per i migranti è quella di continuare a pregare per Mary Jane e proteggere i suoi figli. Continuiamo a pregare affinché giustizia sia fatta e l’innocenza di Mary Jane sia infine dimostrata”.

    Il vescovo Santos racconta che “la Chiesa, in modo speciale la diocesi Cabanatuan [dove risiede la famiglia Veloso ndr] sta assistendo la famiglia di Mary Jane. Stiamo anche organizzando un programma di sostegno all’educazione nei college per i figli degli Ofw [lavoratori filippini all’estero ndr] che sono finiti in prigione”.

    La situazione per i lavoratori migranti filippini (circa 10 milioni) è spesso drammatica e, afferma mons. Santos, “stiamo chiedendo al governo filippino di creare nuovi posti di lavoro qui, così che i cittadini non siano più costretti e cercare fortuna altrove”. “Noi speriamo e siamo convinti – conclude il presule – che Mary Jane sarà salvata dalla condanna a morte. Noi la aiuteremo sempre e assisteremo i suoi cari”.

    Nelle scorse settimane, Mary Jane ha ricevuto segnali di vicinanza dalle più alte autorità e personalità filippine. Pochi giorni fa, una delegazione del Ministero degli esteri e degli Affari legali filippino ha fatto visita alla donna nel carcere di Yogyakarta, incontrando anche il Ministro per diritti umani dell’Indonesia.

    La reazione del ministro indonesiano è stata fredda: egli ha definenito il viaggio diplomatico come “una visita di cortesia alla Veloso in prigione” e nulla più. Tony Spontana, portavoce del Ministero di giustizia indonesiano, ha dichiarato che uno dei temi della discussione è stato l’accordo legale tra i due Paesi sul caso: “Speriamo che il processo in atto nelle Filippine per provare l’innocenza della Veloso sia compiuto in modo oggettivo, allo stesso modo del processo in atto in Indonesia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/04/2015 FILIPPINE – INDONESIA
    Vescovo filippino: Preghiamo e speriamo che Mary Jane venga liberata presto
    Il presidente della Commissione per la cura dei migranti ad AsiaNews: “E’ un ostaggio, vittima di un traffico di esseri umani più grande di lei. Pensiamo che sopra la sua reclutatrice vi sia una rete più estesa, faremo di tutto per fermarla”. In agosto mons. Santos sarà in Kuwait e nei Paesi del Golfo: “Una missione per i nostri lavoratori all’estero. A loro dico: non date retta a chi promette soldi facili, ricordate sempre la vostra dignità di esseri umani”.

    29/04/2015 FILIPPINE – INDONESIA
    Vescovo filippino: Mary Jane, icona del migrante. Manila fermi l’esodo dei lavoratori
    Il presidente della Commissione per la cura dei migranti spiega ad AsiaNews: “Felici per la scampata esecuzione, questo caso lancia forti moniti alla politica. Ai trafficanti di esseri umani chiedo di pentirsi e tornare sulla retta via”. La donna lascia “l’isola delle esecuzioni” e torna a Yogyakarta. La sua presunta reclutatrice, Maria Kristina Sergio, si è consegnata alle autorità che ora apriranno un'inchiesta sull'accaduto.

    30/04/2015 INDONESIA - FILIPPINE - ONU
    Cristiani filippini e indonesiani in festa per Mary Jane. Sulle esecuzioni Onu contro Jakarta
    Gioia e soddisfazione nelle Filippine per la domestica condannata a morte e risparmiata all’ultimo minuto. I condannati hanno affrontato il patibolo cantando “Amazing Grace”. Parenti, attivisti e gruppi religiosi - anche cristiani - indonesiani hanno pregato in concomitanza con le esecuzioni. Dura nota di Ban Ki-moon: “nel 21mo secolo non vi è posto” per la pena di morte.

    29/04/2015 INDONESIA - FILIPPINE
    Jakarta ferma il boia per Mary Jane. La madre: “I miracoli si avverano”. Giustiziati gli altri otto condannati
    Felicità e commozione nelle parole di Celia Veloso, che aveva “perso la speranza”. Soddisfazione anche dall’arcivescovo di Jakarta e dal padre spirituale che ha accompagnato la donna negli ultimi istanti. La svolta determinata dal fatto che la persona sospettata di aver reclutato Mary Jane si è consegnata alle autorità filippine.

    12/09/2016 10:55:00 INDONESIA – FILIPPINE
    Duterte: Nessun problema se Jakarta decide di giustiziare Mary Jane Veloso

    Il presidente filippino, in visita diplomatica in Indonesia, ha avuto un colloquio privato con Widodo sulla possibile cancellazione della condanna della donna filippina. La Veloso è in carcere con l’accusa di spaccio di droga, ma la sua esecuzione è stata più volte rinviata grazie agli sforzi dell’ex presidente Aquino e alle critiche della Chiesa cattolica.

     





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®