17/01/2005, 00.00
IRAQ – VATICANO
Invia ad un amico

Vescovo rapito: Cristiani e musulmani vittime dello stesso terrorismo

In un intervista rilasciata a novembre, mons. Casmoussa, rapito oggi a Mossul, spiega le sfide che attendono i cristiani dell'Iraq.

Mossul (AsiaNews/Cwn) – L'arcivescovo Basile Georges Casmoussa, rapito oggi a Mossul da sconosciuti terroristi,  è una personalità profondamente dialogica e preoccupata della sua nazione. In un'intervista rilasciata nel novembre del 2004 alla rivista Catholic World Report, mons. Casmoussa ha dichiarato che la stampa occidentale dà troppo risalto agli attacchi contro i cristiani, aggiungendo il terrorismo colpisce allo stesso modo chiese e moschee, cristiani e musulmani.

Secondo il prelato, i cristiani in Iraq stanno vivendo la peggior crisi mai affrontata in passato, ma che questo non è la differenza fra le religioni a causare il problema.

 "Noi non vediamo il problema in termini religiosi, come fosse una lotta fra cristiani e musulmani; noi siamo vicini ai nostri concittadini musulmani. Dobbiamo pregare, e continuare a vivere con loro. Essi sono nella nostra stessa situazione".

Ha aggiunto :"Siamo sempre in contatto con i leader islamici, e insistiamo con loro perché – alla preghiera del venerdì e in altre occasioni - spieghino ai loro fedeli che abbiamo problemi comuni, sottolineando che siamo un solo popolo, con una eredità e una storia comuni. Questa non è soltanto la nostra posizione ufficiale: è ciò che cerchiamo di fare ogni giorno".

Interrogato su come la violenza stia cambiando la vita ai cristiani in Iraq, l'arcivescovo risponde: "Quando vivi in una situazione simile, che cosa puoi fare? Soffri e cerchi di superarla, sostenendo il processo di pace…. L'Iraq è la nostra nazione, la nostra casa, non possiamo lasciarla. Affronteremo tutto quanto incontreremo sulla nostra strada. Per la gente non vi è altra alternativa. Nonostante tutto, cerchiamo di vivere una vita normale…".

L'arcivescovo Basile Georges Casmoussa, 66 anni,  è a capo della diocesi siro-cattolica di Mossul dal dicembre del 1999. Ordinato sacerdote nel 1962, ha lavorato per 30 anni come editore di un giornale, Christian Source. È membro dell'Ucip (Unione internazionale della stampa cattolica libera).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rapito il vescovo siro-cattolico di Mossul
17/01/2005
Papa: Grazie alla Chiesa dell'India - e del Kerala - per la sua testimonianza di fede!
24/11/2014
Arcivescovo di Mossul: cambia la strategia di attacco contro i cristiani
17/11/2010
Mossul, cristiani nel mirino, ma non è guerra di religione (scheda)
17/01/2005
Al via il Congresso missionario dell’India: chiamati a incarnare il messaggio di Cristo
14/10/2009