12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/11/2017, 12.10

    YEMEN

    Vicario d’Arabia: profanato il cimitero cristiano di Aden. Il disastro dello Yemen



    Un gruppo non identificato ha demolito croci e lapidi. Nel mirino anche le tombe delle suore di Madre Teresa uccise nel marzo 2016. Mons. Hinder: Fatto grave. Una conferma “della situazione di difficoltà e violenza” che “persiste” nel Paese. Il “blocco” imposto dai sauditi mette “a rischio la sopravvivenza delle persone”.  

     

    Sana’a (AsiaNews) - Nei giorni scorsi “è stato profanato il cimitero cristiano di Aden”, colpendo anche le tombe delle suore di Madre Teresa, morte nell’assalto alla loro casa dove ospitavano persone anziane. Lo racconta ad AsiaNews mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale (Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen). Il prelato aggiunge che la situazione economica, sociale e umanitaria in Yemen resta “drammatica”, con alcune realtà che si presentano “particolarmente problematiche” e con “urgenze diverse” a seconda delle aree del Paese. Per mons. Hinder, il blocco imposto dall’Arabia Saudita è uno “dei problemi maggiori”. 

    “L’attacco al cimitero cristiano di Aden - racconta mons. Hinder - è avvenuto due notti fa. Gli assalitori, la cui identità al momento resta ignota, hanno danneggiato le croci e divelto alcune tombe”. Nel contesto dell’assalto sono state profanate anche le tombe delle quattro suore di Madre Tersa uccise il 4 marzo 2016, nel contesto dell'attacco sferrato da un gruppo estremista locale.

    Solo una religiosa è riuscita a scampare all’assalto, durante il quale i terroristi hanno rapito p. Tom Uzhunnalil, salesiano indiano missionario in Yemen. Il sacerdote è rimasto a lungo nelle mani dei suoi sequestratori e solo di recente ha ritrovato la libertà, grazie anche alla fondamentale intermediazione dei vertici del Sultanato dell’Oman.

    “Non è la prima volta che accade un fatto simile - prosegue il vicario apostolico - ma il danneggiamento di un cimitero resta un fatto grave. Certo, questi episodi di violenza non toccano solo i cristiani, ma confermano la situazione di difficoltà e di violenza che persiste”. Il Paese arabo dal gennaio 2015 è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini a Iran ed Hezbollah.

    Nel marzo dello stesso anno una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime [fra i civili] che hanno provocato. Tra questi vi sono anche bambini. Fonti Onu parlano di quasi 9mila morti, di cui il 60% circa civili, e 45mila feriti. Su un totale di 28 milioni di abitanti, il conflitto ha inoltre lasciato fino a 20 milioni di persone (su un totale di 27) bisognose di assistenza e di aiuti umanitari per poter sopravvivere. Di questi, almeno sette milioni sono considerati sull’orlo della carestia, 2,3 milioni i bambini malnutriti. A questo si aggiunge la peggiore epidemia di colera al mondo che, secondo fonti della Croce rossa internazionale, ha già colpito 900mila persone.

    La situazione già di per sé critica è aggravata da un blocco imposto nelle ultime due settimane dall’Arabia Saudita e che ha di fatto bloccato l’ingresso via terra, aria e mare di cibo e aiuti umanitari. Attivisti di Medici Senza Frontiere (Msf) denunciano che la scelta di sigillare i confini da parte di Riyadh finisce per acuire le sofferenze di una popolazione già stremata. Ong internazionali e gruppi attivisti lanciano l’allarme, per un possibile “deterioramento senza precedenti” della situazione alimentare. Ad oggi l’80% delle risorse alimentari viene importato e il Paese non è in grado di sopravvivere senza gli aiuti. 

    “Uno dei problemi principali - conclude mons. Hinder - è rappresentato proprio dal blocco che impedisce l’ingresso di aiuti, siano essi cibo o medicinali. Bisogna intervenire, per fornire un’assistenza umanitaria fondamentale per la sopravvivenza della popolazione”.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/11/2017 09:04:00 YEMEN - ONU
    Riyadh allenta il blocco in Yemen, via libera al primo carico di aiuti Onu

    Una nave ha attraccato al porto di Saleef, in un’area controllata dai ribelli sciiti Houthi. Al cargo delle Nazioni Unite si è aggiunta una nave commerciale contenete 5.500 tonnellate di farina di grano. Wfp: l’allentamento del blocco “segnale positivo”. Unicef: 11 milioni di bambini in condizioni di “disperato bisogno”.

     



    09/11/2017 12:48:00 YEMEN
    Msf: il blocco saudita alle frontiere dello Yemen impedisce gli aiuti a una popolazione stremata

    In risposta al lancio di un razzo degli Houthi, la coalizione guidata da Riyadh ha fermato gli ingressi via mare, terra e aria. Disattesa la promessa di consentire il passaggio di cibo e medicinali. Per l’Onu vi è il pericolo della peggior carestia al mondo con milioni di vittime. Responsabile Msf: Fondamentale l’assistenza umanitaria. 

     



    30/11/2017 08:58:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Yemen, emergenza idrica: la Croce rossa acquista carburante per pompare acqua

    La Icrc ha comprato 750mila litri di gasolio per alimentare i generatori. Una decisione “eccezionale e insostenibile” nel lungo periodo, per rispondere a una situazione di emergenza. Nuovo appello a Riyadh perché rimuova il blocco che impedisce l’ingresso e la distribuzione di aiuti. Il Paese importa il 90% del fabbisogno.

     



    29/08/2017 10:43:00 YEMEN
    Vicario d’Arabia: in Yemen situazione 'tragica', intervenga la comunità internazionale

    Decine di Ong chiedono al Consiglio Onu per i diritti umani una indagine “indipendente” sui crimini commessi dai fronti in lotta. È la peggiore “crisi umanitaria” del pianeta. Mons. Hinder: “Assuefazione alla tragedia, mancano informazioni dall’interno e non si scorge una via di uscita all’orizzonte”. 

     



    05/10/2017 08:59:00 ONU - YEMEN - A. SAUDITA
    Onu: in Yemen i sauditi hanno ucciso centinaia di bambini, colpito scuole e ospedali

    Nel 2016 i raid hanno provocato la morte di 683 minori e in 38 occasioni hanno centrato scuole e ospedali. Nella lista delle Nazioni Unite presenti anche le forze governative yemenite e i ribelli Houthi. La coalizione araba a guida saudita nega di aver colpito “di proposito” civili o infrastrutture. La pubblicazione del documento finale prevista entro fine mese.

     





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®